27.6.1941, affondamento del regio sommergibile Salpa

di Claudio53


L’articolo, in memoria del Secondo Capo Elettricista Alessandro Filippi, nato il 12 agosto 1906 a Carrara a 110 anni dalla sua nascita, è dedicato al nipote Luigi Giovanelli.

Imbarcato sul sommergibile Salpa perse la vita a bordo del predetto battello il 27 giugno 1941 affondato al largo di Marsa Matruh dal sommergibile britannico Triumph.

Attività del sommergibile Salpa
Varato l’8-5-1932 e consegnato alla Marina il successivo 12 dicembre, era stato impostato nei cantieri Tosi di Taranto il 23-4-1930. Il Salpa era un sommergibile di piccola crociera della classe.

Il sommergibile Salpa classe 600
Sub aquis latens prodigia ausurum
(Nascosto sotto le onde ma pronto ad ardimenti prodigiosi)

Prima dell’entrata in guerra nel 1933 il Salpa insieme al capoclasse Argonauta ed al gemello Fisalia, compie una crociera d’addestramento in Dodecaneso e nel 1936 è stato impiegato in Mar Rosso per qualche mese, insieme al gemello Serpente, per verificare l’idoneità dei battelli della classe Argonauta ad operare in quelle acque. Successivamente dislocato, sempre assieme al Serpente, dapprima in Mar Egeo e successivamente a Tobruk.
Allo scoppio della guerra era a Taranto alle dipendenze della 45a Squadriglia IV Grupsom di Taranto.

Cronologia eventi

Affondamento del Salpa – Archivi inglesi
Compito del Salpa, partito da Messina il 18 giugno 1941, era quello di pattugliare ed dal 21 al 30 giugno la zona compresa fra Ras Uleima (Golfo di Sollum) e Marsa Matruh. Nel dopoguerra da fonti inglesi si venne a sapere che il 27 giugno 1941 il sommergibile britannico Triumph (Comandante il Capitano di Corvetta Wilfrid John Wentworth Woods) aveva avvistato il Salpa e lo aveva attaccato prima col cannone e poi colpito con un siluro. Il nostro battello alle ore 08.15 è rapidamente affondato nel punto 32°05′ N e 26°47′ E. Scomparvero con il sommergibile il Comandante, quattro Ufficiali ed altri 44 fra Sottufficiali, Sottocapi e Comuni. Non ci fu nessun superstite.

Il Salpa aveva svolto in tutto 15 missioni di guerra, percorrendo 9087 miglia in superficie e 1668 in immersione.

Caratteristiche Tecniche
– Dislocamento in superfice 666,56 t.
– Dislocamento in immersione 810,43.
– Lunghezza 61,50 metri.
– Larghezza massima 5,65 metri.
– Apparato motore: 2 motori diesel TOSI; 2 motori elettrici MARELLI; 1 batteria di accumulatori al piombo composta da 104 elementi.
– Potenza motori a scoppio 1250 hp.
– Potenza motori elettrici 800 hp.
– Velocità massima in superficie 14 nodi.
– Velocità massima in immersione: 8 nodi.
– Autonomia in superficie: 2300 miglia a 14 nodi – 3180 miglia a 10.5 nodi.
– Autonomia in immersione: 7.5 miglia a 7.5 nodi 110 miglia a 3 nodi.
– Armamento: 4 tubi lanciasiluri a prora da 533 mm. e 2 tubi lanciasiluri a poppa da 533 mm.; 6 siluri da 533 mm.; 1 cannone da 102/35 mm.; 2 mitragliere singole da 13, 2 mm.; 152 proiettili per il cannone.
Equipaggio: standard 4 ufficiali, 32 tra sottufficiali e marinai.
Profondità di collaudo: 80 metri.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Racconti, Recensioni, Storia. Permalink.

3 risposte a 27.6.1941, affondamento del regio sommergibile Salpa

  1. Pino Amara dice:

    R I P

  2. Marisella Virdis dice:

    R I P

  3. Pino Amara dice:

    La foto non e’ corretta! Il sommergibile della foto e’ della 1a GM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *