Il Titanic e Guglielmo Marconi

di Marino Miccoli

Con piacere ho accolto l’invito dello stimato Manuel Muttarini (Gold Associate Member della prestigiosa Titanic Historical Society) (*) a scrivere un breve articolo che trattasse di quelle che furono le reazioni e le opinioni espresse dal grande scienziato italiano inventore del telegrafo senza fili Guglielmo Marconi in occasione del drammatico affondamento del transatlantico Titanic avvenuto la notte del 14 aprile 1912.

Occorre premettere che è stata l’apprezzata professionalità di uno stenografo a far sì che il trentottenne Guglielmo Marconi non si trovasse sul transatlantico Titanic il giorno del suo affondamento. Egli con la moglie era stato invitato dalla White Star Line a partecipare al viaggio inaugurale di quella meravigliosa quanto tristemente famosa nave ma egli, a causa delle numerose pratiche cartacee da sbrigare e della sua conoscenza dell’abile e svelto stenografo che prestava servizio sul Lusitania, preferì imbarcarsi tre giorni prima su quest’ultimo transatlantico per raggiungere New York.
Apprese della grande sciagura quando, sbarcato negli Stati Uniti, seppe che a Cape Race (una località situata in Terranova, sulla costa atlantica del Canada, vicino alle rotte transatlantiche) era stato captato un radiomessaggio che lasciava supporre essere avvenuto un grave disastro in mare.
Quando il Carpathia attraccò al molo 54 di New York carico dei naufraghi del Titanic, Marconi si recò subito dai radiotelegrafisti per apprendere direttamente da loro quello che era successo. Parlò con Thomas Cottam del Carpathia e con Harold Bride marconista in seconda del Titanic (il primo marconista J. G. Phillips era perito nel naufragio). Si fece un’idea di quello che era avvenuto e da subito sentì di dover intervenire in favore dei marconisti che erano stati ingiustamente criticati, soprattutto difese l’operato di Phillips, il giovane che guadagnava 30 dollari al mese e che era voluto rimanere stoicamente al suo posto, nonostante il Comandante del Titanic lo avesse dispensato da ogni responsabilità.
Sebbene Guglielmo Marconi fosse fiero del comportamento dei marconisti, era però amareggiato perchè convinto che si sarebbero potute salvare molte più vite. In particolare, leggendo il libro che la signora Degna Marconi Paresce (figlia del grande scienziato italiano) ha pubblicato alcuni anni addietro veniamo a conoscenza che egli affermò: “Certe navi non poterono ricevere la richiesta d’aiuto del Titanic perché stavano ricevendo il bollettino delle ultime notizie da Cape Cod. Se a bordo ci fossero sempre due marconisti, uno avrebbe potuto badare al notiziario e l’altro avrebbe dovuto stare all’ascolto di eventuali segnali di pericolo, senza con questo interferire sui messaggi a lunga distanza”.

In seguito l’attenzione di Marconi si concentrò sull’opportunità di dotare le scialuppe di salvataggio di un apparecchio rice-trasmittente di facile uso, affinché anche un uomo profano in materia potesse azionarle; finalmente nel 1926 una lancia così attrezzata del Royal National Lifeboat Institution riuscì a comunicare con una base a terra distante 185 miglia.
In merito al fatto che il Carpathia aveva ritrovato i naufraghi del Titanic a notevole distanza dalla posizione originariamente segnalata (a ben 34 miglia di distanza…) egli sostenne la necessità di istituire dei radio-fari sulle coste dell’oceano, in modo tale da impedire errori di localizzazione di tale gravità che poi nei fatti si traducevano in un elevato numero di vite umane perdute.
Egli evidenziò inoltre la necessità di dotare le grandi navi di linea di stazioni rice-trasmittenti più potenti, che fossero così in grado di collegarsi con entrambe le rive dell’oceano.
L’illustre scienziato italiano fu senz’altro gratificato allorquando i superstiti dell’affondamento si recarono in massa da lui in albergo per manifestargli tutta la loro gratitudine e riconoscenza per la sua invenzione; durante quella commovente visita gli donarono una medaglia d’oro su cui era raffigurato Apollo, il nume profetico e splendente della sua bellezza. Guglielmo Marconi li ringraziò commosso.
Anche noi siamo e dobbiamo essere grati al grande scienziato italiano perché nella storia recente dell’umanità la sua invenzione è stata di importanza capitale per la salvezza di un numero incalcolabile di vite umane. Consideriamo ciò un motivo di orgoglio in più per noi di essere Italiani.

Transatlantico fotografato a Napoli, dalla coperta del Regio Esploratore Alvise da Mosto,sullo sfondo appare il Vesuvio al tramonto (foto d’epoca degli anni ’30)

(*)
Cari Ezio e Marino,
Vorrei che prima di questo splendido saggio aggiungeste questo pezzettino dedicato a voi.
Ho conosciuto Ezio Vinciguerra qualche anno fa. Chiedendogli umilmente uno scambio di Link. Ho trovato ben altro di un sito. Una persona vera, sincera e amichevole. Ho cominciato a postare per tutti voi le mie ricerche. Mi avete dato la forza di continuare. Ogni parola scritta sul mio sito, è stata scritta su un’iphone e spedita al mio webmaster Stefano a cui devo molto. Molte notti con ore piccole, molte foto di persone scomparse, molte note della mia armonica dedicate a quella sciagura da sempre mi danno la forza di approfondire in modo semplice..Qualche Domenica fa, il signor Miccoli, con la sua gentilezza e cultura mi ha informato di una vicenda che non conoscevo cosi bene. Cosi l’articolo che leggerete tra breve sarà sul mio sito con una dedica al signor Miccoli a cui devo molto. Caro Marino spero di ricevere ancora suoi articoli e le stringo la mano per avermi illuminato con il suo sapere.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

11 risposte a Il Titanic e Guglielmo Marconi

  1. Giovanni Mastropietro dice:

    complimenti

  2. Pietro Scognamiglio dice:

    Complimenti per l’articolo molto istruttivo tra l’altro

  3. Marinaio Leccese dice:

    Buongiorno Marino e Manuel, grazie per questo articolo

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buongiorno carissimi e stimatissimi Marino Miccoli e Manuel Jobs Muttarini ho riproposto l’articolo. Nell’augurio di avere fatto cosa gradita e, soprattutto, nell’augurio che tutto proceda per il verso giusto, ricevete un abbraccio grande come il mare e grande come il vostro cuore misericordioso e amichevole.

  5. Salvo Terracciano dice:

    …bellissimo “pensiero” e foto……mai tanta verità in pochissime parole…e quanta nostalgia……maronna mia bbella….!!!!

  6. Pasquale Pellicoro dice:

    Una bellissima pagina di storia di un Grande italiano. Un grande benefattore della umanità che con la sua invenzione rivoluzionaria ha salvato milioni di vite umane ed ha contribuito al progresso del mondo intero avvicinando popoli così lontani

  7. Lucio Guazzoni dice:

    grazie delle spiegazioni

  8. Agusta-Framacamo dice:

    Apprese della grande sciagura quando, sbarcato negli Stati Uniti, seppe che a Cape Race era stato captato un radiomessaggio che lasciava supporre essere avvenuto un grave disastro in mare…

  9. Manuel Jobs Muttarini dice:

    Grazie Ezio, il mio Titanic giace sempre nel mio Cuore. Anche se ho dovuto prendere strade diverse. Purtroppo le persone, non sempre amano la storia, eh si sà, le cose vecchie non hanno mai la giusta importanza. Quindi grazie di Cuore, per questo articolo splendido.

  10. Anna Donadio dice:

    Mio padre e stato per 30 anni con la societa di navigazione Lloyd triestino e per tanti anni e stato imbarcato sulla marconi e galileo galilei facevano la linea per l australia..grandi navi dell epoca

  11. Marino Miccoli dice:

    Grazie Ezio, con piacere rileggo oggi uno dei miei articoli che ha suggellato l’amicizia con Manuel Muttarini. A te e a lui giungono i miei più cordiali e marinareschi saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *