Quelle sentenze “del coccodrillo” che condanno la speranza dei servitori dello Stato

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

…e dei familiari, dei Fratelli Marinai che sono morti di asbestosi e mesotelioma pleurico, e anche delle vittime  dell’uranio impoverito che combattono l’impari lotta con la malattia.

Ezio Pancrazio Vinciguerra (www.lavocedelmarinaio.com)Carissimi Frà, carissime vittime morte a causa delle fibre d’amianto, dell’uranio impoverito, o che quotidianamente combattete per sconfiggere queste malattie,
Vi chiediamo perdono per coloro che ci hanno fatto toccare la merda con mano, la stessa che era giunta vicino al naso emanando nauseabondi miasmi e malattie.
Questi illuminati di niente sono in via di estinzione semplicemente perché non credono in quello che fanno, nella buona e nella cattiva sorte. Non ascoltano le persone, non sanno cosa siano i sentimenti, si auto assolvono con cavilli burocratici rimpallandosi le colpe.
Il fatto cade in prescrizione e nessuno dei politici si domanda se in un omicidio o meglio in un eccidio non sia da rivedere il termine prescrizione.
La Magistratura, come Ponzio Pilato, se ne lava le mani perché sostiene giuridicamente ineccepibile queste sentenze “del coccodrillo” per mancanza di leggi adeguate e commisurate sulla cosiddetta prescrizione dei reati.
Non voglio generalizzare perché so che nei Poteri dello Stato ci sono “martiri” in cammino, ci sono delle eccellenze ma sono state surclassate, purtroppo, da beceri individui che non sanno il male che hanno fatto  glissando sul peggiore dei peccati dell’uomo: l’omicidio!
Nel mio paese, l’Italia, si annidano “serpi” che porteranno presto alle barricate della gente onesta.
amianto-sulle-naviE’ così avverrà ben presto se non cambiamo rotta perché nessuno di noi verrà risparmiato.
Il povero di “Spirito” sa edificare la povertà mentre non c’è peggio, in questo mondo, di un povero cretino che non sa ascoltare e perdonare.
Prevedo inondazioni a meno che non rinunciamo ad ogni forma di violenza, anche verbale, anche nei rapporti quotidiani con i nostri simili per ri-ri-ricostruire nel mondo la pace.
Agli argini di questa quotidiana “Via Crucis” ci si siamo noi, coloro che cerchiamo di non far procurare mai sofferenza ad alcuno, né con le parole, né con le azioni, né con l’esempio perché siamo ispirati dalla vicinanza silenziosa e solidale a ogni dolore e alla denuncia di ogni ingiustizia, come Lui ci ha insegnato, dandoci la Luce e non le tenebre e la Vita Eterna e non la morte ed il fuoco della Geenna.
Le continue vessazioni che riceviamo non fanno altro che accrescere la mia e la nostra fede di “Speranza” perché la speranza è quella virtù che non si vede ma si desidera ed è quindi ottimismo e solidarietà allo stato puro.


Diceva San Paolo:
Quando voglio fare il bene, il male è accanto a me, io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio. Ora se quello che non voglio, non sono più io a farlo ma il peccato che abita in me, chi mi libererà da questo corpo di morte?
Acconsento la legge di Dio ma nelle mie membra vedo un’altra legge che combatte contro la legge della mia ragione e mi rende schiavo della legge del peccato, che è nelle mie membra
“.
In buona sostanza Paolo dice che siamo infelici ma è anche una supplica ad essere liberati da questo fardello che è il Peccato.

Preghiera per le Vittime dell’amianto
(da internet)

O Dio nostro Padre, Signore amante della vita.
che riponi la tua gloria nell’uomo vivente,
che hai impresso la tua immagine nel volto di ogni uomo;
Ti preghiamo affinché la vita, ogni vita umana
senza distinzione alcuna sia sempre amata e rispettata
come il bene più grande da proteggere e da difendere.
O Dio nostro Padre, Signore amante della vita
che hai creato l’universo come un giardino, un vero paradiso
nel quale l’uomo potesse realizzare la sua vita e il suo futuro,
Ti preghiamo affinché nessuna scelta tecnica o scientifica,
e ancor più nessun calcolo di interesse o di guadagno
possa mai prevalere sul rispetto della vita umana, di ogni vita!
O Dio nostro Padre, Signore amante della vita,
che hai dato all’uomo l’intelligenza perché ogni scoperta
possa migliorare la sua condizione di vita sulla terra,
Ti preghiamo, fa che nessun uomo mai più utilizzi materiali
inquinanti e nocivi come l’amianto e che prima di tutto
ricerchi il suo vero bene, la salute, la giustizia e la pace.
O Dio nostro Padre, Signore amante della vita,
che hai promesso a tutti la vita e la felicità eterna,
Ti preghiamo per le tante vittime dell’amianto:
concedi loro, che almeno nell’altra vita possano godere di quella felicità di cui sono stati ingiustamente privati su questa terra; e per i loro familiari, perché siano riconosciuti i loro giusti diritti.
AMEN.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Un mare di amici. Permalink.

42 risposte a Quelle sentenze “del coccodrillo” che condanno la speranza dei servitori dello Stato

  1. Renato Simonetta dice:

    condivido

  2. Francesco Giliberto dice:

    condivido

  3. Augusta-Framacamo dice:

    Agli argini di questa quotidiana “Via Crucis” ci si siamo noi, coloro che cerchiamo di non far procurare mai sofferenza ad alcuno, né con le parole, né con le azioni, né con l’esempio perché siamo ispirati dalla vicinanza silenziosa e solidale a ogni dolore e alla denuncia di ogni ingiustizia…

  4. Sebastiano Parisi dice:

    Caro Ezio sono perfettamente d’accordo con te, tantissima responsabilità ce l’hanno i nostri capi passati e presenti, e tanta colpa ce l’abbiamo anche noi che continuiamo a incensarli soprattutto nelle manifestazioni in cui non si è obbligati a parteciparvi vedi manifestazioni anmi! Un pensiero profondo a quanti colleghi hanno pagato il prezzo più alto al servizio della Patria! Ciao!

  5. Peppino Campisi dice:

    Grazie Ezio.

  6. Gerardo Pietro Marinageli dice:

    condvido

  7. Mario Coccia dice:

    le solite ingiustizie

  8. Gianluca Terlle dice:

    Grazie infinite del pensiero.

  9. Carlo Mignogna dice:

    Grazie Ezio sempre gentilissimo marinaio una volta marinaio x sempre

  10. Salvatore Barbato dice:

    …grazie a te Ezio carissimo, le tue belle prole hanno colpito, e commosso ti ringrazio ancora con un caloroso abbraccio….ciao Ezio.

  11. Luigi Liguori dice:

    GRAZIE EZIO ciao-

  12. Antonio Cavestro dice:

    Buogiorno carissimo Ezio,
    ti ringrazio vivamente del bel messaggio dell’affetto che ci dimostri. L’affetto e la stima sono reciproci. Un grande abbracio mio amico marinario. Veri cari saluti. Antonio

  13. Michele Ottolino dice:

    Tutto ok Ezio

  14. Girolamo Trombetta dice:

    Grazie a te buona giornata

  15. Maria Marea dice:

    bellissima la tua sensibilità..

  16. Francesco Leggieri Press dice:

    Grazieeee!

  17. Marinaio Leccese dice:

    Lo so, lo so caro Pacrazio dovevo esserci ma altri impegni non mi permettono di esserci

  18. Russo Raffaele dice:

    grazie mille Ezio sempre un amico speciale

  19. Giovanni Presutti dice:

    Grazie Ezio, contraccambio il buon weekend. dalla mole dei tuoi eccellenti interventi sulla “Voce del Marinaio”, penso che buona parte di questi due giorni la dedicherai al lavoro del tuo blog. Meriti la massima stima e l’elogio di tutti noi fratelli del solino blu, in servizio o in pensione. Un abbraccio grande come il mare che è sempre presente nei tuoi pensieri. Buona domenica!

  20. Raffaele Napolitana dice:

    Grazie Ezio una strettona di mano

  21. Antonino Vinciguerra dice:

    Grazie Pancrazio

  22. Antonino Martano dice:

    Grazie Ezio

  23. Antonio Ventre dice:

    Grazie del pensiero carissimi Ezio

  24. Christian Di Gioia dice:

    Grazie mille Ezio le tue parole mi lusingano

  25. Pino Bellossi dice:

    Grazie di tutto cuore caro Ezio! Un forte abbraccio

  26. Zoroastro Luigi Melis dice:

    grazie di cuore Ezio ricevuti e molto gradito

  27. Giovanni Fratello dice:

    Grazie mille

  28. Silvio Scivetti dice:

    Grazie le tue parole mi hanno riempito di orgoglio e sono onorato di essere stato e sempre saro’ un Marinaio

  29. Antonio Barzagli dice:

    Sempre felice di leggerti grazie!

  30. Enzo Arena dice:

    Grazie Ezio. Grazie, grazie ed ancora grazie. Ti abbraccio.

  31. Nicola Tucci dice:

    Ezio hai dato visibilità all’evento sulle tue pagine
    grazie ….

  32. Flavio Cerfolli dice:

    Ciao Ezio
    Intanto ti volevo ringraziare per come gestisci eccellentemente questa rubrica

    Grazie

  33. Giuseppe Corona dice:

    Grazie Ezio Pancrazio Vinciguerra…!!!!! Grazie di cuore…!!!! Al mezzo secolo ci sono arrivato, ed ora che la boa l’ho raggiunta, il viaggio prosegue augurandomi di essere sempre guidato sulla buona strada della vita oltre che della salute. Un caro abbraccio da Giuseppe Corona

  34. Fogli Gabry dice:

    Grazie Ezio, sono sempre felicissima di leggerti, spero che tu stia bene Un grande abbraccio.

  35. Giuseppe Ferraro dice:

    Ti ringrazio tantissimo Ezio per il gentil pensiero che hai per chi soffre,un abbraccio.

  36. Franco Frontino dice:

    Ezio caro i ringrazio per i tuoi graditissimi articoli e sopratutto leggerli da un vero marinaio come te Ti auguro una serena giornata . Un abbraccio

  37. Franco La Rosa dice:

    Bene, spero tu sia sodisfatto. Ciao.

  38. Cosimo Anaclerio dice:

    Che meraviglia!!!!!! Buona giornata Ezio e buon pranzo.

  39. Francesco Ruggieri dice:

    CIAO FRATELLO Ezio BUONA giornata

  40. Giovanni Presutti dice:

    Bellissima. Buona serata Ezio!

  41. Guido Coletta dice:

    e…. finalmente voleremo per mari infiniti..

  42. Francesco Carriglio dice:

    Accendiamo il lume della speranza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *