Il fabbro

a cura di Toty Donno

Si racconta di un fabbro che, dopo una gioventù piena di vizi, decise di dare una svolta alla sua inutile esistenza: Dio divenne l’unico punto di riferimento della sua vita.
Durante molti anni lavorò con onesta, correttezza, praticò il bene e il senso del dovere, però, malgrado tutta questa sua dedizione, sembrava che nulla andasse bene nella sua vita, al contrario, i suoi problemi e i suoi debiti crescevano di giorno in giorno.
Una bellissima sera, un amico che era andato a trovarlo, e che provava compassione per questa sua situazione difficile, gli disse:
– “E’ realmente una cosa molto strana che, dopo aver deciso di cambiare la tua vita e diventare un uomo timorato di Dio, la tua vita abbia cominciato a peggiorare. Non voglio diminuire la tua speranza, però,  nonostante la tua fede in Dio, non hai migliorato in niente la tua vita”.
Il fabbro non rispose subito, aveva riflettuto queste cose parecchie volte, senza capire quello che stava succedendo nella sua vita, però, siccome voleva dare una risposta al suo amico, cominciò a parlare, e finì per trovare la spiegazione che cercava.
Ecco cosa disse il fabbro:
-“In questa officina io ricevo il ferro prima di essere lavorato e devo trasformarlo in spade. Sai tu come si fanno le spade? Prima si scalda il ferro ad una caloria infernale fin che non diventa di un rosso vivo, subito dopo, senza nessuna pietà, prendo la mazza più pesante che ho e comincio a martellarlo parecchie volte finché il pezzo non prende la forma desiderata subito dopo lo immergo dentro un secchio pieno di acqua fredda, e tutta l’officina si riempie di rumore e di vapore, perché il pezzo molto caldo immerso nell’acqua fredda scoppietta a causa del violento cambiamento di temperatura. E devo ripetere questa operazione parecchie volte se voglio ottenere una spada perfetta, una sola volta non è sufficiente!”
Il fabbro fece una lunga pausa e poi proseguì:
– “A volte il ferro che ho tra le mie mani non sopporta questo trattamento.  Il calore, le martellate e l’acqua fredda lo riempiono di screpolature. Ed è in questo momento che mi rendo conto che mai si trasformerà in una bella lama di spada ed è allora che lo butto in una montagna di ferri vecchi che tu vedi all’ingresso della mia officina”.
Fece un’altra pausa e il fabbro così terminò:
– “So che Dio mi sta mettendo nel fuoco della sofferenza. Accetto le martellate che la vita mi dà, e a volte mi sento tanto freddo e insensibile come l’acqua che fa soffrire l’acciaio. Però, l’unica cosa che penso è: Dio mio, non smettere, fintanto che non riesco a prendere la forma che ti aspetti da me.
Fammela prendere nella maniera che ti sembra migliore, impiegaci tutto il tempo che vuoi, però per favore, non mi buttare mai nel mucchio dei ferri vecchi che non servono a niente!”

Morale:
“Accetta quanto ti capita, sii paziente nelle vicende dolorose, perché con il fuoco si prova l’oro,
e gli uomini ben accetti nel crogiuolo del dolore.”
(Sir 2, 4-5)

Questo articolo è stato pubblicato in Le parabole e ritratti di Toty Donno, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

6 risposte a Il fabbro

  1. Toty Donno dice:

    Buon fine settimana Ezio…1000 volte grazie…buona vita.

  2. Ezio Pancrazio Vinciguerra dice:

    Carissimo Toty leggere le tue parabole è un vero piacere perché mi fanno riflettere: moltissimo.
    Un abbraccio e un buon fine settimana anche a te e ai tuoi cari

  3. Massimiliano Tirella dice:

    Grazie mille! Ti mando un abbraccio

  4. Pinuccio Pirazzoli dice:

    grazie per le parole belle

  5. Lucia Marino dice:

    GRAZIE!!!

  6. Danilo Santoro dice:

    Grazie Toty…davvero le tue parabole mi riempiono di gioia…!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *