20.11.1837, brigantino Concordia

a cura Sergio Pagni

PER GRAZIA RICEVUTA

sergio-pagni-per-www-lavocedelmarinaio-comEx voto custodito nel Civico museo marinaro Gio Bono Ferrari di Camogli (*).
Su quadro si legge:
Il brigantino sardo Concordia del signor G.B. Ansaldo, capitano Francesco Schiaffino, di Pietro, di Camogli, la sera del 20 novembre 1837, essendo nelle vicinanze del Bagazzo, tempo oscuro e pioggia, non potendo riconoscerlo, mettendosi alla coppa con le gabbie, sorpreso da un fortunale di vento maestrale e non potendo più regare le vele, invocò Maria Santissima del Boschetto e i Santi Prospero e Fortunato e le anime del Purgatorio.
Miracolosamente a mezzanotte si trovavano nel Bagazzo ancorato a salvamento, avendo tre palmi d’acqua nella cantina e le pompe con grano. Circa venti bastimenti naufragarono e gran parte degli equipaggi rimasti vittima
Il quadro è firmato da Nicolas Cammellieri.

20-11-1837-brigantino-concordia-p-g-r-www-lavocedelmarinaio-com

(*) se ne consiglia vivamente la visita.

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Per Grazia Ricevuta, Recensioni, Velieri. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *