3.10.1941, esplode il regio incrociatore ausiliario Città di Bari

di Antonio Cimmino

La motonave Città di Bari fu requisita dalla Regia Marina e, quale incrociatore ausiliario, al comando del capitano di lungo corso Carlo Oberti, fu destinata alla scorta convogli navi mercantili requisite.
La mattina del 3 ottobre 1941, mentre era ormeggiata nel porto di Tripoli, saltò in aria investita dallo scoppio della motonave Birmania che stava scaricando munizioni ed armi sul lato opposto della stessa banchina.
Morirono 5 componenti dell’equipaggio civile della regia nave Città di Bari e furono feriti 3 uomini dell’equipaggio militare; decine furono le vittime della nave Birmania, tra i portuali addetti alle operazioni e tra la popolazione di Tripoli.

La nave fu recuperata e demolita nel gennaio 1943 dopo l’occupazione inglese della città.
Persero la vita:
– marinaio Leonardo Di Terlizzi di Bari, nato il 14.9.1902;
– marinaio Michele Bellomo di Bari, nato il 25.7.1910;
– Giov. 1° Leonardo Carofiglio di Bari, nato l’’11.6.1912;
– Giov. 2° Donato Capriati di Bari, nato il 19.11.1914;
– operaio Luigi Minetto di Novi Ligure, nato il 28.8.1920.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a 3.10.1941, esplode il regio incrociatore ausiliario Città di Bari

  1. Augusta-Framacamo dice:

    condiviso.
    La mattina del 3 ottobre 1941, mentre era ormeggiata nel porto di Tripoli, saltò in aria investita dallo scoppio della motonave Birmania…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *