19.2.1917 – 19.2.2017, Carmine Crupi nel centenario della sua nascita, riposa in pace?

di Giovanni Tritto – Pancrazio “Ezio” Vinciguerra – Francesco Crupi – politici, cittadini ed ex marinai di Sant’Eramo in Colle e zone viciniori di buona volontà.

La lettera aperta al Signor Sindaco del Comune di Santeramo in Colle (Bari) che non ha mai ricevuto risposta.

Egregio Signor Sindaco Professor Michele D’ambrosio,
il quadro di Carmine Crupi è stato ultimato, google maps ha aggiornato la cartografia, quando si deciderà di aggiornare il nome della via Carmine Crupi?

Ci perdoni anticipatamente per l’estrema sintesi di questa richiesta ma il tempo passa e un altro 20-21 settembre, l’ennesimo, è passato…
Nel ricevere la fotografia del quadro di Carmine Crupi, commissionato dal suo concittadino Giovanni Tritto (associazione nazionale Marinai d’Italia sezione di Gioia del Colle), auspichiamo che Lei, primo cittadino del Comune di Santeramo in Colle, ponga in essere tutte quelle azioni affinché il Marinaio Carmine Crupi riposi in pace, dando sollievo alla sofferenza del nipote e dei Marinai d’Italia e per questo confidiamo in Lei e nel suo cuore pio e misericordioso.
In attesa di un Suo cortese cenno, rimaniamo a Sua disposizione e Le auguriamo buon lavoro e lunga vita.

Per doverosa ed opportuna informazione, di seguito, la “cronistoria in ordine inverso di data”, pubblicata da questo blog e già segnalata alla sua Amministrazione, relativa all’argomento “Carmine Crupi”.

Egregio Sig. Ezio, Le invio, come da Lei richiesto, la foto di zio, l’unica che sono riuscito a trovare, rovistando tra le “carte” di papà.
Ci tengo a precisare che qualora dovessi riuscire a reperire un’altra foto che ricordo di aver visto da bambino, dove Carmine era ritratto vestito da marinaio, invierò anche quella.
Cordiali saluti e a risentirci.
Dott. F. C. Crupi
francesco.crupi.55@alice.it
24.2.2016 ore 8:50
Buongiorno dott. Francesco Crupi, grazie.
E’ bello aprire la posta mail è trovare un così bellissimo regalo. Sono felicissimo.
Il tempo è sempre galantuomo dice il detto ed io sono sulla stessa lunghezza d’onda.
Noi marinai amiamo un detto (che è anche il motto della nave scuola Vespucci attribuito a Leonardo Da Vinci ma che è in verità citato in uno dei Vangeli…) “Non chi comincia ma quel che persevera”.
Mi auguro adesso che gli associati marinai di Gioia del Colle e dei paesi viciniori tributino degnamente e annualmente gli onori al merito che Carmine merita.
Se riesce a trovare la foto in divisa sarebbe il top del top ma già ringraziamo Dio che ci ha permesso di arrivare a questo traguardo terreno.
Un abbraccio a Lei, grande come il mare ma anche come il suo cuore.
Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Riceviamo e con immenso ed infinito orgoglio pubblichiamo
19 febbraio 2016 alle 08:40
Caro Ezio e amici della vocedelmarinaio.com,
scrivo oggi che ricorre il 99° anno dalla nascita dello zio Carmine Crupi per comunicare che ho visto con piacere che molti siti di cartografia tipo “maps” già riportano il cognome di zio in modo corretto in riferimento alla via a lui intitolata ed anche in altre occasioni, sia pubblicitarie che in una Ordinanza del Comandante della Polizia Urbana di Sant’Eramo, oppure quando è stato trasferito provvisoriamente in quella via l’Ufficio Postale. Tutto questo grazie all’interessamento vostro, dell’Associazione Marinai e di alcuni volenterosi cittadini.
Cordiali saluti, Dott.Francesco Carmelo Crupi
Per far comprendere meglio ai lettori si ripubblica interamente l’articolo a firma Giovanni Tritto pubblicato su questo blog in data 19 marzo 2010

“Questo articolo vuole rendere i “dovuti onori” alla memoria del marinaio Carmine Crupi” a novant’anni dalla sua nascita.
Carmine Crupi nasce a New York il 19 febbraio 1917 ma un errore di trascrizione lo identifica come “Carmine Gruppi” (veniva trascritto agli atti del Comune di Catona (RC) il 3 gennaio 1934 risulta figlio di Francesco Crupi e di Grazia Vespia e forse ancora vivente dovrebbe abitare un suo zio, Romolo Crupi, unico parente).
Durante il secondo conflitto mondiale, più esattamente tra il 20 e il 21 settembre 1943, un reparto ben armato dell’esercito tedesco in ritirata, dopo la firma dell’armistizio, circondò e si impadronì della polveriera sita nella periferia del Comune di Santeramo in Colle (Bari). A difesa di questa polveriera, denominata “la parata”, era stato posto un reparto del Battaglione San Marco di cui Carmine Crupi faceva parte in qualità di Sottocapo autista.
I soldati tedeschi, sotto la minaccia delle armi, intimarono la resa ai nostri marinai minacciandoli, in caso contrario, di farli saltare insieme alla polveriera. Sia per la superiorità numerica degli avversari che per la sproporzionata differenza di munizionamento, i nostri marinai si resero subito conto che sarebbe stata vana qualsiasi difesa e resistenza e, consapevolmente, accettarono la resa e la consegna delle armi. Fatti prigionieri furono obbligati a posizionare le cariche esplosive che avrebbero dovuto far saltare anche gli altri depositi di munizioni della zona. Questi depositi erano ubicati a ridosso del centro abitato e lo scoppio di alcuni di essi avrebbe sicuramente provocato una strage di cittadini innocenti.
La sera del 20 settembre 1943 i tedeschi convocarono tutti i marinai per comunicare che il loro compito era esaurito e, poiché avevano svolto il lavoro con bravura e lealtà, li avrebbero lasciati liberi il giorno dopo. Carmine Crupi intuì il macabro disegno di distruzione che i tedeschi avevano architettato e memorizzò “lo schema” di predisposizione e il “congegno” che avrebbe permesso la simultanea esplosione dei circa 150 depositi della polveriera. Ben conscio del grande pericolo a cui andava incontro, finse di allontanarsi e si nascose in una delle grotte dell’avvallamento della zona, desideroso di fare qualcosa che avrebbe potuto scongiurare esplosione e lutti. Ed infatti riuscì nel suo intento. Alle prime luci dell’alba di quel 21 settembre 1943, appena i soldati tedeschi abbandonarono la polveriera, uscì dal suo nascondiglio e coraggiosamente disattivò tutti i congegni che in precedenza erano stati posti.
I tedeschi azionando a distanza i congegni, fecero crollare, dopo averlo oltrepassato, solo il ponte che collegava il paese di Santeramo a quello di Altamura (cittadina che dista circa 20 chilometri) e si resero conto che qualcosa nel loro diabolico piano non aveva funzionato ma ormai era troppo tardi per ritornare indietro.
Il gesto eroico di un animo nobile e generoso come quello di Carmine Crupi che mise a repentaglio la sua stessa vita, fu salutato con gioia dai Santeremesi e dai commilitoni del Battaglione San Marco. Purtroppo, quella stessa mattina, il destino si accanì contro di Lui. Infatti, dopo aver preso la moto di servizio, appena imboccata una strada per il ritorno a Taranto, e consegnare con le sue stesse mani il rapporto dell’accaduto all’Alto Comando Dipartimentale – ironia della sorte – saltò per aria dopo aver urtato una mina anticarro disseminata lungo il tragitto.
Il Sottocapo autista Carmine Crupi morì dilaniato in quel tragico 21 settembre 1943 all’età di 26 anni. Venne sepolto nel cimitero di Santeramo in Colle e aspetta ancora oggi, dalla burocrazia, che i suoi dati anagrafici vengano regolarizzati da Carmine Gruppi a Carmine Crupi.
ADESSO CARMINE PUO’ RIPOSARE IN PACE COCCOLATO DALL’AFFETTO DEI SUOI PARENTI, DEI CONCITTADINI, DEI MARINAI DI UNA VOLTA, DEI POLITICI …DI BUONA VOLONTA’?
NULLA E’ DIFFICILE VOLENDO.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

15 risposte a 19.2.1917 – 19.2.2017, Carmine Crupi nel centenario della sua nascita, riposa in pace?

  1. Luigi Pace dice:

    condivido

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie a Paola Tritto: ti prego di sostenere la causa …perché non riposa in pace!

  3. Paola Tritto dice:

    Ovviamente non molliamo

  4. Giovanni Tritto dice:

    noi non molliamo

  5. Andy Holyred dice:

    Bravo Ezio, fatto molto interessante e significativo. Mi colpisce, anche perchè conosco una famiglia Crupi di Taranto.

  6. Carlo Di Nitto dice:

    Semplicemente …. UN EROE !!!

  7. Antonio Cimmino dice:

    condivido

  8. Marinaio Leccese dice:

    LA VIA CRUCIS CONTINUA…

  9. Fabio De Chiara dice:

    R.I.P.

  10. Ugo Conte dice:

    Grandi onori a questo eroe. ..R.I.P

  11. Giovanni Linardon dice:

    R.I.P.

  12. Francesco Montanariello dice:

    R.I.P.-

  13. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Si ringrazia Giovanni Tritto per la perseveranza

  14. Enzo Ghiandi dice:

    condivido

  15. Massimiliano Baccanti dice:

    condivido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *