Ferruccio Castellani

di Bruno Henning Castellani

Riceviamo e con immenso infinito orgoglio pubblichiamo.

Ferruccio Castellani - www.lavocedelmarinaio.com

6 febbraio 2017 ore 11.42
Buongiorno,
io mi chiamo Bruno Henning Castellani, figlio di Ferruccio Castellani deceduto nella tragedia della nave Loredan. Mio padre veniva salvato il 10 aprile 1943, portato a Cagliari all’ospedale Regio, moriva il 13 1943. Brutta storia che ha colpito tante famiglie, compresa la nostra.
Mia madre, giovane sposa, viveva a Venzia. Mio padre Ferruccio era veneziano puro sangue, era molto giovane, ed io allora ero un piccolo bimbo. La sua perdita fu un dolore immenso, anche per i miei nonni paterni, perdere un figlio così giovane per la barbaria umana…
Mi piacerebbe conoscere conoscere se c’è qualche familiare (di morti o sopravvissuti) della nave.
Sarebbe bellissimo poterli conoscere. Se potete aiutarmi sarebbe un bel ricordo per tutti.
Che il mare benedica tutti, anche il Capitano medico Cesarino Gatta (di cui non avevo sentito parlare fino ad adesso, un eroe anche lui.
Saluti
Bruno Henning Castellani

Motonave Loredan - www.lavocedelmarinaio.com
6 febbraio 2017 ore 11.42
Buongiorno signor Bruno Henning Castellani,
di seguito riportiamo le notizie reperite.
La Motonave mista Loredan di 1357 tonnellate di Stazza fu costruita nel 1936.
Apparteneva alla Società Anonima di Navigazione Adriatica con sede a Venezia. Iscritta al Compartimento Marittimo di Venezia con la matricola n. 290.
Fu requisita dalla Regia Marina a Barletta il 27 luglio 1941 e, in pari data, iscritta con la sigla D.19 nel ruolo del naviglio ausiliario dello Stato, ed impiegata nel servizio di scorta ai convogli.
Il 10 Aprile del 1943, durante la navigazione Cagliari – La Maddalena, alle ore 18.20, a 12 miglia per 100° da Punta Elia, fu silurata dal sommergibile britannico Safari ed affondata. Con la stessa data derequisita e radiata dal ruolo del naviglio ausiliario. (Notizie tratte da “Navi Mercantili Perdute” – Ufficio Storico Marina Militare Italiana).
Il relitto dell’incrociatore armato Loredan giace adagiato sul fianco sinistro, con la poppa gravemente danneggiata dal siluro lanciato dal sommergibile ad una profondità compresa tra i 52 ed i 67 metri, sui fondali del golfo di Cagliari, in posizione 39°08′ N e 9°23′ E, a circa 12 miglia per 100° da Punta Elia (Cagliari). Notizie/foto sono reperibili su INTERNET poiché il relitto è frequente meta dei subacquei.
Non abbiamo trovato, purtroppo, un elenco dei superstiti.
Per quanto precede occorrerebbe vedere se ci sono documenti più dettagliate all’Ufficio Storico della Marina.
Cordialità Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Ferruccio Castellani f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

6 febbraio 2017 ore 14.30
Grazie della Sua gentile risposta , mi ha fatto molto piacere che questa tragedia non sia stata dimenticata.
Per la mia famiglia, in particolare mia madre giovane sposa di circa 19 anni, è stato un colpo terribile, anche per la famiglia di nonno e nonna di origine veneziane.
Dalle storie che mia madre  e i miei nonni mi hanno raccontato sulla tragedia e la morte di tante vite umane, compresa quella di mio padre, ho capito che mio padre Ferruccio Spartaco era speciale, come tutti i figli pensano dei padri. La mia famiglia proviene da una nobile famiglia veneziana, i Castellani Conti di MALO vicino  SCHIO. Mia madre aveva conosciuto mio padre in giovane età a Savona.
Mio padre era nella Capitaneria  in Via Santa Lucia  a Savona e i miei nonni materni abitavano nelle vicinanze. L’amore sbocciò e i miei genitori si sposarono e andarono a vivere a Venezia.
Nel 1943 mio padre Ferruccio era destinato in qualità di Guardia Marina penso sulla LOREDAN.

Sottotenente di vascello Ferruccio Castellani - www.lavocedelmarinaio.com

Proprio quel tragico 10 aprile 1943, mentre la nave affondava nelle vicinanze di Cagliari, ricorreva il compleanno di mia madre.
Mio padre venne recuperato, come naufrago ferito, e portato  a Cagliari nell’ospedale regio ma, come già detto, il 13 aprile 1943 moriva. Una delle cause fu anche anche l’aver ingerito petrolio…
Un dramma immenso, una tragedia dover annunciare ai miei nonni la perdita del loro primo figlio.
Mia madre sconvolta lasciò Venezia,  con me piccolissimo, per trasferirsi a Savona presso i genitori, fortunatamente i miei nonni materni si trovavano in  buone condizioni finanziarie. Mia madre mi ha allevato molto bene, assieme all’amore dei miei nonni e, molto spesso, mi venivano a trovare anche i nonni paterni, zii fratelli di mio padre da Venezia.

Parenti del Guardiamarina Ferruccio Castellani f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

Di mio padre posseggo quello che è rimasto, un orologio che portava al polso, quasi per nulla corroso dall’acqua, ma per me un grande ricordo, tante fotografie sue, e la sua croce di guerra con attestato che dopo anni è stata rilasciata a mia madre.
Mi farebbe tanto piacere che i lettori del vostro blog potessero parlare di mio padre.
Vi allego alcune belle fotografie e anche la foto di quell’orologio, è  tutto quello che posseggo di lui.
Spero che voi possiate onorare mio padrce che riposa nel cimitero San Michele di Cagliari assieme ai suoi altri compagni Caduti in guerra.
Vi allego foto anche della sua tomba.
Per chi volesse contattarmi per scambiare notizie:
Bruno Henning Castellani
Via F. Sivori 311a (scala c) – 16136 GENOVA
Tel. 3287406420
mail: br.henning@gmail.com

Tomba del Guardiamarina Ferruccio Castellani nel cimitero San Michele di Cagliari f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

P.s. se dovessi trovare altre foto o cimeli ve li invierò, sicuro che Lei, carissimo Ezio, costruirà una bella storia su mio padre Ferruccio. Che DIO la benedica.
Bruno HENNING CASTELLANI di MALO
Ecco anche fotografie mie, una da giovane bimbo e una di adesso.

Bruno Hennig Castellano da piccolo f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.comBruno Henning Castellani di Malo per www.lavocedelmarinaio.com
6.2.2017 ore 19.06
SIG. EZIO VINCIGUERRA,
ECCO ALTRE FOTO UNA DEL ROTTAME DELL’OROLOGIO  LONGINES CHE MIO PADRE PORTAVA AL POLSO AL MOMENTO DELLA TRAGEDIA.

Orologio di Ferruccio Castellani f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com
E POI UNA SUA FOTOGRAFIA E DELLA LAPIDE CHE A VENEZIA LIDO RICORDA I CADUTI DEL MARE. IL NOME DI MIO PADRE E’ IL QUINTO A SINISTRA.  ANCORA GRATO DELO SUO INTERESSAMENTO E DELL’ARTICOLO CHE IO TERRO’ STRETTO AL MIO CUORE.
UN CARO SALUTO BRUNO HENNING CASTELLANI di MALO.

Venezia lapide ai caduti della motonave Loredan - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Racconti, Recensioni, Storia. Permalink.

19 risposte a Ferruccio Castellani

  1. Pasquale Sciorilli Borrelli dice:

    condiviso

  2. Michele Di Liberto dice:

    R.I.P.

  3. Michele Di Liberto dice:

    Buongiorno Fra Ezio

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Michele Giuseppe Di Liberto carissimo hai letto questa bellissima commovente testimonianza di figlio? Un abbraccio a te e a tutti gli associati del vostro gruppo a.n.m.i.

  5. Fabio De Chiara dice:

    R.I.P.

  6. Marinaio di Lago dice:

    Bellissima e allo stesso tempo commovente testimonianza di un figlio ad un padre che non ha conosciuto ma che ama teneramente.

  7. Giuseppe Vinci dice:

    bellissimo condivido

  8. Enrico Pessicola dice:

    gli dimostriamo certamente il nostro affetto

  9. Carlo Gianotti dice:

    Buongiorno. Alla prima occasione di una mia trasferta a Cagliari andrò a dire una preghiera per lui è per tutti i Caduti. Un abbraccio.

  10. BRUNO HENNING CASTELLANO di MALO dice:

    LA RINGRAZIO INFINITIVAMENTE PER AVER ESAUDITO UN MIO GRANDE SOGNO PARLARE DI MIO PADRE E DI TUTTI I CADUTI IN MARE E PER QUESTA IMMANE TRAGEDIA LA GUERRA CHE COME GIOVANNI PAOLO II DICEVA NON PORTA AVANTI MA INDIETRO E TANTO ODIO GRAZIE LEI E’ VERAMENTE UN GRADE UOMO LA RIOCORDERO’ SEMPRE CON GRANDE AFFETTO E SONO CERTO CHE IL LIBRO CHE HO NOTATO DEVE ESSERE INTERESSANTE MI FAREBBE POIACERE POTERNE AVERE UNA COPIA MI INFORMI COME POSSO AVERLO GRAZIE ANCORA

    LA SALUTO CON INFINITO, AFFETTO
    BRUNO HENNING CASTELLANI di MALO

  11. EZIO VINCIGUERRA dice:

    QUALORA CE NE FOSSE ANCORA DI BISOGNO, CI TENIAMO A SOTTOLINEARE CHE ANCHE I FIGLI DEI MARINAI SONO MARINAI PER SEMPRE. GRAZIE Bruno Henningcastellanidimalo PER QUESTA INTENSA EMOZIONE E PER QUESTO REGALO CHE RICORDEREMO NELLA “BANCA DELLA MEMORIA” CERTI CHE ANCHE SUO PADRE FERRUCCIO GRADISCE DA LASSU’.

  12. Mario Spagnolo dice:

    R.I.P.

  13. Enrico Pessicola dice:

    storia commovente da leggere assolutamente, chissà se qualcuno ha conosciuto qualche superstite del mercatile. saluto cordialmente sil sig. Bruno che ho letto risiedere a Genova come me.

  14. Mariano Russo dice:

    R. I. P. …!!!!

  15. Nico Vernì dice:

    condivido

  16. Davide Brandano dice:

    Caro Bruno, mi chiamo Davide, ho 39 anni e sono figlio di Giovanni Brandano, marinaio, nato nel 1943 (Novembre) e orfano di guerra. Mio nonno, Antonio, anche Lui marinaio, é morto in combattimento, affondato in mare, non so se prima o immediatamente dopo l’ 8 settembre…mio papà é deceduto quasi 2 anni fa, e con lui é andata via anche quella fonte di ricordi e conoscenze che sarebbero state utili per capire e risponderti con precisione. Ma a me piace pensare che, chissà, mio nonno era imbarcato con il tuo papà…un forte abbraccio, Davide

  17. Salvatore Chiaramida dice:

    condiviso

  18. Bruno HENNING CASTELLANI di MALO dice:

    LA RINGRAZIO ANCH’IO PER QUESTO BRELLISSIMO GESTO D’AMORE E’ VERO I NS CARI DA LASSU’ SONO E SARNNO SEMPRE RICORDATI I NOSTRI EROI

  19. Amici nave Canopo dice:

    ECCO LA BELLA STORIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *