3.2.1943, la regia nave Saetta si spezza in due tronconi

a cura Antonio Cimmino e Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Questo breve articolo è dedicato alla memoria di Salvatore Schettino, nato a Castellammare di Stabia (Napoli), scomparso in mare il 3.2.1943 unitamente a 170 marinai dell’equipaggio del regio cacciatorpediniere Saetta spezzatosi in due urtando una mina al largo di Biserta.
 Per non dimenticare, mai.

Marinaio-Salvatore-Schettino-www.lavocedelmarinaio.com_

Il regio cacciatorpediniere Saetta, appartenente alla prima serie della classe “Dardo” fu una unità navale che costituì un notevole miglioramento per la Marina perché da navi come queste derivarono, in seguito, tutti i cacciatorpediniere costruiti fino alla Seconda Guerra Mondiale.

Regia nave Saetta (foto www.trentoincina.it)

Il regio cacciatorpediniere Saetta fu varato nel 1932.
Il 3 febbraio 1943, mentre scortava un convoglio nel canale di Sicilia, saltò su una mina.

3.2.1943 nave Saetta - www.lavocedelmarinaio.com

Il suo motto era: scocca e colpisci…
Morirono 170 uomini dell’equipaggio.

Regio cacciatorpediniere Saetta - www.lav ocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Storia. Permalink.

Una risposta a 3.2.1943, la regia nave Saetta si spezza in due tronconi

  1. Raffaele Napolitana dice:

    Gloria a tutti loro RR.II.PP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *