Attualità,  Marinai,  Sociale e Solidarietà

Simone Neri e l’occasione mancata

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra


Su Facebook e su altre web community sono nati gruppi che lanciavano l’idea di commemorare, con celebrazioni o intitolando vie e piazze, Pasquale Neri detto “Simone”, tragicamente perito la notte dell’1 ottobre dello scorso anno nell’alluvione che ha colpito il Comune di Giampilieri ed altre zone limitrofe.
Gli abitanti di Barcellona Pozzo di Gotto ed  il suo sindaco, Candeloro Nania, hanno raccolto l’idea degli internauti ed hanno deciso di intitolare al marinaio Pasquale “Simone” Neri il lungomare di Spinesante.
Nel comunicato stampa del Comune si legge che con questa iniziativa “la comunità barcellonese prova a rivolgere un grazie a Simone per non dimenticare mai e perché la Sicilia, attraverso questi uomini, dimostra di avere radici solide costituite da chi crede nei valori di solidarietà e di impegno, da chi si prende cura, con passione, degli altri”.
La manifestazione solenne, che si è svolta il 10 giugno, è iniziata con la cerimonia di intitolazione e la benedizione della stele dedicata a Simone che reca simbolicamente l’ultima frase che disse al telefono alla fidanzata prima di morire: “C’è un bambino che piange, vado a salvarlo”.
Il lungomare è ben visibile e centrale, da poco ristrutturato e ancora da ultimare, permetterà di ricordare anche a tutti quei turisti  e viandanti che qui vengono in estate, di commemorare l’eroico gesto di un marinaio, non ancora trentenne, che ha donato la sua vita per salvare quella di tante altre.
Alla cerimonia erano presenti anche il sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca, l’ammiraglio della Marina Militare, Andrea Toscano, il Prefetto di Messina, Francesco Alecci, il Presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, il Procuratore Generale, Franco Cassata, le autorità civili, militari e religiose, i familiari di Simone e un centinaio di cittadini.
Il Prefetto ha anche ricordato con grande emozione il giorno in cui al Quirinale presenziò alla consegna, da parte del presidente della Repubblica Napolitano, della medaglia d’oro al valore civile ai familiari. Alla manifestazione hanno partecipato anche i bambini del Consiglio Comunale Baby di Barcellona che hanno cantato l’Inno Nazionale. Dopo la scopertura della targa “Piazza delle Ancore”, la cerimonia si è trasferita a Calderà e si è conclusa con un’altra esibizione della Fanfara.
L’unica assenza da rilevare è stata la mancata consegna della Medaglia d’Oro al Merito di Marina il cui decreto di approvazione giace ancora in qualche cassetto di una qualunque scrivania di un anonimo burocrate ministeriale.
Ogni tragedia ha il suo eroe e ogni eroe le sue celebrazioni ma forse non per qualcuno che non era in servizio.

17 commenti

  • ezio

    Giusy Bonaccorso
    (12 giugno alle ore 8.59 da facebook)

    La solita burocrazia! 🙁
    Spero non si tratti di menefreghismo però 🙁

  • ezio

    Giuseppe Orlando (da facebook)

    Onore a te SIMONE, la Tua Orma sulla terra , rimarrà impressa per sempre e ricorderanno UN EROE:Ciao SIMONE

  • lino gambino

    insistiamo……. la burocrazia è “una brutta bestia” se poi è in mano a qualcuno insensibile del valore che questa medaglia rappresenta……. CONTINUIAMO a chiederla…… mercoledì scorso sono stato a una celebrazione di un monumento a tre martiri Carabinieri, la pratica per la posizione del muonumento era iniziata nel 1961…… ah, la BUROCRAZIA…. ONORE a SIMONE……..

  • Rossana Tirincanti

    ….è una grande vergogna ….perchè Simone , prima di ogni altro riconoscimento avrebbe dovuto ricevere la medaglia d’oro della Marina Militare Italiana !
    Bisognerà fare qualcosa per far si che questo decreto esca dal dimenticatoio …..un ‘eroe come Simone non lo merita !!

  • Giuseppe Messina

    Caro Ezio, è stata una manifestazione proprio interessante quella in cui è stato dedicato il Lungomare Spinesante di Barcellona Pozzo di Gotto a Pasquale Simone Neri, ed io non potevo mancare, anche per una questione d’orgoglio. Sì, mi ha fatto tanto piacere constatare, proprio io che sono stato il primo in assoluto a chiedere la medaglia d’oro al valore civile per Simone, che la mia stessa città sia stata la prima a dedicare qualcosa a questo eroe del nostro tempo il cui ricordo sicuramente vivrà sempre nelle persone sensibili amanti della vita in tutti i sensi. No, non potevo mancare, anche se sto attraversando un grave momento che mi tiene lontano da impegni pubblici dovuto al fatto che vedo pochissimo e male: Un momento che voglio credere si concluda nel migliore dei modi per non sentirmi perso e inutile. Un fraterno abbraccio.

  • giuseppe

    Dove si è “incagliata” la pratica per il riconoscimento della M.O. al Valor di Marina ? Eppure siamo ad un anno e mezzo dal tragico evento.
    Mentre gli Enti locali stanno provvedendo a dedicare un lembo di territorio a Simone, altrove nicchiano …
    voglio sperare che sia solo “burocrazia”. Davanti ad un episodio di slancio altruistico a cui s’aggiunge lo sprezzo del pericolo e la perdita della vita per l’atto compiuto non ci devono essere, credo, ripensamento o tentennamenti. Il riconoscimento va fatto “sul campo”.

  • ezio

    Maria Luisa Cataldo
    (da facebook 12 giugno alle ore 10.09)

    Sono veramente contenta che a Simone sia stato intitolato un tratto di lungo mare a ricordo del suo grandioso slancio di generosità.

  • Francesco

    Come al solito…….!!
    Non ci dobbiamo meravigliare di nulla…….basta vedere le onorificienze (cavaliere…specialmente) come le concedono e a chi…..!!! Fanno decreti in men che non si dica…..!!

  • Gianluca.

    Certamente trovare gente comune come te Vincenzo , che si adopera affinchè uomini coraggiosi come Simone non siano dimenticati nel nulla, come purtroppo accade in questo mondo, ci si dimentica troppo presto dei sacrifici fatti giornalmente dai militari italiani , in tutti i contesti, ma grazie al tuo contributo, dai una forma di respiro a tutti noi, facendo credere che ancora ce qualcuno che pensa a tutti noi. grazie mille . ti abbraccio Gianluca.

  • Luigi

    Anche questa… anche se non ci piace… è ITALIA… continuiamo la battaglia per cambiarla…

  • luisa

    Simone ha diritto e l’onore di ricevere la medaglia d’oro , il suo sacrificio e altruismo , meriterebbe ben altro .
    mi associo a voi tutti e insisto nel pretendere per questo grande eroe …la medaglia d’oro .
    Un saluto affettuoso alla famiglia di Simone ,
    Luisa & Lillo

  • Pippo

    ……E’ solamente vergognoso, a distanza di tanto tempo; la mancata assegnazione della M. O. al Valore di Marina a questo Grande Eroe dei tempi nostri. Qual migliore occasione poteva essere se non quella della Festa Della Marina, qunado si ricorda un altro Grande Eroe messinese: Luigi Rizzo.

    Caro Simone, tu la M.O. al Valore di Marina; l’hai gia’ ricevuta da parte di tutti noi Marinai d’Italia in congedo ed in servizio con la seguente motivazione:

    RICORDANDO SIMONE..

    Qual più grande sacrificio, si possa fare;
    se non la propria vita per l’altrui dare?
    Sacrificio supremo, in terra oppure in mare;
    gesto nobile e bello, generato dal saper amare!

    Alla propria salvezza, sul tetto di casa sua rinunziò
    e senza pensar due volte, nel fango si buttò;
    cercò, trovò e per ben otto volte l’altrui vita egli salvò
    udito il pianto di un bambino, il fango lo richiamò.

    Quel pianto di bimbo voleva trovare e placare,
    per l’ennesima volta, Simone si mise a cercare;
    brancolando nel buio e nel fango quella sera,
    Simone, non trovò il bimbo e ne lui poté tornare.

    Trent’anni non compiuti, una vita da esplorare;
    una donna che lo amava, or è sola a ricordare.
    La famiglia tutta affranta, sol possiamo consolare,
    e le gesta di Simone ai posteri ricordare!

    ….e per di piu’ sei anche stato promosso al grado superiore, “Ad Memoriam”. Riposa in pace!

  • Lina Petrini

    Simone, prima o poi riceverà quella medaglia e spero che, nel corso degli anni, il suo nome sia scritto su altri lungomari, piazze, vie e vicoli in Italia e all’estero ma…la cosa più importante è che non venga dimenticato dai nostri cuori e non venga cancellato dai nostri ricordi.

    Un saluto ad Ezio.

  • ezio

    Giorgio Cuccu

    (da facebook 15 giugno alle ore 10.13)
    Grazie Ezio, parole belle, toccanti e dette da un amico fanno sempre piacere al cuore. Grazie

  • ezio

    Gabriele Giorni

    (da facebook 17 giugno alle ore 13.33)

    Grazie………. speciale sei tu che tanto fai per la nostra Marina.
    Un abbraccio

  • ezio

    Andrea Andreaus

    (da facebook 17 giugno alle ore 22.59)

    Grazie di cuore Ezio. Le tue parole sono sempre poesia!
    Un abbraccio.
    Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *