29 giugno 1799 il processo farsa all’ammiraglio Caracciolo

di Antonio Cimmino

Il 29 giugno 1799 sarà ricordato per il processo farsa e l’impiccagione dell’ammiraglio Francesco Caracciolo.

L’ammiraglio inglese Horatio Nelson, che aveva soffocato nel sangue la breve stagione della Repubblica Napoletana del 1799, su ordine dei Borboni organizzò un processo farsa e fece condannare a morte l’ammiraglio napoletano che aveva aderito al governo repubblicano.


Come supremo sfregio per un marinaio, non acconsentì alla richiesta del Caracciolo di essere fucilato ma lo fece impiccare all’albero di trinchetto della fregata Minerva. Il suo corpo fu gettato a mare e, dopo diversi giorni, affiorò proprio sotto il vascello Foudroyant, nave ammiraglia di Nelson. Il cadavere fu poi recuperato dai pescatori del borgo Santa Lucia e successivamente sepolto nella vicina chiesa di Santa Maria della Catena a Napoli.

Quando l’Ammmiraglio napoletano Francesco Caracciolo e il giovane ufficiale Giovanni Bausan umiliarono Horatio Nelson
di Antonio Cimmino

Un mese prima dell’instaurazione della Repubblica napoletana, all’arrivo dei francesi in città il 21 dicembre 1798, il re Ferdinando IV con tutta la famiglia e i suoi ministri, scappò da Napoli a Palermo imbarcandosi sul Vanguard, vascello al comando di Orazio Nelson. Il monarca del Regno delle Due Sicilie preferì la nave inglese al Sannita, il vascello napoletano comandato dall’ammiraglio Francesco Caracciolo. La consistente flotta borbonica, su subdolo suggerimento inglese, fu fatta incendiare nel porto di Napoli e nell’arsenale di Castellammare di Stabia, per non farla cadere nelle mani dei francesi.
La traversata fu caratterizzata da una violenta tempesta che si protrasse fino all’imbocco della rada di Palermo. Nelson non riusciva a governare la nave per entrare in porto. Caracciolo, invece, con perfetta padronanza della situazione attraccò con un’ardita manovra a Palermo. Egli mandò Giovanni Bausan di Gaeta, comandante della corvetta Aurora che si trovava in rada, in aiuto della nave inglese in difficoltà. Il Bausan con una piccola imbarcazione sfidando i marosi, si portò sul Vanguard e, assunto il comando, lo pilotò fino al molo. Il re, che aveva preferito il grande ammiraglio inglese, suggeritogli anche dal ministro John Acton, elogiò pubblicamente il suo ammiraglio davanti ad un Nelson furibondo. Caracciolo si congedò dalla Marina e tornò a Napoli ove fu convinto ad aderire alla Repubblica assumendo il comando della sua piccolissima flotta composta di qualche fregata e barche cannoniere. Anche Bausan seguì il suo ammiraglio nella sfortunata avventura repubblicana.

La perizia marinaresca del Caracciolo che aveva umiliato il baldanzoso Nelson considerato il miglior ammiraglio del Mediterraneo, generò un odio profondo dell’inglese nei confronti del napoletano.
Quando la Repubblica fu sconfitta nel mese di giugno del 1799, il Caracciolo fu processato per tradimento e condannato a morte. A presiedere la corte marziale fu proprio Nelson che non volle ascoltare la richiesta del Caracciolo di essere fucilato. Egli per oltraggiarlo lo fece impiccare al pennone dell’albero di trinchetto della corvetta Minerva, la nave che era stata comandata proprio dal Caracciolo. Al marinaio che, piangendo indugiava a mettergli il cappio intorno al collo Caracciolo lo esortò dicendogli “Sbrigati: è ben grazioso che, mentre io debbo morire, tu debbi piangere”. Dopo l’impiccagione il corpo, per ulteriore sfregio, venne gettato in mare. Solo dopo alcuni giorni il cadavere, gonfio d’acqua, riemerse sotto il vascello Foudroyant, la nave ammiraglia di Nelson ove era ospite Ferdinando IV, da poco arrivata dalla Sicilia. Alla spettrale scena assistette anche Emma Hamilton l’amante di Nelson e l’ambasciatore inglese William Hamilton.

A proposito di Giovanni Bausan
di Carlo Di Nitto

Il gaetano Giovanni Bausan avrebbe poi avuto occasione, in altre e diverse circostanze, di umiliare i superbi inglesi con la sua perizia marinaresca. Di seguito il quadro, conservato nella Reggia di Caserta; raffigurante il re Gioacchino Murat che, sul ponte della fregata Cerere, si congratula con il Bausan e i suoi marinai, vittoriosi sui “figli di Albione, dopo la seconda battaglia del “Canale di Procida” del 26 giugno 1809. Il dipinto è opera del pittore Guillame – Desirè Descamps.

Dello stesso argomento sul blog
http://www.lavocedelmarinaio.com/2016/10/21-ottobre-1805-orazio-nelson/

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Racconti, Recensioni, Storia. Permalink.

2 risposte a 29 giugno 1799 il processo farsa all’ammiraglio Caracciolo

  1. Marco Orru' dice:

    condiviso

  2. Nico RivanoR dice:

    condiviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *