16/17.10.1916, affondamento della regia nave Nembo

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra




banca-della-memoria-www-lavocedelmarinaio-com
ezio-pancrazio-vinciguerra-www-lavocedelmarinaio-com_10Il 16 ottobre 1916 la regia nave Nembo (cacciatorpediniere), al comando del capitano di corvetta Russo, salpò Valona per scortare il piroscafo Bormida. Tra Valona e Saseno il convoglio fu attaccato dal sommergibile austroungarico U 16: colpito da due siluri, il regio cacciatorpediniere affondò rapidamente spezzato in due, nel punto 40°08’ N e 19°30’ E. 
Anche l’U 16 fu affondato durante lo scontro, sebbene la dinamica del suo affondamento non sia chiara: secondo alcune fonti il Nembo prima di affondare riuscì a speronare l’U-Boot, secondo altre fonti il sommergibile fu investito dallo scoppio delle bombe di profondità del Nembo, cadute in mare mentre la nave affondava, secondo altre affondò a seguito di una collisione con il Bormida (dell’equipaggio dell’U 16 morirono due uomini e 14 furono recuperati e fatti prigionieri da navi italiane).
 Su 55 uomini che formavano l’equipaggio, 32 affondarono con la nave o scomparvero in mare. I 23 superstiti furono recuperati da navi italiane o raggiunsero la costa a nuoto, come fece un gruppo di quattro naufraghi tra i quali:il guardiamarina Ignazio Castrogiovanni, di Palermo; Luigi Ricci, sottocapo cannoniere, di Viareggio; Emanuele Pisano, fuochista, di Pizzo Calabria; Salvatore Visalli, marinaio scelto, di Catania. I quattro rifiutarono di essere salvati da un’imbarcazione nemica (la scialuppa con i superstiti dell’U 16), raggiunsero la spiaggia a nuoto contribuendo successivamente alla cattura degli austriaci della scialuppa. 
Da parte austriaca si contarono due morti e 14 marinai recuperati e fatti prigionieri dalle navi italiane.

regio-cacciatorpediniere-nembo-www-lavocedelmarinaio-com

Caratteristiche Tecniche
Cacciatorpediniere ClasseNembo (Nembo (1901); Turbine (1901); Aquilone (1902); Borea (1902); Espero (1904); Zeffiro (1904).
Costruito presso il Cantiere Pattison di Napoli, fu impostato nel 1899, varato il 18 maggio 1901, completato nel 1902 e lo stesso anno entrò in servizio.
Dislocamento normale: 330 tonn. – a pieno carico 360 tonn.
Dimensioni: lunghezza f.t. 63,40 m.; larghezza 5,90 m.; immersione 2,10 m.
Motore: 2 motrici alternative a triplice espansione – 3 caldaie tubolari Thornycroft – potenza 5.200 ihp – 2 eliche.
Velocità: 30 nodi.
Autonomia: 2.200 miglia a 9 nodi.
Combustibile: carbone 90 tonn. al varo, nafta 60 tonn. dal 1910.
Armamento al varo: 5 pezzi da 57 mm. / canna 43 calibri – 4 tubi lanciasiluri da 356 mm. Dal 1910: 4 pezzi da 76 mm. / canna 40 calibri – 2 tubi lanciasiluri da 450 mm.
Equipaggio: 55 uomini.

Dello stesso argomento sul blog
http://www.lavocedelmarinaio.com/2015/10/16-10-1916-la-regia-torpediniere-nembo-e-il-guardiamarina-ignazio-castrogiovanni/

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

3 risposte a 16/17.10.1916, affondamento della regia nave Nembo

  1. Antonio Cimmino dice:

    R,I,P

  2. Egidio Alberti dice:

    ONORI AI MARINAI DECEDUTI RR.II.PP.

  3. Augusta-Framacamo dice:

    condiviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *