16.4.1943, affonda il regio torpediniere Cigno: la triste storia dei marinai Renato Bulletti e Athos D’Orazi

di Antonio Cimmino

La regia torpediniere Cigno, di scorta ad un convoglio da Trapani a Biserta, fu attaccata da due cacciatorpediniere inglesi Paladine Pakenham.
Colpita da siluri si spezzò in due tronconi e rapidamente affondò.
Morirono 103 uomini dell’equipaggio.
Qualche giorno dopo nelle acque antistanti Pantelleria fu raccolto il corpo di un marinaio con un giubbotto di salvataggio che riportava il nome del sergente Athos D’Orazi.
Il marinaio Renato Bulletti fu dato per disperso in mare. Queste notizie furono fornite alle rispettive famiglie.
Qualche anno dopo il sergente D’Orazi fece sapere che si era salvato e che aveva dato il suo giubbotto al marinaio Bulletti non più disperso in mare, quindi, ma morto nell’affondamento della sua unità navale, il regio cacciatorpedieniere Cigno.
Aveva 22 anni e adesso riposa in pace fra i flutti dell’Altissimo.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

13 risposte a 16.4.1943, affonda il regio torpediniere Cigno: la triste storia dei marinai Renato Bulletti e Athos D’Orazi

  1. Cappiello Cosimo dice:

    condiviso

  2. Fabio De Chiara dice:

    R.I.P.

  3. Marisella Virdis dice:

    R I P

  4. Gaeta Alfonso dice:

    R.I.P.

  5. Salvatore Bianco dice:

    R.I.P.

  6. Salvatore Chiaramida dice:

    Questo era il suo destino ,malgrado avesse avuto il giubbotto, generosamente dal sergente D’Orazi

  7. Marinaio di Lago dice:

    R . I . P .

  8. Giovanni Patane dice:

    R,I,P, ,,,,IN QUESTO GIORNO C,E° CHI SI RICORDA DI VOI

  9. Lucio Campana dice:

    Riposate in pace. Oggi Cristo è risorto. Risorgerete tutti, i marinai che hanno immolato la loro giovinezza per la grandezza della Patria.

  10. Giorgio Castellano dice:

    R.I.P.

  11. Giorgio Castellano dice:

    ONORE A LORO

  12. Sabrina Poletti dice:

    Onore al merito

  13. Salvatore Sottile dice:

    R.i.p.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *