9 ottobre 1963, il disastro del Vajont

a cura Carlo Di Nitto

Questo articolo è stato pubblicato in Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

14 risposte a 9 ottobre 1963, il disastro del Vajont

  1. Giorgio Guagliumi dice:

    Immane tragedia… annunciata

  2. Jole Mariani dice:

    il 9 ottobre del 1963 il disastro del Vajont …condiviso

  3. Roberto Tento dice:

    Sempre per la non curanza dell’uomo..R.I.P

  4. Marco Mattei dice:

    Vajont – 9 Ottobre 1963 ore 22.39 –

    “Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale devastazione, vanno a frugare anche il mare: avidi se il nemico e’ ricco, arroganti se e’ povero, gente che ne l’oriente ne l’occidente possono saziare; loro soli bramano possedere con pari smania ricchezze e miseria. Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto, dicono che e’ la pace”. (Tacito, Agricola, 30).

  5. Giuliano Boggian dice:

    r.i.p. i colpevoli latitano ancora…

  6. Bruno Capogrosso dice:

    Rip

  7. Sergio Biffi dice:

    R.I.P.

  8. Pino Salsano dice:

    condiviso

  9. Danila Masetti dice:

    condiviso

  10. Carlo Gianotti dice:

    Nella medaglia donata dagli Alpini ai soccorritori: “Vi chiamo’ il dovere, trovaste l’orrore, vi sostenne l’amore” ….

  11. Guliano Boggian dice:

    r.i.p.

  12. Francesco Paolo Disegni dice:

    nel 1963 avevo solo dieci anni eppure il ricordo di quella tragedia e ancora vivo come se fosse ieri …. che le vittime possano riposare in pace e i responsabili … pentirsi per non aver eseguito interventi che potessero evitarla. Anche se ancora oggi sulla stessa rima continua il degrado ambientale e strutturale a danno di chi vive in posti in cui ci sarebbe da intervenire e con immediatezza.

  13. Marisella Virdis dice:

    R I P

  14. Pagina fb Marina Militare Italiana dice:

    Pasquale Errico Una strage annunciata che nessuno cerco di evitare
    Francesco Ortega Falcone questo è successo perché i lavori già allora venivano fatti alla pene di segugio . ciò vuol dire che in Italia questo e un male atavico risparmiare ( lucrare ) sui materiali e non tenere conto delle relazioni dei geologi !
    Mauro Petruzzella riposino tutti in pace
    Roberto Tento Condivido..lo stesso mio pensiero..Ciao Francesco..
    Sandro Zazzaron Quando gli interessi economici superano il rispetto per la vita… e purtroppo queste lezioni non sono servite a nulla…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *