Onda su onda…

di Pancrazio “Ezio”Vinciguerra

Le onde sono la linfa del mondo e di noi stessi, un continuo divenire. Non vi è essere umano, così come non vi è specchio di mare, per quanto piccolo, che conosca l’immobilità assoluta. Tanti gli scrittori e gli intellettuali che hanno dedicato almeno una riga, una riflessione alle onde. E’ quasi impossibile non ritrovare in noi, uno degli stati d’animo espressi nei loro versi. Onde e onde di parole che ci portano nel mare dei pensieri e che solcano ed esplorano ogni angolo recondito della nostra memoria, della nostra esistenza.

Le onde sono la voce, la pelle e le braccia di un corpo liquido che dalla notte dei tempi seduce l’uomo, dispensando vita e morte, frenandone e stimandone le ambizioni nell’unico dominatore comune della nostra esistenza.

Le onde sono l’essenza del mare: “la prima immagine con cui lo identifichiamo”. Plasmano i continenti e i nostri pensieri. Sono capaci di una forza distruttrice che probabilmente non ha eguali sul pianeta, eppure, da sempre, sono muse ispiratrici di sentimenti, passioni, poemi, canzoni. Un inno alla libertà.

Questo articolo, casualmente scritto di getto dopo aver sentito e risentito il brano capolavoro di Paolo Conte, è dedicato a tutti gli amici musicanti e naviganti di facebook …che non si stancano mai di “condividere”.

Onda su onda
(testo e musica di Paolo Conte)

Che notte buia che c’è…
povero me… povero me…
che acqua gelida qua…
nessuno più mi salverà
son caduto dalla nave, son caduto,
mentre a bordo c’era il ballo…
Onda, su onda,
il mare mi porterà,
alla deriva,
in balia di una sorte
bizzarra e cattiva
onda, su onda,
mi sto allontanando ormai
la nave è una lucciola
persa nel blu,
ma i più… mi salverò .
Sara… ti sei accorta…
Tu stai danzando insieme a lui…
ad occhi chiusi
ti stringi a lui…
Sara… ma non importa…
Stupenda l’isola è
il clima è dolce intorno a me
ci sono palme e bambù
è un luogo pieno di virtù
Steso al sole
ad asciugarmi il corpo e il viso
guardo in faccia il paradiso
Onda, su onda,
il mare mi ha portato qui
ritmi, canzoni,
donne di sogno,
banane, lamponi
onda, su onda,
mi sono ambientato ormai
il naufragio mi ha dato la felicità
che tu… tu non mi dai.
Sara… ti sei accorta…
Tu stai danzando insieme a lui…
ad occhi chiusi
ti stringi a lui…
Sara… ma non importa…
Onda, su onda,
mi sono ambientato ormai
il naufragio mi ha dato la felicità
che tu… tu non mi dai.
Onda, su onda,
il mare mi ha portato qui
ritmi, canzoni,
donne di sogno,
banane, lamponi
onda…
onda…

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Il mare nelle canzoni, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni. Permalink.

21 risposte a Onda su onda…

  1. Raffaele Garrano dice:

    Pippo sei sempre un grande

  2. Pietro Caudullo dice:

    GRANDE Pippo Campo

  3. Nunzio Cocina dice:

    Grazie… gentilissimo..

  4. Gianfranco Januzzo dice:

    Grazie a te Ezio Pancrazio caro!

  5. Marilena Palomba dice:

    grazie infinite!!!! d’altronde, chi vive d’arte non “invecchia” mai!!!!! grazie mille del pensiero!

  6. Doriana Orsini dice:

    Ezio non manchi mai ad ogni mio compleanno un grazie speciale

  7. Franzo Osvaldo dice:

    grande Ezio Pancrazio Vinciguerra

  8. Floriana Marchetti dice:

    Grazie mille Ezio! !!!!!!!

  9. Mario Gullotta dice:

    Grazie Pancrazio anche se lontani, saremo sempre vicini

  10. Carlo Luigi Crea dice:

    Buongiorno Carissimo Ezio

  11. Roberto Tento dice:

    Buongiorno marinaio

  12. Giuseppe Di Costanzo dice:

    condiviso

  13. Antonio Ursino dice:

    condiviso

  14. Antonio Ursino dice:

    Meravigliosi periodi… anni 70-80 Caro Ezio

  15. Tonio Durante dice:

    Grazie della Vostra accoglienza. Cordiali saluti

  16. Cinzia Caminiti dice:

    bravo Ezio. penna delicata e gentile: Mi unisco alla dedica e ti abbraccio forte.

  17. Antonella Uccellatore dice:

    Grazie

  18. Nunzio Mordenti dice:

    Grazie mille

  19. Angela Ronzulli dice:

    Grazie Ezio!!!

  20. Elena Nappi dice:

    Comandante. ..I tuoi ricordi sono sempre speciali … un grazie quanto il mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *