30 gennaio 1942, affondamento del regio sommergibile Medusa e la maledizione dei sommergibili Medusa

di Claudio53
Diritti riservati dell’autore per gentile concessione a
www.lavocedelmarinaio.com

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Il nome Medusa in Marina è legato a due sommergibili uno ha partecipato alla Prima Guerra Mondiale e l’altro alla Seconda; entrambi affondati con siluri lanciati da sommergibili nemici in Alto Adriatico.

1 – Regio sommergibile Medusa 1^ Guerra Mondiale
Costruito nei cantieri FIAT San Giorgio di La Spezia il primo Medusa fu varato il 30 luglio 1911 ed era classificato come unità di piccola crociera. Fu anche il primo sommergibile ad essere dotato di motore diesel per la navigazione in superficie. Dopo il varo, al Comando del Tenente di Vascello Alessandro Vitturi, fu destinato alla Prima Squadriglia Sommergibili di La Maddalena. Problemi ai motori costrinse la Regia Marina a farlo rientrare a La Spezia per sottoporre il battello a lavori che iniziarono il 14 settembre 1912 e finirono il 17 maggio 1914. Destinato dopo i lavori nuovamente alla Prima Squadriglia di La Maddalena, con il ruolo di caposquadriglia, il 1° Luglio 1914 tornò a La Spezia dove venne adibito alla difesa della base alle dipendenze della Seconda Squadriglia e successivamente, nel marzo 1915, trasferito a Venezia.
Il lungo trasferimento per Venezia prevedeva le seguenti due fasi:
• da La Spezia a Taranto a rimorchio della Nave Appoggio Napoli
• da Taranto a Venezia a rimorchio dalla Nave Appoggio Liguria.

Regio sommergibile Medusa - www.lavocedelmarinaio.com

La prima parte si svolse regolarmente mentre durante il tragitto nel Mar Adriatico il sommergibile a causa della nebbia si incagliò a duecento metri a sud-est dello scoglio di San Clemente al largo di Ancona. Per disincagliarlo oltre al Liguria intervennero anche i Rimorchiatori San Marco e Hellespont.
Allo scoppio della Guerra il Medusa era ancora a Venezia ed il Comandante era sempre il T.V. Alessandro Vitturi. L’unità operò in ruolo offensivo nell’Alto Adriatico sia davanti ai porti nemici che lungo le rotte seguite dai mercantili avversari.
L’8 giugno 1915 fu assegnata al battello una nuova missione di pattugliamento offensivo che sarebbe durata sino al mattino del 10. Il sommergibile si posizionò in agguato tra Umago e Punta Salvore. A parte i soliti problemi ai motori la missione si svolse senza inconvenienti ed avvistamenti. Alle 20.30 del 9 l’unità si posò sul fondale al largo di Cortellazzo per il pernottamento ed il mattino del 10, senza che ci fossero state particolari attività nemiche, iniziò il rientro alla base.
Per i soliti problemi ai motori buona parte della navigazione di rientro fu effettuata in emersione sui diesel alla velocità di otto nodi. Alle 06.15, al largo delle Bocche del Lido, un siluro lanciato dal Sommergibile austriaco U11 (ex tedesco UB15) lo colpì a poppa ed affondò rapidamente.
E’ da notare che il sommergibile U 11 all’epoca dell’azione apparteneva ancora alla Marina Germanica ed era intento ad addestrare il personale della Marina Imperiale Austrica. Per tal motivo l’azione avvenne quando non esisteva ancora uno stato di guerra tra Italia e Germania.
Dall’affondamento si salvarono, e furono fatti prigionieri, solo il Comandante in 2a Tenente di Vascello Carniglia, un sottocapo elettricista gravemente ferito, che il Comandante dell’U11 prese a bordo dopo energiche insistenze del Carniglia, e tre marinai.
Nell’ambito degli scambi di prigionieri fra italiani ed austriaci alla fine del 1916 rientrò in Italia dal campo di prigionia da Mauthausen il Sottocapo Elettricista Paolo Modugno. Era il ferito grave del Medusa salvato dal Tenente di Vascello Carniglia. Il Modugno, di Bari, nel 1919 ha scritto il libro “Dal sommergibile Medusa a Mauthausen” in cui descrive l’episodio dell’affondamento del sommergibile.
“…Ma il terribile momento venne: l’acciarino del siluro urtò contro il sommergibile, ed il siluro scoppiò, la luce si spense ed il macchinario cessò di funzionare. Il Medusa si abbassò con la prua, s’appruò, come dicono i marinai; fui gettato violentemente contro l’asse del periscopio al quale rimasi stretto finché lo scafo riprese la posizione normale per affondare poi, di poppa.
Il locale interno fu con violenza invaso dall’acqua, che mi travolse e mi sollevò fino ad urtare col capo contro la volta. Un operaio borghese, imbarcato con noi, con voce inumana chiedeva aiuto: le sue grida mi dettero la coscienza del pericolo. Raggiunsi con sforzi inauditi la torretta; il portellone che comunicava coll’esterno era chiuso. Tentai di aprirlo; non vi riuscii. Intanto l’acqua saliva senza tregua, implacabile. Non avevo più spazio, non avevo più aria: inghiottivo acqua, inghiottivo nafta, finché, forse, sotto la pressione dell’acqua stessa, il portello si aprì violentemente ed io fui lanciato fuori.
Il Medusa non c’era più; era scomparso, portando seco il suo carico di cadaveri. Addio Medusa, bel sommergibile nostro! Noi avevamo sperato di portarti vittorioso attraverso i nostri mari, attraverso le insidie del nemico, entro le sue basi, ove tiene inoperosa ed inutile la sua flotta: invece tu scompari, ucciso dalla insidia del nemico stesso!
Ero salvo ma a qual prezzo!
Per liberarmi dal risucchio e render più liberi i movimenti, tentai di togliermi le scarpe e mi accorsi che il piede destro seguiva, nel movimento, la calzatura. Avevo le ossa della gamba fratturate e poiché altri naufraghi non erano molto lontani e il dolore si fece, d’un tratto, vivissimo, chiamai disperatamente al soccorso.
L’ufficiale in 2a del Medusa, il Tenente di Vascello Carniglia, accorse, mi confortò, mi incoraggiò e mi aiutò a spogliarmi…

Gavitello regio sommergibile Medusa - www.lavocedelmarinaio.com

“… Ad un tratto un periscopio emerse a poco più di duecento metri dal gavitello; esso si avvicinava a noi, quasi ad investirci. Oltrepassato il galleggiante, il sommergibile venne a galla. Era nemico! Il Comandante ci chiamò a bordo. Allora il Tenente di Vascello Carniglia mi sciolse e mi aiutò a raggiungere il sottomarino…

Giornale

…era intenzione del comandante tedesco di abbandonarmi alla mia sorte, tanto gli parve grave la mia condizione e prossima alla fine. Uno di quei marinai aveva già portato in coperta un salvagente per gettarmi con quello in mare. Il mio Comandante mi salvò, opponendosi a una soluzione così inumana…”

Il Modugno e gli altri superstiti del Medusa furono portati il giorno dopo dello sbarco a Pola e successivamente le loro strade si divisero. Il Modugno fu operato due volte a Pola e dopo qualche settimana di degenza fu trasferito con il treno via Divacco/Lubiana a Gratz (in Austria) dove arrivò dopo 17 ore di viaggio. A Gratz fu ricoverato in un ospedale dove erano già presenti altri prigionieri russi. Fu di nuovo operato, l’operazione non ebbe ottimi risultati e l’11 ottobre fu trasferito a Mautausen dove fu internato prima con gli abili e solo successivamente con i mutilati e feriti gravi. Nel campo incontrò 3 dei sopravvissuti del Madusa: i Marinai Deiana e Fontanive, quest’ultimo era colui che si privò del corpetto per imbragarlo al gavitello dopo l’affondamento, ed il Tenente di Vascello Carniglia colui che lo salvò. Il Modugno fu liberato in uno scambio con prigionieri austriaci.

Tubercolosi

“…libero in Italia, in procinto di vedere la mia famiglia, sapevo che il Tenente Carniglia era salvo; che cosa potevo desiderare di più? E dopo Como, Monza, e poi Bari, la mia famiglia, mia madre, la santa madre mia che mi aveva pianto morto e che invece stringeva al petto, il suo figliuolo, con la gamba spezzata, ma con la fede intatta!
Così finì la mia prigionia, così finì la mia vita militare. Ma sui campi di dolore di Mauthausen imparai una cosa che giammai si cancellerà dall’animo mio: Imparai ad amare profondamente l’Italia”
Persero la vita un operaio del cantiere di costruzione ed i sottonotati 14 componenti dell’equipaggio:

• Tenente di Vascello (Stato Maggiore) Vitturi Alessandro di Giuseppe Comandante del Medusa nati a Vicenza il 22 novembre 1979, Capitaneria di Porto di Venezia (Medaglia di Bronzo al Valor Militare);
• Secondo Capo Torpediniere Elettricista C.R.E.M. Costanzo Luigi di Edoardo nato a Casale Monferrato l’11 aprile 1898, Capitaneria di Porto di Genova (Medaglia di Bronzo al Valor Militare);
• Secondo Capo Torpediniere C.R.E.M. Stefanini Giuseppe di Antonio nato a Venezia il 3 settembre 1889, Capitaneria di Porto di Venezia;
• Primo Macchinista C.R.E.M. Scelso Francesco di Nicola nato a Castellamare di Stabia il 27marzo 1889, Capitaneria di Porto di Spezia;
• Torpediniere C.R.E.M Baviera Leonardo di Giovanni nato a Serrata il 23 giugno 1893, capitaneria di porto di Reggio Calabria;
• Torpediniere C.R.E.M. Fregoso Enrico di Luigi nato a Spezia il 2 aprile 1895, Capitaneria di Porto di Spezia;
• Torpediniere C.R.E.M. Gaggero Eugenio di Tommaso nato a Spezia il 22 giugno 1892, Capitaneria di Porto di Spezia;
• Torpediniere C.R.E.M. Sommella Luigi di Filippo nato a Caserta il 23 giugno 1895, Capitaneria di Porto di Napoli;
• Torpediniere C.R.E.M. Stocchi Aldo di Guido nato a Parma l’1 luglio 1895, Capitaneria di Porto di Spezia;
• Fuochista Scelto C.R.E.M. Cerfeda Mario di Giacomo nato a Diso il 26 settembre 1892, Capitaneria di Porto di Brindisi,
• Fuochista Scelto C.R.E.M. Landini Emilio di Oreste nato ad Ancona il 22 novembre 1892, Capitaneria di Porto di Ancona;
• Marinaio Scelto C.R.E.M. Annese Girolamo di Antonio nato a Molfetta il 5 giugno 1892, Capitaneria di Porto di Bari;
• Marinaio C.R.E.M. Grillo Luigi di Giovanni nato a Sarzana l’1 novembre 1879, Capitaneria di Porto di Spezia;
• Marinaio C.R.E.M. Pucci Pasquale di Giuseppe nato a Viareggio il 7 dicembre 1894, Capitaneria di Porto di Viareggio.

Al Comandante Vitturi vene conferita la Medaglia di Bronzo al Valor Militare alla Memoria con la seguente motivazione:
“Comandante del Sommergibile Medusa, dopo aver condotto a compimento la sua missione presso una base nemica, in seguito ad attacco di una unità avversaria, incontrava morte gloriosa. Alto Adriatico, 10 giugno 1915″.
Il Tenente di Vascello Vitturi è sepolto nel Tempio Ossario del Sacrario del Lido di Venezia mentre al Sacrario di Redipuglia vi sono i resti degli altri caduti del battello.
Il relitto fu localizzato alcuni giorno dopo l’affondamento in posizione 45°24’14” Nord – 012°41’ Est ma fu deciso di non recuperarlo per evitare di esporre altri mezzi agli attacchi del nemico. Solo nel 1956 la Cooperativa Triestina GORIUP richiese ed ottenne dalla Marina Militare l’autorizzazione per recuperare il relitto del sommergibile. Le operazioni di recupero effettuate con il pontone Velj Joze finirono il 18 agosto 1956. La carcassa fu trainata a Punta Sabbioni e furono recuperati i resti del personale. L’estrema prua del Medusa ed altre parti, tra cui il timone, sono conservate nel Museo Navale di Venezia.
Prima di chiudere la presente ricostruzione relativa al primo Medusa diamo alcune notizie sul Tenente di Vascello Carniglia, pilota di dirigibili con brevetto n° 9, figlio di marinaio, vero lupo di mare, è vissuto a Chiavari dove la madre aveva un negozio di manifatture. Preso prigioniero fu inizialmente rinchiuso nel campo di Praha (Praga) da cui tentò di scappare. Venne ripreso ed internato nel campo di prigionia di Mauthausen dove ritentò nuovamente la fuga ma anche questa volta venne ripreso. Nel 1917 fu rimpatriato dopo uno scambio con un ufficiale tedesco prigioniero degli inglesi, che acconsentirono allo scambio perché il padre del Carniglia era stato decorato dalla Regina Vittoria per aver salvato sudditi inglesi in mare. Ritornando in Italia il Carniglia raccontò di aver notato che sulle carte nautiche del sommergibile U 11 erano segnate le nostre zone di sbarramento mine, le rotte di sicurezza ed anche il gavitello di segnalazione.
Morì nel 1935 in Africa di malattia tropicale. Il suo tentativo di fuga dal campo di Mauthausen è stato descritto nel libro “Prigionieri” di Enrico Annoni pubblicato dall’editore Angeli nel 1933.

…”Se le pagine dedicate al disastro del «Medusa» attraggono l’attenzione del lettore e ne fanno trepidante l’animo come egli medesimo fosse appeso alla chiglia lacerata dall’esplosione o al gavitello perduto nell’immensità dell’Adriatico, i capitoli della prigionia a Pola, a Gratz, a Mauthausen fanno rivivere con tristezza accorata il lungo calvario dei nostri fratelli in cattività che, pur fra gli strazi della carne dolorante, del cibo animalesco, del giaciglio infetto, della solitudine desolata, seppero trovare nel loro spirito di soldati italiani la fierezza, la forza, la fede per resistere in silenzio alle prove più crudeli.” (Maffio Mafii).

Vitturi

L’immagine del Comandante Vitturi e tratta dall’Albo d’Oro dei caduti degli editori Alfieri&Lacroix e le restanti immagini e le frasi in corsivo sono tratte dal libro “Dal sommergibile Medusa a Mauthausen” scritto da Paolo Modugno per la Ditta Claudio Stracca di Frosinone nel 1919.

2 – Regio sommergibile Medusa 2^ Guerra Mondiale

Del Medusa della Prima Guerra Mondiale abbiamo già parlato in questo blog e l’articolo è stato recentemente riproposto da Ezio al seguente link:
http://www.lavocedelmarinaio.com/2016/01/30-1-1942-affondamento-del-regio-sommergibile-medusa/
La tragedia del Medusa della Seconda Guerra Mondiale ha inspirato molti film del dopoguerra ma qui voglio ricordare:
• il libro “Un corpo sul fondo” di Pietro Spirito editore Guanda (collana Narratori della Fenice) che è ancora possibile trovare in commercio;
• il film documentario “Medusa – Storie di uomini sul fondo” di Fredo Valla che è possibile ancora acquistare contattando direttamente l’autore come indicato al seguente link: http://www.fredovalla.it/medusa-storie-di-uomini-sul-fondo/
Ringrazio il dott. Fredo Valla per il materiale fornitomi a corredo del presente lavoro di ricerca. Su YouTube è possibile vedere il trailer del suo film documentario al seguente link:
https://www.youtube.com/watch?v=nbU1ot_mBI8 mentre l’animazione dell’affondamento al trovabile seguente link: http://www.arcoiris.tv/scheda/it/14882/

varo regio sommergibile Medusa- www.lavocedelmarinai.com

Caratteristiche tecniche del Medusa
Sommergibile della classe Argonauta impostato il 30 novembre 1929 nei cantieri di Monfalcone, varato il 10 dicembre 1931, consegnato l’8 ottobre 1932.
Lungo 61,50 metri e largo 5,65, il Medusa dislocava (in superficie) 650 tonnellate e 810 in immersione. Mosso da due motori diesel e da due propulsori elettrici da 1.500 e 800 cavalli, l’unità era in grado di raggiungere 14 nodi in superficie e 8 in immersione. Dotato di un’autonomia di 4.900 miglia a 9,5 nodi (in superficie), il Medusa era armato con un cannone da 102 mm. Prodiero, 2 mitragliere da 13,2 mm e sei tubi lanciasiluri. L’equipaggio dell’unità era di 4 ufficiali e 40 marinai.
Entrato in servizio fu assegnato a Messina. Nel corso del 1934 svolse un lungo viaggio di addestramento nel bacino orientale del Mediterraneo. Nel 1935 fu temporaneamente dislocato a Lero, ritornando nuovamente a Messina dopo un anno e dal 10 giugno 1940 fu assegnato alla 72a Squadriglia VII Gruppo a Cagliari ed il 5 marzo 1941 venne dislocato a Pola, per la Scuola Sommergibili e in agguati davanti alle coste dalmate.

Attività effettuata durate il servizio
10/06/1940
All’inizio delle ostilità è già in agguato al largo di Ajaccio rientra a Cagliari il 14 giugno assegnato alla 72a Squadriglia VII Gruppo
23/06/1940
Riparte da Cagliari per agguato a levante di La Galite
01/08/1940
Agguato a Nord di Capo Bougaroni. Il 2 rientra per avaria
dal 24/09/1940 al 30/09/1940
Agguato a nord di Biserta alle ore 11.45 del 24 viene attaccato da un aereo inglese. Il battello reagisce abbattendo l’aeromobile.
dal 09/11/1940 al 12/11/1940
Agguato al largo di La Galite insieme ad altri 4 sommergibili. Al termine rientra a Taranto. Sbarca il Comandante CC Enzo Grossi che assume il comando del Barbarigo. Gli succede il CC Enrico Bertarelli.
dal 30/11/1940 al 20/02/1941
Sosta lavori a Taranto. Al termine dei lavori viene trasferito a Pola
dal 05/03/1941 al 29/01/1942
Sommergibile a disposizione della Scuola Sommergibili di Pola ed effettua 65 uscite di addestramento e le seguenti missioni di sorveglianza:
• dal 14 al 18 aprile 1941 pattugliamento coste dalmate
• dal 25 al 28 settembre 1941 pattugliamento in alto Adriatico
• dal 12 al 14 dicembre 1941 pattugliamento tra Venezia e Trieste
• dal 25 dicembre 1941 in pattugliamento in alto Adriatico
30 gennaio 1942 – Affondamento del battello
Il 30 gennaio 1942 il battello, al Comando del Capitano di Corvetta Enrico Bertarelli, effettuò una esercitazione, tra Cherso e le coste istriane (nel Golfo del Carnaro), insieme col piroscafo Grado, al sommergibile Mameli ed alla vecchia Torpediniera Insidioso. A bordo oltre ai 60 uomini dell’equipaggio c’erano anche 6 ufficiali e 21 allievi Sottocapi e Comuni della Scuola di Pola. Nella fase di rientro dall’esercitazione il sommergibile britannico HMS Thorn, in agguato in zona, emerse e lanciò quattro siluri. Tre furono evitati con manovre evasive, ma l’ultimo siluro andò a segno alle 14.05 e colpì il Medusa sul lato sinistro al centro, sotto la torretta, provocando una violenta esplosione e l’immediato affondamento nel punto 44°45′ N e 13°36′ E nelle vicinanze dall’isola di Fenera.
Secondo la testimonianza del Guardiamarina Fei, uno dei sopravvissuti gravemente ferito e che successivamente morì nell’ospedale di Pola, il sommergibile britannico lancio la salva dei siluri ad una distanza di circa 1.000 metri:
…Omissis…
“…il mare era tranquillo e la navigazione procedeva senza problemi quando dalla torre, sulla quale mi trovavo con il capitano Bertarelli e altri cinque ufficiali, scorgemmo le scie di quattro siluri…Con prontezza, il comandante riuscì a manovrare evitandone tre, ma il quarto ci centrò in pieno”.
…Omissis…
L’esplosione fu avvertita dalle unità in zona. La prima unità a prestare soccorso fu il piroscafo Carlo Zeno che raccolse 5 naufraghi di cui due morti e tre feriti, che trasportò a Pola mentre sul luogo del sinistro erano giunte anche le unità che erano in esercitazione con il Medusa. Tra i feriti c’era anche il TV Gaetano Arezzo della Targia a cui fu successivamente assegnato il Comando del sommergibile Uarsciek con cui affonderà il 15 gennaio 1942.
Importante fu la dichiarazione del Guardiamarina Cesare Cadario di nave Grado, conservata all’Ufficio Storico della Marina Militare, che rilasciò a Pola il 5 febbraio 1942 poiché fu lui che notò galleggiare una boa telefonica nel punto dove era affondato il battello ed accorso sul posto con un motoscafo iniziò a comunicare con alcuni sopravvissuti che erano rimasti intrappolati nella camera di poppa del battello.
…Omissis…
“ Mi sono subito messo in comunicazione con il capo silurista di 3.a classe Vatteroni, e l’ho avvisato che erano iniziati i soccorsi e che erano affondati a meno di mille metri dall’isola di Fenera, a circa 30 metri di profondità. Ho chiesto quanti erano e come si trovavano. Mi rispose che erano in 14, che nessuno aveva ferite e che il sommergibile era un po’ sbandato e non avevano luce ad eccezione di un accumulatore”.
Segue l’elenco nominativo degli uomini che si trovano nella camera di lancio di poppa del sommergibile.
• Capo Silurista di 3a Classe Riccardo Vatteroni;
• 2° Capo Elettricista Oronzo Corrado;
• 2° Capo Elettricista Mario Vitali;
• Sottocapo Elettricista Paolo Congiu;
• Sottocapo Motorista Gerardo Tosto;
• Elettricista Alberto Amadei;
• Motorista Salvatore Agricola;
• Allievo Silurista Arturo Capra;
• Elettricista Celso Ravera;
• Sottocapo Elettricista Mario Basile;
• Sottocapo Silurista Augusto Scarioni;
• Silurista Giovanni Ausenda;
• Sottocapo Elettricista Mario Valentini;
• Elettricista Francesco Cosmina.

A una mia domanda il capo silurista rispondeva che aveva tentato di mettersi in comunicazione con le altre parti del sommergibile ma che nessuno aveva risposto, e mi diceva che il locale Motori Termici era sicuramente allagato. Gli raccomandavo di esser calmo e di tenere calma la gente che era con lui. Mi rispondeva che erano tutti calmi e sereni, fiduciosi nell’opera di soccorso. L’ho consigliato di far stare la gente seduta e ferma. Mi disse che vi erano delle leggere infiltrazioni d’acqua. Vero le 17.00 mi disse che l’acqua era al pagliolato e che aumentava di circa 10 centimetri all’ora. Mi disse che cominciava a mancare l’ossigeno e che aveva freddo.
Alle 16.30 il com. Ginocchio si avvicinava alla boa con un velocissimo (motoscafo) e mi incaricava di dire che avrebbero fatto mandare dei cappucci Davis (autorespiratori). Già prima il com. Bardi aveva parlato con il Capo Silurista per dirgli che avrebbe provveduto ai soccorsi.
Alle 17. 15 circa anche il tenente medico Esposito comunicava con l’interno del sommergibile e assicurava che sarebbero presto iniziate le operazioni di sollevamento.
Quando, verso le 17.30, annunciai che vedevo spuntare da Capo Promontore le lancia dei palombari furono molto contenti e ancora il Capo Silurista mi raccomandò che si facesse presto perché l’ossigeno mancava e non vi erano maschere Davis per tutti.
Successivamente il com. Buonamici comunicando con l’interno consigliava la calma e di usare la capsule Boldrocchi (una specie di filtro per l’anidride carbonica) e chiedeva se la porta stagna del locale motori termici era chiusa.
Alle 18.15, accorgendomi che il capo silurista parlava con fatica gli ordinavo di non parlare più e di stare ad ascoltare le notizie che gli avrei dato in continuità.
Alle 18.20 quando gli dissi che la barca era vicina e si stava per mettere sopravento alla boa e che il sommergibile Otaria si avvicinava per dare ossigeno mi disse la sua soddisfazione e mi ringraziò per quanto si stava facendo per loro.
Alle 18.35 mi accorsi di non essere udito dall’interno del sommergibile e constatai che a causa delle onde si era spezzato il cavo telefonico. Cercai di unire i fili ma non riuscii a mettermi in comunicazione e allora avvertii il capo servizio G.N. del Gruppo che mi passava vicino del perduto contatto. Mi rispose che avrebbe mandato un elettricista dell’Otaria.
Intanto il sommergibile Otaria era giunto in prossimità della boa. Alle 18 ritornavo sulla nave Grado.
…Omissis…
Nel frattempo sul posto erano giunti anche il sommergibile “Otaria” ed il battello dei palombari che alle 19.40 riuscirono a calarsi sullo scafo affondato. Il sommergibile era appoggiato sul fianco destro con un ampio squarcio al centro in corrispondenza della torretta. Intanto il tempo passava spietatamente e nelle prime ore notturne del 31 gennaio le operazioni di soccorso incominciarono ad essere ostacolate dal forte vento e dal mare.
Alle 00.30 le manichette per l’aria messe in mare dell’Otaria, che era riuscito a dar fondo all’ancora posizionandosi sulla verticale del Medusa, furono allacciate dai palombari allo scafo del battello affondato ed alle 01.20 inizio ad essere immessa aria fresca nella camera di poppa del Medusa. Alle 01.30 il cavo telefonico si ruppe per il mare e vento forte e furono recuperati anche i palombari che poterono riprendere l’immersione solo alle 07.30 del mattino e la speranza di trovare qualcuno ancora in vita fu certezza quanto battendo alcuni colpi contro le lamiere del battello ci fu una risposta dall’interno dalla camera di poppa.
Il pontone GA. 141 giunto da Pola tentò di imbragare la poppa del Medusa, ma dovette desistere ed allontanarsi per l’ulteriore peggioramento del tempo che costrinse tutti i mezzi di soccorso, ad eccezione del sommergibile Otaria, a ripararsi nelle insenature di Capo Promontore o rientrare in porto. Alle 19.00 l’ancora dell’Otaria cominciò ad arare, il battello si traversò al mare e le manichette dell’aria si ruppero. Il Comandante, Capitano di Corvetta Emilio Berengan, fu costretto a rientrare a Pola. Per il mare in tempesta fu possibile riprendere i soccorsi solo il 4 febbraio ma ormai non c’era più nulla da fare. Dall’interno solo il silenzio.
Verso la metà del 1943 iniziarono le operazioni di recupero del relitto. Furono recuperati con un pontone la prora e la poppa e fu possibile il 15 giugno recuperare dei corpi rimasti intrappolati nello scafo. La parte prodiera fu smantellata, mentre la poppa, per una errata manovra; ricadde in mare in vicinanza del porto di Pola dove ancora oggi giace presso Punta Verudela, a una profondità di circa 40 metri.
In tutto il Medusa aveva svolto 10 missioni offensivo-esplorative e 9 di trasferimento, per complessive 6311 miglia di navigazione in superficie e 578 in immersione.

Personale del Sommergibile Medusa deceduto il 30-01-1942

Eenco caduti regio sommergibile Medusa 1 - www.lavocedelmarina.comEenco caduti regio sommergibile Medusa 2 - www.lavocedelmarina.com

Alcune testimonianze rilasciate da alcune figlie dei Caduti al regista Fredo Valla nell’ambito della realizzazione del film documentario “Medusa – Storie di uomini sul fondo”
…Omissis….
…. solo che ogni tanto mi viene come uno sprazzo di memoria, mi sembra di vedere su una sedia un cappello da ufficiale di marina. Non so se è un ricordo vero oppure è un sogno, perché tante volte ho desiderato di vederlo veramente ‘sto papà ma in realtà essendo così piccola credo che proprio dei veri ricordi non posso averli mai avuti. Mamma non ce ne ha parlato spesso, io ricordo molto bene le passeggiate giornaliere che facevamo nel cimitero …
…Omissis…
Questa tragedia del Medusa ha segnato la nostra vita perché si fa presto a dire un nome, vedere tanti nomi su Internet, Tenente di Vascello tal dei tali e poi tutti i nomi dei Guardiamarina che avevano 16,18,19 anni e pensare sono nomi. Noi l’abbiamo vissuto sulla nostra pelle, è stata una tragedia che non ha finito di coinvolgerci anche da adulti e così penso a tutte le famiglie di questi ragazzi giovani che hanno perso i loro cari.
Però quando si legge e basta non si pensa, ma questo succede in tutte le guerre quando si vedono anche sulle lapidi tutti questi nomi.
…Omissis….
… “mi chiamava il mio topolino e non vedeva l’ora di venire a casa sempre per prendermi. Quando veniva dalle missioni mi teneva sempre con lui, sempre in braccio, stavo sempre con lui, anche se piangevo che magari volevo andare con mia mamma perché lo conoscevo poco, ero abituata poco a stare con lui…
…Omissis…

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

6 risposte a 30 gennaio 1942, affondamento del regio sommergibile Medusa e la maledizione dei sommergibili Medusa

  1. Egidio Aberti dice:

    Proprio scalognati. ONORI AI NUMEROSI MEMBRI DEGLI EQUIPAGGI DECEDUTI. RR.II.PP.

  2. Carlo Fais dice:

    terribile….

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Si ringrazia Claudio53 e coloro che fanno uso della nostra banca della memoria per ricordare

  4. Cuomo Beniamino dice:

    qui c’è un errore almeno in due foto.. si riferiscono alla grande guerra..Paolo Modugno e foto di internati a Mauthausen

  5. Francesco Venticinque dice:

    Ma, del Smg. Durbo, abbiamo qualche memoria? Mi piacerebbe conoscere il ruolino di bordo. Grazie ed un salutone ad Ezio Pancrazio Vinciguerra.

  6. Claudio53 dice:

    Non mi sembra che ci siano errori. Le foto del primo paragrafo sono della Grande Guerra e quelle del secondo paragrafo della 2 guerra mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *