Regio sommergibile Neghelli

a cura Carlo Di Nitto

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Il regio sommergibile Neghelli (classe ADUA, sigla NG) fu impostato il 25/2/1937 nei Cantieri O.T.O. di La Spezia e varato il 7/11/1937.
Entrò in servizio il 28/2/1938.
Il 13/12/1940 silurò l’incrociatore “Coventry” di 5.000 t. danneggiandolo gravemente.
Fu affondato in data ed ora imprecisata tra il 15 e il 22/1/1941. Da fonte ufficiale inglese del dopoguerra, si è appreso che il battello è stato affondato presumibilmente il 19/1, alle ore 11.25 circa, al largo dell’isola di Falconera, dal Ct “Greyound”. Prima di essere affondato, il “Neghelli” aveva silurato il P.fo “Clan Cumming” di 7.264 t. danneggiandolo gravemente.
Nell’affondamento scomparve l’intero equipaggio composto da 5 Ufficiali (compreso il Comandante T.V. Carlo Ferracuti) e 41 sottufficiali, sottocapi e comuni.

regio sommergibile Neghelli f.p.g.c. Carlo Di Nitto a www.lavocedelmarinaio.com

I Marinai caduti

Ascanio Ammaturo, sergente
Alessandro Baggioli, comune
Stefano Becciolini, comune
Ghino Begherini, capo di seconda classe
Ferruccio Blazer, comune
Mario Brignola, sottotenente di vascello
Egidio Carli, capo di seconda classe
Giacinto De Benedictis, capo di seconda classe
Cristoforo Delfino, sergente
Lorenzo Delfino, comune
Angelo Di Martino, comune
Carlo Ferracuti, capitano di corvetta in servizio permanente effettivo (comandante), 30 anni, da San Pietro di Feletto (MAVM)
Vito Fiorino, comune
Luigi Gaiardelli, sottocapo
Lodovico Gelli, comune, 21 anni, da Ferrara
Dino Gentino, comune
Giuseppe Giacomazzo, comune
Angelo Guaschi, sottocapo
Rodolfo Guglia, guardiamarina
Luigi Iacobellis, comune
Nicola Iodice, sergente
Giovanni Lacirignola, sergente
Pasquale Lanna, comune
Guido Luise, comune
Edoardo Macchia, capo di prima classe
Rino Manfrini, comune, 20 anni, da Comacchio
Costantino Marsilio, sottocapo
Raffaele Marzetti, comune
Giuseppe Masserani, capo di seconda classe
Ugolino Mattiazzi, capo di terza classe
Ezio Mazza, comune
Adolfo Molaro, comune
Giuseppe Munafa, sottocapo
Costantino Niola, sottocapo
Francesco Paladini, sergente
Giorgio Petrucci, comune
Giuseppe Pizzorna, guardiamarina
Ezio Pucci, capo di seconda classe
Francesco Rezzani, capitano del Genio Navale
Renato Ricca, comune
Giuseppe Sangani, sottocapo
Giusepe Saverino, sottocapo
Edoardo Tarantino, capo di seconda classe
Armando Tucci, sergente
Augusto Vallini, comune
Pietro Valsecchi, comune.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

8 risposte a Regio sommergibile Neghelli

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie Carlo mi dispiace non averlo pubblicato qualche giorno fa. Un abbraccio

  2. Carlo Di Nitto dice:

    Purtroppo la foto (ultima acquisizione della mia collezione) mi è arrivata soltanto ieri. Comunque siamo sempre nel periodo in cui si ritiene affondato !

  3. Salvatore Chiaramida dice:

    R . I . P .

  4. Raffaele Napolitana dice:

    Ovunque voi siate riposate in pace.

  5. Sgobba Pietro dice:

    Io chiedo, come può l’uomo uccidere un suo fratello.

  6. Mario Raggi dice:

    Un mio zio giace nel suo relitto Insieme al resto dell’equipaggio. Scordato da autorità civili e militari, che non hanno mai intrapreso una vera ricerca per poter individuare il punto esatto ove in esso custodisce il suo equipaggio , esistono anche le cordinate geografiche dove furono lanciate le bombe di profonditá da parte nave Inglese che la affondò, il suo ritrovamento , servirebbe a dare onore al suo equipaggio, alla nostra marina e ai familiari delle vittime che piangono sui pochi oggetti personali , quando esistono, i loro cari,senza la possibilitá almeno , di poter gettare un fiore a mare sul luogo ormai del loro sarcofago di acciaioR.i.p. Zio Guido e al suo eroico equipaggio

  7. Daniele dice:

    Anche un mio zio, sottocapo radiotelegrafista, perì nel Neghelli….il suo nome era Angelo Guaschi…..

  8. Pierino Valsecchi dice:

    Anche mio zio Valsecchi Pietro è scomparso col Neghelli.
    Pierino Valsecchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *