7.1.1941, affonda il regio sommergibile Nani

di Claudio53



banca-della-memoria-www-lavocedelmarinaio-com

Nell’Albo d’Oro della Marina Militare risultano i seguenti dati relativi al marò motorista Carlo Cappiello: nato a Piana di Sorrento il 20 giugno 1919 morto in Oceano Atlantico il 20.1.1941 – disperso. Per quanto affermato ufficialmente dagli inglesi al termine della guerra, la morte si deve anticipare al 7 gennaio 1941 come si evince dalla storia del Sommergibile riportata di seguito.

carlo-cappiello-motorista-f-p-g-c-giuseppe-carotenuto-www-lavocedelmarinaio-com

Regio sommergibile Nani (classe Marcello)
Il battello è stato impostato il 15/1/1937 nei Cantieri C.R.D.A. di Monfalcone, varato il 16/1/1938 e consegnato il 5/9/1938.
Allo scoppio della Guerra il 10/6/1940 è dislocato a Napoli.
In guerra ha effettuato 6 uscite operative:
– 3 offensive e/o sorveglianza in Mediterraneo;
– 3 offensive in Atlantico.

Viene impiegato dal 10 al 13/6/1940 in agguato al largo di Capo Bengut (Algeria), dal 24 al 30/6/1940 in agguato al largo di Port Mahon e dal 15 al 22/7/1940 in Pattuglia al largo di Gibilterra.
Il 29/9/1940 parte da Napoli dopo circa 2 mesi di lavori per adeguarlo ad operare in Atlantico e raggiungere la sua nuova destinazione a Betasom (Bordeaux).
Il 4 ottobre attraversò lo Stretto di Gibilterra in immersione. Il 5/10/1940, durante il trasferimento, affonda al largo di Capo Spartel (situato a 14 km a ovest di Tangeri – Marocco) il piroscafo inglese “Kingston Shappire” (356 tons), l’unità colpita da 2 siluri affondò rapidamente.
Dall’11 al 27 ottobre, il battello sostò in agguato nella zona a nord di Berdeaux ed il 27 avvistò il piroscafo svedese Maggie di 1583 tons isolato e senza bandiera e l’affondò con il cannone.
Il 4/11/1940 entra con onore a Bordeaux.
Riprende il mare il 13/12/1940, ma il 17 rientra per sbarcare l’Ufficiale in seconda ed un cannoniere rimasti gravemente feriti a seguito di una violenta ondata che aveva investito il battello. Nella notte fra il 16 e il 17, mentre è alla fonda a Pauillac (Gironde) e nella notte fra il 17 ed il 18, nel corso di un allarme aereo, abbatté un velivolo Gironda in attesa di entrare a Bordeaux, abbatte con le armi di bordo un aereo nemico.
Riparte da Bordeaux il 20/12/1940 per una missione di agguato a ponente dell’Irlanda. Il suo rientro era previsto fra il 20/2/1941.
Non rientra, e l’ultima comunicazione con la base è avvenuta il 3/1/1941.

regio-sommergibile-nani-f-p-g-c-giuseppe-carotenuto

Nel dopoguerra, da fonte ufficiale britannica risulta che l’unità venne affondata il 7 gennaio 1941 dalla corvetta HMS Anemone Comandata dal Lt. Cdr. Humphry Gilbert Boys Smith, a sud est dell’Islanda in posizione 60°15’ Nord – 015°27’ Ovest (Atlantico), posizione molto più a nord della posizione che gli era stata assegnata, si presume che il battello era all’inseguimento di qualche convoglio.
Nessun superstite.


corvetta-hms-anemone-foto-internet

Comandante: C.C. Gioacchino Polizzi

C.te in 2^: T.V. Ernesto Porzio

Direttore di macchina: T.G.N. Riccardo Petralli;

Altri Ufficiali: S.T.V. Giuseppe Gualco; S.T.V. Paolo Emilio Marinelli; T.G.N. Mario Cattaruzza; S.T.G.N. Giuseppe Tuccari.

Marescialli: C°2^cl. Antonio Pedroni; C°^3c1. Federico Antonucci; C°3^cl. Antonio Di Meo.
2°Capi: Gino Agnelli – Ugo Alvisi – Montroso Faggioni – Gennaro Gagliano – Giuseppe Lavatelli – Francesco Mattiuzzi – Omero Ricchi – Fortunato Stefanoni

Sergenti: Ciro Berton – Vincenzo Palmieri – Vittorio Pappalardo – Mario Saladini

Sottocapi: Arturo Barbieri – Silvio Bertelli(*) – Mario De Angelis – Giovanni Mirano – Luigi Monticone – Giovanni Nicoletti – Mario Raimoldi – Salvatore Zerrillo

Comuni: Giuseppe Ambrosino – Antonio Battaglia – Aldo Borgognoni – Filippo Calogero – Carlo Cappiello – Ernesto Cassinari – Ornelio Cornacchini – Orlando Crispino – Pietro Dal Pezzo – Ubaldo De Luca – Salvatore De Simone – Pasquale De Vita – Giuseppe Deserio – Vincenzo Diminico – Giovanni Laureato – Paolo Manuguerra – Valentino Marigliani – Vito May – Renato Pagani – Giovanni Palmisano – Nicolò Principato – Basilio Romano – Luigi Vatellini – Ugo Vergottini – Gianbattista Virgilio.


(*) Sottocapo Segnalatore SILVIO BERTELLI di Enrico, disperso nell’affondamento del Regio Sommergibile “Nani”.
Oceano Atlantico (a circa 330 miglia a SE dell’Islanda), 07 gennaio 1941. Era nato a Gaeta il 14/07/1917.
(foto p.g.c. della Famiglia)

Caratteristiche tecniche

Dislocamento: Superficie 1059,091 t. – Immerso 1312,921 t.
Dimensioni: Lunghezza 73 m.; Larghezza max 7,2 m.; Imm. Media in carico dosato 5,09 m.
Apparato motore: 2 motori diesel C.R.D.A.; 2 motori elettrici di propulsione C.R.D.A.; 1 batteria di accumulatori al piombo di 132 elementi.
Potenza complessiva: Motori a scoppio 3200 hp.; Motori elettrici 1100 hp..
Velocità: Superficie 17 knt; Immerso 8 knt.
Autonomia in superficie: 2825 nm. a 17 knt; 9760 nm. a 8 knt.
Autonomia in immersione: 8 nm. a 8 knt; 110 nm a 3 knt.
Combustibile: 63,135 m3 carico normale; 107,035 m3 sovraccarico.
Armamento: 4 tubi lanciasiluri AV da 533 mm.; 4 tubi lanciasiluri AD da 533 mm.; 2 cannoni da 100/47 mm.; 2 mitragliere binate da 13,2 mm.; 12 siluri da 533 mm. (6 a poppa e 6 a prora); 300 proiettili per i cannoni; 3000 colpi per le mitragliere.
Equipaggio: 7 ufficiali, 50 tra sottufficiali e truppa.
Profondità di collaudo: 100 m.
Coefficiente di sicurezza relativo alla sollecitazione massima alla profondità di collaudo riferito al limite di elasticità del materiale: 3.

regio-sommergibile-nani-foto-internet

Bibliografia
– La Marina Italiana nella seconda guerra mondiale Navi perdute Tomo I – Navi Militari;
– Siamo fieri di voi di Corrado Capone;
– Albo d’Oro della Marina Militare;
http://www.xmasgrupsom.com/public/index.php?showtopic=2706

http://www.regiamarina.net/detail_image_with_list.asp?nid=215&lid=2
http://fotoalbum.virgilio.it/alice/senettal/marcelloclas/nani-1.html
http://www.uboat.net/allies/warships/ship/4806.html

Le immagini sopra riportate potrebbero essere soggette a Copyright

Questo articolo è dedicato al Marò motorista Carlo Cappiello e ai ragazzi del regio sommergibile Nani che non fecero ritorno all’ormeggio.
Nell’Albo d’Oro della Marina Militare risultano i seguenti dati relativi al marò motorista Carlo Cappiello: nato a Piana di Sorrento il 20 giugno 1919 morto in Oceano Atlantico il 20.1.1941 – disperso. Per quanto affermato ufficialmente dagli inglesi al termine della guerra, la morte si deve anticipare al 7 gennaio 1941 come si evince dalla storia del sommergibile sopra narrata.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

16 risposte a 7.1.1941, affonda il regio sommergibile Nani

  1. Renato Simonetta dice:

    riposate in pace

  2. Gianluca Orlando dice:

    r.i.p

  3. Raimondo Restivo dice:

    R.I.P.

  4. Giancarlo Leandri dice:

    Riposate fratelli.

  5. Bruno Capogrosso dice:

    Rip

  6. Civetta Valerio dice:

    R.I.P.

  7. Bruno Henning dice:

    che il mare vi culliu x sempre e che da lassu’ guRDATE QUESATO MOINDO HE CONTINUA A SOFRFRIRE

  8. Raffaele Napolitana dice:

    RR.II.PP.Ovunque Voi siate.

  9. Francesco Ruggieri dice:

    Onore R I P

  10. Michele Di Liberto dice:

    R.I.P.

  11. Swergio Biffi dice:

    R.I.P

  12. Luigi Maresca dice:

    Abbiamo perso delle corvette per lavoro eseguiti male. R.i.p.

  13. Angelo Zaccagno dice:

    riposino in pace

  14. GIUSEPPE ESPOSITO dice:

    R.I.P. ONORI A LORO

  15. SALVATORE PERES dice:

    MIO PADRE FU L’UNICO AD USCIRE VIVO DA 15 ANNI DA SOMMERGIBILISTA (CAPO SIL. DI 3A CLASSE) DEL SUO CORSO DI 1300 ALLIEVI! E’ STATO DATO PER DISPERSO BEN 2 VOLTE. ONORE A TUTTI I CADUTI IN MARE !

  16. Sergio Biffi dice:

    R.I.P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *