Il viaggio volge al termine

di Paolo Iorio (*)


Sereni pensieri di fine viaggio aleggiano nella mia testa.
Sono leggeri, sorridenti e portatori di quiete dopo tanta prigionia.
Sono in auto nel viaggio della mia vita e, nello scorrere della strada, mi ritrovo in una galleria che, giorno dopo giorno, diventa sempre più buia. svanita è la speranza di vedere una luce che mi indichi l’uscita.
Ma sono sereno ed il dualismo che è in me mi comunica che è il pensiero giusto.
Gioia e dolore, forza e debolezza, vita e morte. Non ho rimpianti.
La stanchezza del viaggio incombe e non riesco più a sopportare la ferita che ho nel cuore.
Il mio tempo volge al termine dopo che è svanito l’ entusiasmo per dare in un mondo che non guarda più con gli occhi del cuore.
Nessun processo, nessuna presunzione, nessuna accusa. Viaggio in una corsia che verrà chiusa perché non utilizzata.
Chiudo gli occhi nella notte e vedo una tela bianca dove, ormai, troppa pioggia nera è caduta e sento voci di bimbi giocare allegramente in un prato.
In questa seconda parte del viaggio la compagnia costante,di notte e di giorno, dei miei dolori fisici..ha reso il viaggio particolarmente pesante.
Adesso sono serenamente consapevole che il mio compito volge al termine. Per come è la mia anima, sarò,comunque, sempre presente e continuerò a seguirvi da lassù con lo stesso amore e passione poco note a molte persone e di cui siete stati, in molti casi, destinatari inconsapevoli.

(*)http://www.paoloiorio.com/

Questo articolo è stato pubblicato in Racconti, Sociale e Solidarietà. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *