28.11.1942, Carmelo Borg Pisani

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra


Questo articolo recensisce un libro che vuole rendere  “la degna sepoltura” ad un Marinaio,  Maltese di nascita ma Italiano nel cuore, … che si chiamava  Carmelo Borg Pisani”e fu  giustiziato a Malta dagli inglesi come “traditore” e insignito in Italia di Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Ho avuto il piacere e l’onore di aver ricevuto copia del libro “Carmelo Borg Pisani – Patriota italiano e maltese scritto da Henry Frendo e Paolo Gulminelli”. Il libro, a tiratura limitata e non in commercio, è stato scritto nella consapevolezza e certezza degli autori che il protagonista, eroe o irredentista,  è l’esempio più eclatante di come si sia arrivato rimuovere la figura ed il ricordo di un giovane idealista che amava la vita e l’isola di Malta unita all’Italia.
Il libro, corredato da illustrazioni, documenti, articoli e testimonianze, fuga ogni dubbio sul comportamento di “traditore” del protagonista mettendo piuttosto in evidenza il fatto  che, a tutt’oggi, Carmelo Borg Pisani non ha una tomba su cui poter portare un fiore e pregare.
I suoi resti mortali giacciono in una fossa comune senza sepoltura cristiana a Malta (e non si ha neppure la certezza se siano i suoi resti).
Per quanto sopra gli autori del libro e coloro che non vogliono far cadere nell’oblio la storia di questa Medaglia d’oro al Valor Militare (alla memoria) chiedono alle autorità Italo-Maltesi che i resti di Carmelo Borg Pisani abbiano degna traslazione a Bari nel Sacrario dei Caduti d’Oltremare
affinché, come afferma Paolo Gulminelli, lo spirito dei governati che si sono succeduti nei due Paesi, un tempo confinanti ma oggi uniti nella Comunità Europea, la magnanimità cristiana prevalga sulla miseria umana.

I ragionamenti distorti separano da Dio; ma la potenza, messa alla prova, spiazza gli stolti.
(Dal libro della Sapienza).

Carmelo BORG PISANI
Sottocapo Manipolo Milizia Artiglieria Marittima
Medaglia d’oro al Valor Militare alla memoria

Irredento maltese e, come tale esente da obblighi militari, chiedeva ripetutamente ed otteneva di essere arruolato, nonostante una grave imperfezione fisica.
Come Camicia Nera partecipava alla campagna di Grecia, durante la quale contraeva una infermità per cui avrebbe dovuto essere sottoposto ad atto operatorio, al quale si sottraeva per non allontanarsi anche solo per pochi giorni dal campo di battaglia. Conseguita la nomina ad ufficiale della Milizia Artiglieria Marittima, chiedeva insistentemente di essere utilizzato in una rischiosissima impresa di guerra, alla quale si preparava in lunghi mesi di allenamento e di studio, in perfetta serenità di spirito e in piena consapevolezza della gravità del pericolo.
Catturato dal nemico, riaffermava di fronte alla Corte Marziale britannica di Malta la sua nazionalità italiana e cadeva sotto il piombo del plotone di esecuzione al grido di “Viva l’Italia”.
Fulgido esempio di eroismo, di fede, di abnegazione e di virtù militari, che si riallaccia alle più pure tradizioni dell’irredentismo. Malta, 1942

Nacque a Malta il 10 agosto 1915. Irredento maltese, alla dichiarazione di guerra del 10 giugno 1940, trovandosi a Roma all’Università, si arruolò come semplice camicia nera e dopo un breve periodo di addestramento partecipò all’occupazione di Cefalonia con la Compagnia Speciale del Gruppo CC.NN. da sbarco della 50a Legione.Rimpatriato nel settembre 1941, frequentò la Scuola Allievi Ufficiali a Messina e nominato Sottocapo Manipolo (Sottotenente) nell’aprile 1942, a domanda, passò alla Milizia Artiglieria Marittima (Milmart), dipendente dal Ministero della Marina. Incaricato di compiere una speciale missione a Malta nell’imminenza dell’Operazione “C.3”, raggiunta l’isola, dopo alcuni giorni fu riconosciuto e catturato. Processato da un Tribunale di Guerra inglese fu condannato all’impiccagione: sentenza eseguita poi il 28 novembre 1942.

(fonte Ufficio Storico Marina Militare).

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

6 risposte a 28.11.1942, Carmelo Borg Pisani

  1. Claudio53 dice:

    Chi sa se la medaglia d’Oro che gli fu assegnata è conservata ancora al Ministero!

  2. Renato Simonetta dice:

    condivido

  3. Maurizio Santovito dice:

    Carmelo Borg Pisani è un Eroe dimenticato semplicemente perché era un Fascista e io credo sia ingiusto dimenticare chi è morto per il suo amore verso l’Italia, il suo era un amore vero, molto più vero di quello che provano oggi molti giovani che dovrebbero essere il futuro del nostro Paese. Onore a te Carmelo Borg Pisani

  4. Salvatore Puglionisi dice:

    Ezio Pancrazio grazie

  5. Maurizio Santovito dice:

    Per Info: a Malta in questi giorni su sta girando un Film sulla sua vita.

  6. Renato Simonetta dice:

    condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *