Abdon Pamich, il fiumano che correva più forte di tutti

di Andrea Arena

Con quel nome un po’ così e quelle due medaglie olimpiche sul caminetto verrebbe da pensare ad uno sciatore altoatesino. O a un bobbista. O a qualche altro sangue misto naturalizzato in fretta e furia per assicurare qualche medaglia in più alla vecchia italietta. Invece Abdon era più azzurro dell’azzurro del cielo, dentro si sentiva italiano, ed era nato in terra italiana, quando Rijeka si chiamava ancora Fiume e il tricolore sventolava sull’Istria.

Ma poi ci fu la guerra, e dopo arrivarono i cattivi, e ai cattivi gli italiani non piacevano. Li facevano sparire nelle foibe, quando andava male, e quando andava bene invece li torturavano e basta. E allora il fratellone di Abdon decise che era meglio scappare dalla furia jugoslava, e di andare in Italia, dentro i confini di quella Patria che s’era spostata di qualche centinaio di chilometri a causa di patti scellerati e bottini di guerra. Scapparono, allora, due ragazzini a piedi per giorni e giorni, e chilometri e chilometri. Profughi, poveri, soli. Al freddo e alla fame nei centri per gli sfollati.
Così crebbe Abdon, e si fece la scorza dura. E vent’anni dopo, a Tokyo ’64, quella pellaccia gli servì per andare più forte di tutti e regalare la medaglia d’oro nella marcia alla sua Patria, alla sua Italia.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Marinai di una volta, Racconti, Recensioni, Storia, Un mare di amici. Permalink.

10 risposte a Abdon Pamich, il fiumano che correva più forte di tutti

  1. Flavio Biazzi dice:

    Umile, silenzioso e macchina da Km……

  2. Pagina Facebook La voce del Marinaio dice:

    Marinaio di Lago Un atleta unico !!!
    Raffaele Anatilopan Complimenti di tutto. Sei stato grande.
    Sabatino D’Angelo unico

  3. Tony Forti dice:

    Unico

  4. Nereo Ambrosio dice:

    Fiero di essere suo concittadino e di esporre sul mio profilo la bandiera della mia amata Fiume.

  5. Roberto Tento dice:

    Onore a lui e voi tutti..

  6. Roberto Innocenti dice:

    Me lo ricordo quando si allenava per le strade di Genova, allora lavorava alla Shell di piazza della Vittoria.

  7. Giancarlo Leandri dice:

    Mi dispiace che ho conusciuto Ezio Pancrazio troppo tardi. Con questo capisco quanto valori di sincerità, bomtà, amicizia e quasi quasi di fratellanza. Sono orgoglioso di avere un amico così.

  8. Egidio Alberti dice:

    Bravo EZIO, bel ricordo di un grande campione

  9. Francesco Ortega dice:

    e stato veramente un grande della marcia !

  10. Gino Lanzara dice:

    condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *