Attualità,  Presentazione,  Sociale e Solidarietà,  Storia

1861 – 2011

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Bisogna iniziare ad investire sul serio su quei semi che veramente possono portare frutto.
I semi più importanti sono nella nostra natura umana, cioè nelle energie e nelle potenzialità uniche di ciascuna persona. Nessuna “crisi” può intaccare questi semi capaci di portare una vera rinascita. Non parlo di etica, ma molto di più: energia personale inconscia.
Dentro di noi abbiamo risorse straordinarie, il più delle volte rimangono lì perché non abbiamo l’urgenza di tirarle fuori. Spesso non ne abbiamo neanche la cognizione perché questa cultura in cui viviamo non aiuta a farle emergere. Anzi, spesso le impedisce perché le ignora.
Occorre avere una cultura che sappia vedere le persone per quello che sono veramente, e che ne sostenga lo sviluppo completo, senza più impedirlo e ridurlo. Questa cultura, oggi, esiste ed è capace di sviscerare e inchiodare al muro tutti gli impedimenti che asfissiano il nostro germoglio interiore. Sofferenza, senso di vuoto, solitudine, rabbia, delusione, timore sono tutti segnali che questo sviluppo ostacola.
Felicità, forza, creatività, sono connaturate alla nostra essenza profonda e una nuova visione dell’inconscio ne scova i blocchi e sa risolverli.
Non parlerei di questo, se non avessi sperimentato in me e in tante altre persone la portata sconvolgente di queste verità. Non è indolore partorire, non è indolore tirare fuori il meglio di noi. Occorre un superamento di sé, l’uscita da condizionamenti inconsci e presunzioni varie che riducono infinitamente la nostra vita. Ma vale più di qualunque tesoro, perché è il nostro potenziale.
Parleremo molto, cercando di essere all’altezza di tanto onore perche siamo un popolo di santi, poeti e navigatori (reali e virtuali) che mettiamo la faccia in tutte le cose che facciamo.
C’è chi crea e chi distrugge, c’è chi crede in un ideale e chi in un becero tornaconto personale, c’e chi unisce e chi fa di tutto per separare quello che “Lui” ha creato…
E tu da che parte stai?

35 commenti

  • Giuseppe Orlando

    Egregio Ezio, è verità ciò che dici,purtroppo i fattori percui un individuo non tira fuori le proprie energie e le potenzialità e quant’altro, perchè la società, non solo di oggi ma di sempre, ha spesso impedito che ciò accadesse, sempre succede che si va a toccare gli interessi di qualcuno, a 360° anche nel piccolo. si potrebbe avere un riscatto con una rivoluzione culturale generalizzata dove emergerebbe l’ascolto e l’aiuto incoraggiando i tanti a tirare fuori quanto di meglio uno ha in sè forse staremmo tutti meglio nel mondo.

  • annamariastrappazzon

    Ezio,
    che dire! le tue parole dicono la pura verità, nuda, pulita e concreta. Da un po’ ho superato molte remore morali, molti timori di giudizio, che sono quelli che tarpano molto le ali che a volte tentano di spuntare. Ho imparato a de dicarmi ancora di più a chi ha bisogno vicino a me,in modo concreto e non a parole, superando ostacoli a volte macchinosi perchè quando ti rivolgi alle istituzioni per ottenere aiuto devi mendicare, lottare combattere, anche per ottenere gratis la mensa per un bambino che so per certo bisognoso. Non parliamo poi della lotta che con un gruppo sto portando avanti con il Comune per evitare una devastazione ambientale vicino a casa mia. Nulla!!!! I soldi prevalgono sulla sicurezza. Mi prendono per i fondelli con facilità, essendo donna. Fingo di non vedere e non sentire e per il bene comune vado avanti.
    Mi vergogno di e per loro!!! Io sono sufficientemente contenta del mio agire e sostengo sempre che sono una formica, ma assieme a tante altre trasportiamo pesi enormi!!!
    Grazie

  • Peppe Cicala

    Caro Ezio, sto sempre in riserva…quella spia rossa non si spegne mai…. Se si riuscisse ad eliminare la corruzione sarebbe già un bel passo avanti, avremmo risolto almeno il 50% dei problemi, questo secondo me è il cancro sociale.

  • Franco

    Caro Ezio, l’intenzione è quella di “unire”, anche sotto l’aspetto dei Marinai d’Italia, come ti ho spiegato esco da una brutta e nel contempo esaltante esperienza di vita, e avendo ben presente le “carenze” insite nell’Associazione “Madre”, si cercherà di ovviarle. Speriamo bene!

  • PERUZZI Alfiero

    Caro Ezio,stai dicendo parole Sante,in questo mondo bisogna fare cio’ che la nostra coscienza,la nostra cultura,il nostro amor propio ci suggerisce di fare,bisogna guardare sempre avanti,avere sempre quel spirito di avventura che ci sprona a superare le difficolta’ della vita.saper cogliere i suggerimenti giusti degli amici,le cose buone che la natura sa’ darci,e sopprattuto saper conservare la nostra dignita’ di essere uomini,senza di essa saremo delle nullita’.

  • ezio

    da facebook

    Filippo Bassanelli
    02 gennaio alle ore 23.06

    Dobbiamo essere sempre più uniti che mai.

  • ezio

    da facebook

    Giusy Bonaccorso
    2 gennaio alle ore 21.56

    Grazie Ezio, è sempre bello leggerti nelle “pagine” de “La voce del marinaio”. Baci e ancora Buon 2011.

  • ezio

    da facebook

    Pasquale Biscotti
    03 gennaio alle ore 17.06

    ti ringrazio di cuore, tanta amicizia e fratellità mi rimembra che avere tanti amici vuol dire non essere mai soli nella vita… un grazie sincero

  • ezio

    da facebook

    Antonio Senese
    04 gennaio alle ore 10.15

    Ciao Ezio grazie
    …un marinaio ti ringrazia!!

  • ezio

    da facebook

    Pasquale Valente
    05 gennaio alle ore 14.51

    sei un grande amico, un marinaio per sempre!

  • Marco Mattei

    Credevo di essere povero, poi o conosciuto la Nobiltà dell’animo
    Credevo di essere solo, poi ho conosciuto la folla di persone sole intorno a me, dentro me.
    Credevo di essere debole, poi ho sentito la forza di chi non crede più e per essi combatto.
    Ogni passo lo faccio a testa alta, non mi importa di cadere, mi rialzo e vado avanti, mi guardo indietro mi scrollo la polvere di dosso e continuo. Dove vado? Non mi interessa ma voglio essere da guida per chi strada non l’ha più. Pronto a sostenere chi il passo sicuro non ha.
    Strada in salita, ma quanto vale il piacere di averla percorsa. Le strade facili non portano a nulla
    Mi sento Vivo in un mondo di morti viventi, ’egoismo il vuoto. Mai più dubbi mai più tentazioni. Mi avete smembrato ma sono ancora qui più forte di prima. Forza c’è ancora tanta strada da fare.
    Vieni, andiamo.

    Caro Ezio, non posso che essere d’accordo con te, c’è tanta strada da fare ancora…vieni andiamo!

  • ezio

    da facebook

    Massimiliano Toschi
    06 gennaio alle ore 12.03

    Grazie per le belle parole che fanno sempre bene.
    E ti auguro anche a te tanta salute e serenità.

  • ezio

    da facebook

    Alfredito Navarro
    05 gennaio alle ore 21.15

    Grazie per le tue versi… sono molto bello. Grazie du cuore

  • ezio

    da facebook

    Cristiana Bartolomei
    07 gennaio alle ore 0.04

    Grazie. Molto bello quello che hai scritto

  • Lilly Arezzo della Targia

    ma xchè non scrivi un libro con tutti i tuoi post?????????
    non c’è uno che non sia MERAVIGLIOSO

  • Merli Tiziana

    sono meravigliose………….ma del resto da una persona meravigliosa come te non si poteva avere altro che questo splendore

  • ANMI SALVE

    Davvero delle belle,uniche e stupende, parole complimenti.
    Associazione Marinai d’italia Sezione Di Salve

  • Pasquale Biancospino

    Ezio, quell’onda così imponente non immagini quanto lirismo poetico esprima a uno come me che del mare, oltre ad esserne da sempre innamorato, ne ha sempre fatto motivo nei propri dipinti. Non solo, amo la natura più di me stesso e soffro immensamente osservare, tutti i giorni, pezzi di merda che buttano per strada i propri rifiuti. Per non parlare poi dei pescatori della domenica (sia dallo scoglio che in barca) o di quelli professionisti i quali, tra buste di plastica, copertoni etc…etc…danno la dimensione di cosa siano plasmati questi individui:
    …di MERDA !!!
    Per continuare, un altro tipo di inquinamento:.. tutte le case, gli “stabilimenti balneari” (specie quelle/i abusive/i che noi non abbiamo certo autorizzato ma che invece si è arrogata la competenza di vendere il nostro territorio qualche coglione di Sindaco e/o di Presidente di Regione) aspetta giustizia dalle onde che come uno tzunami farà pizza pulita su tutta la costa italiana!

  • luisa e lillo

    Caro Ezio, mi rivedo molto nel commento di Marco Mattei, le sue parole rispecchiano il mio cammino…aver conosciuto te e molti altri cari amici mi fa sentire più forte e nonostante le continue cadute…sono ancora in piedi. GRAZIE EZIO.
    P.S.da che parte sto….? Dalla parte di chi unisce e fa di tutto per non separare:)

  • Claudia Saraceno

    Grazie Ezio….le tue parole…sono un caloroso tesoro…..
    mi regali un sorriso….e plachi per un attimo il mio inquieto animo!
    Grazie ancora
    Claudia

  • Archini Leonardo

    Grazie mille, anche se nel mio futuro non vedo altro che nebbia, data la tragicomica situazione sociale, politica ed economica. Come al solito auguro tanto bene anche a te e spero di rivederti presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *