16.3.1941, Francesco Paolo Scarpetta

di Antonio Cimmino

Il marinaio servizi vari Francesco Paolo Scarpetta, di Giovanni e Porzia Melchiorre, nasce a Gioia del Colle (Bari) il 17.3.1920.
Con l’operazione Compass, iniziata nel dicembre del 1940, gli inglesi effettuarono una controffensiva contro le forze italiane che erano penetrate in Egitto. La Western Desert Force con solo 30.000 uomini ma completamente motorizzata (275 carri armati e i pesanti Matilde), avanzò verso Tobruk. La 10^ Armata del Maresciallo Graziani fu pesantemente sconfitta.

All’alba del 22 gennaio 1941, i reparti inglesi erano alle porte di Tobruk e il vecchio regio incrociatore San Giorgio (chiamato alla “leonessa Tobruk” per avere resistito alle centinaia di attacchi aerei alleati), si autoaffondò.
Migliaia di soldati italiani e i marinai della piazzaforte, furono presi prigionieri ed avviati, a lunghe tappe nel deserto, ai campi di prigionia. Alcuni in Palestina, altri in India, altri ancora in Sud Africa.

Il marinaio Francesco Paolo Scarpetta, destinato al Distaccamento Marina, era uno di questi e di lui non si ebbero più notizie se non quello di essere stato preso prigioniero dagli inglesi a Tobruk e che risulta disperso in data 16 marzo 1941.

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

10 risposte a 16.3.1941, Francesco Paolo Scarpetta

  1. Raffaele Napolitana dice:

    Ovunque tu sia R.I.P.

  2. Roberto Tento dice:

    R.I.P Onoriii

  3. Egidio Alberti dice:

    ONORI R.I.P.

  4. Mario Caruso dice:

    R.I.P.

  5. Francesco Ortega dice:

    R.I.P.

  6. Giancarlo Leandri dice:

    Onori a te collega R.I.P.

  7. Elio Vadacca dice:

    Non mi risulta che mio padre classe 1917 sia stato a Tobruk ma fu fatto prigioniero dagli inglesi. Era a Bengasi e poi fu portato in Inghilterra

  8. Giuseppe Pisasale dice:

    R.I.P.

  9. Pasquale Mastrangelo dice:

    R.I.P.

  10. Marinaio di Lago dice:

    Riposa in pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *