9.1.1878 – 9.1.2018, i due Marò plebei e il re galantuomo

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra




Ai marinai di buona volontà che ancora si ostinano a credere al giuramento di Patria e Onore.



Il 9 gennaio 1878, muore a Roma “Il Re Galantuomo” Vittorio Emanuele II, ultimo Re di Sardegna e primo Re d’Italia. Come tutti i reali di una volta aveva conoscenza dell’importanza delle economie geo-strategiche che si sviluppano dal mare e non ci risulta che scambiasse o barattasse i suoi sudditi nei traffici commerciali. Fu protagonista di quel Risorgimento italiano che oggi è lontanissimo anche per l’attuale nostra marineria (militare e civile) fatta eccezione per la cantieristica di alto bordo, di lusso.

vittorio-emanuele-ii-il-re-galantuomo-foto-internet-www-lavocedelmarinaio-com

Nel giorno del suo funerale si racconta che gli ufficiali del Regno apposero un velo nero ai fiocchi della sciarpa, un velo vermiglio ai fiocchi del cappello più un velo nero annodato al braccio sinistro. Oggi invece marinai di una volta, per lo più in pensione, appongono un fiocco giallo per rispetto di Patria e Onore nei confronti di due marinai plebei, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre.
In onore al primo Re d’Italia venne realizzato a Roma il “Vittoriano” dove, tanto tempo dopo, i marinai di una volta e di buona volontà oggi “manifestano per la liberazione dei due marinai plebei” (ci avete ridotto a questo, maledetti!). Per il completamento dell’altare della Patria occorsero 50 anni: dal 1885 al 1935, per la liberazione dei due marinai plebei siamo giunti a metà navigazione, lontani in tempo di pace e, in tempo di crisi…di idee, le vostre, che rimandante ogni decisione.

liberta-verita-e-giustizia-per-massimiliano-latorre-e-salvatore-girone-www-lavocedelmarinaio-com

Due Marinai Coraggiosi
di Gaeno Augeri

…Riceviamo e pubblichiamo da un non marinaio!

Marinai, marinaio si nasce, devi amare la natura il contatto del mare.
Una passione unica, se poi da grande pensi di servire lo Stato sentendoti gratificato per quello che gli istruttori ti insegnano e ti preparano a tutte le insidie che possono accadere durante le esercitazioni e missioni che ti vedranno in prima linea, per difendere gli ideali e la gloria della tua Patria!
Già la tua Patria, quella che ti tradisce e ti volta le spalle, quell’Italia in quanto Governanti e non Italiani, coloro i quali non capaci di difenderti da una missione di pace e per difendere dalla incolumità di predatori del mare in campo Internazionale!
Certo non entro nel merito di incidente, errore o qualsiasi cosa sia accaduto nell’essere stati coinvolti nella sparatoria in cui sono morti due marinai Indiani!
L’unica certezza è che non si è svolto il processo, con lo Stato Italiano/Indiano/arbitrato ecc. ecc. e che i Governanti non sono stati capaci a garantire il vostro operato in campo Internazionale mandandovi allo sbaraglio!
Noi continueremo ad indignarci a parlare dei due nostri marinai, c’è rimasta solo l’indignazione e la vergogna di non essere rappresentati!
Esprimo la mia Solidarietà, la sola parola che trovano gli Italiani delusi!

maro-liberi-copia-www-lavocvedelmarinaio-com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia, Un mare di amici. Permalink.

11 risposte a 9.1.1878 – 9.1.2018, i due Marò plebei e il re galantuomo

  1. Augusta-Framcamo dice:

    9.1.1878 – 9.1.2018, i due Marò plebei e il re galantuomo.
    Ai marinai di buona volontà che ancora si ostinano a credere al giuramento di Patria e Onore

  2. Sergio Biffi dice:

    condivido al 100%

  3. Renato Simonetta dice:

    condiviso

  4. Marinaio di Lago dice:

    Nessuno indietro

  5. GIUSEPPE PISASALE dice:

    IERI OGGI DOMANI
    PRESENTE

  6. Bruno Caleffi dice:

    Ciao Ezio, si una storia tutta Italiana. Sera a te.

  7. Cosimo La Grotta dice:

    condivido

  8. Giuseppe Esposito dice:

    Caro Ezio, lungi da me voler far da giudice. Sai, avrai capito che a me piace la storia. A proposito di questa, che viene sempre scritta dai vincitori (Dio quant’è vero), mi ritrovai a leggere questa curiosa pillola.
    Grazie a te per donarmi la tua preziosa amicizia.

  9. Giuseppe Esposito dice:

    ciao Ezio, smaltiti i grassi natalizi?. Volevo fare un piccolo mio modesto circa il Re Galantuomo. Penso sia esagerato l’accostamento con i due colleghi. Pensavo che se era tanto Galantuomo si comportava in modo diverso nei riguardi del Regno di Napoli e del Meridione in genere. Eheheheheh Auguri di buone fatte feste.

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buogiorno stimatissimo Giuseppe non è riferito proprio ai due colleghi ma ai colleghi odierni:
    In neretto, parte dell’articolo a cui si fa riferimento e che riporto di seguito:
    Nel giorno del suo funerale si racconta che gli ufficiali del Regno apposero un velo nero ai fiocchi della sciarpa, un velo vermiglio ai fiocchi del cappello più un velo nero annodato al braccio sinistro. Oggi invece marinai di una volta, per lo più in pensione, appongono un fiocco giallo per rispetto di Patria e Onore nei confronti di due marinai plebei, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre.

    Un abbraccio grande come il mare e grande anche come il nostro cuore di marinai per sempre.

  11. Giuseppe Esposito dice:

    Sempre Onore ai due giovani colleghi. Che nessuno mai più debba essere (mal)trattato come lo sono stati loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *