Ma cosa c’è da cambiare se non i nostri italici difetti?

di Pancrazio “Ezio Vinciguerra
(articolo già pubblicato in data 29.4.2011)

In merito alle cosiddette ideologie, in nome di queste, quante persone sono perite? Tante.
Se il Popolo è ancora sovrano e la legge è uguale per tutti allora sono necessari brevi e chiari punti fermi.
Finiamola con la violenza e con la strategia del terrore (e non mi riferisco solo all’italico suolo). È oramai evidente che le rivendicazioni degli attentati non ci imbrogliano più, per cui la violenza è inutile.
Finiamola con le ideologie “sono tutte più o meno antidemocratiche”. Il comunismo, in Italia, non ha mai governato ma il fascismo si, e comunque sono due brutte “bestie” che stiamo ancora pagando a caro prezzo di vite umane nel mondo.
Finiamola (e non mi riferisco solo all’italico suolo) con i Giudici politicizzati, “nessuno è libero di compiere nefandezze”. Chi viene incriminato su prove oggettive, si difenda nei modi legali.
Finiamola col “federalismo” perché scavare fossati fra noi quando ormai dobbiamo occuparci dei problemi del mondo globalizzato? …è ridicolo.
Finiamola col confronto pittoresco delle idee e restituiamo alla “Politica” con la “P” maiuscola, la dignità che le compete.
Finiamola col parlare sempre al passato ed addossare le colpe agli altri. Se siamo nella merda è perché ci siamo adagiati troppo vicini ad essa e adesso ne sentiamo l’inconfondibile puzza.

Finiamola di parlare come se fossimo solo spot (elettorali) e ragioniamo con la nostra testa.
Finiamola con i cittadini “super partes”, tutti siamo uguali di fronte alle “norme” di convivenza civile
Finiamola, siamo tutti uguali senza “se” e senza “ma”… non c’è niente da capire e non c’è niente da cambiare.
L’unica cosa da cambiare sono i nostri “italici difetti”, il nostro smisurato “ego” e, soprattutto, non fidarsi di chi parla di “cambiamento” in nome del “Popolo sovrano” o, ancora peggio, di chi è censore della parola altrui. Agere non loqui, intelligenti pauca…

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Emigrante di poppa, Racconti, Recensioni. Permalink.

10 risposte a Ma cosa c’è da cambiare se non i nostri italici difetti?

  1. Elio Vadacca dice:

    eppure non direi!!!!

  2. Nico Verni' dice:

    condivido

  3. Maurizio Papa dice:

    Da te sn sentiti doppi gli auguri Ezio

  4. Giovannella Urso dice:

    Grazie del pensiero
    E delle belle parole

  5. Marco Mattei dice:

    Grazie, carissimo!

  6. Luigi Pizzella dice:

    Grazie dalla nave più bella del mondo un abbraccio

  7. Sergio Avallone dice:

    Ciao Ezio sono molto dispiaciuto, perché avevo messo il pensiero di poterti stringere la mano e conoscere la sensibile persona che sei. Ma nella vita tutto può succedere. ti saluto con tanto affetto . Domani é festa grande per tutti i delfini del nostro grande mare… Ciao

  8. Egidio Alberti dice:

    Grazie EZIO per i tuoi sempre graditi commenti

  9. Francesco Ortega dice:

    buona serata Ezio mi sono imbattuto in una foto di una nave e sembrerebbe il motto dell’unità ti risulta che esista il motto MAI UNA GIOIA e se si di quale unità si tratta grazie

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Francesco Ortega carissimo, non esiste nella Marina Militare una nave con un motto simile. Si tra di un articolo mio pubblicato nel 2011 e riproposto nel 2017 per far comprendere il mio modus operandi. Un abbraccio grande come il mare e anche come il tuo cuore di Marinaio per sempre.
    Grazie per la compagnia e l’attenzione che presti per il blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *