21.2.1860, affondamento regia nave Torquato Tasso

di Antonio Cimmino

…a Castellammare di Stabia c’era una volta un arsenale che costruiva navi, e adesso?


La regia pirofregata a ruote Torquato Tasso fu costruita nel Real Cantiere Navale di Castellammare di Stabia e varata il 28 maggio 1856. Le sue caratteristiche tecniche principali erano le seguenti:


– dislocamento: 1450 tonnellate;
– scafo in legno con carena ramata;
– dimensioni: 63,3 x 9,9 x 4,9 metri;
– due ponti;
– due alberi a brigantino – goletta con bompresso;
– 4 caldaie Guppy e macchina alternativa da 300 cavalli costruita a Pietrarsa (Napoli);
– armamento all’origine: 1 obice da 117 libbre con canna a ferro liscio, 1 cannone da 60 libbre a omba Myllar con canna a ferro liscio, 8 obici Paixans da 30 libbre con canna a ferro liscio, 2 cannoni da 12 libbre in bronzo su affusto (da sbarco);
– equipaggio: 178 uomini.
Affondò per fortunale il 21 febbraio 1860 al largo di Civitella del Tronto.

Questo articolo è stato pubblicato in C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a 21.2.1860, affondamento regia nave Torquato Tasso

  1. Pio Forlani dice:

    Qualche anno fa la macchina del Torquato Tasso giaceva ancora intatta, immersa nel fango non lontano da foce Tronto. Se c’è ancora, un recupero sarebbe meraviglioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *