16.9.1943, Vincenzo De Simone fucilato dai tedeschi

di Antonio Cimmino

OMAGGIO ALLA CITTA’ DI CASTELLAMMARE DI STABIA

Tra il 12 e il 16 settembre 1943 il cantiere navale di Castellammare di Stabia (Napoli) fu pesantemente distrutto dalle truppe tedesche. La città venne decorata in seguito con la Medaglia d’Oro a Valor Civile ma, in quei giorni, persero la vita 31 militari, vittime delle barbarie nazi-fasciste.

Fra di loro c’era anche Vincenzo De Simone, nato a Castellammare di Stabia il 1° settembre 1918, era un Marinaio Torpediniere. Fu fucilato dai tedeschi, proprio nella sua città natia, dopo la distruzione del cantiere navale e delle navi in costruzioni e allestimento.


SIAMO ALLA RICERCA DI SUE NOTIZIE E FOTO.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *