3.1.1948, radiazione regia nave Vittorio Veneto

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

ezio-pancrazio-vinciguerra-www-lavocedelmarinaio-com_10La regia nave Vittorio Veneto, assieme alle gemelle Littorio, Roma e Impero costituiva la classe “Littorio”. Impostata nel 1934, fu varata a Trieste e completata nel 1940. Progettata dal Generale Pugliese e considerata insieme alle altre della stessa classe, fra le migliore unità in dotazione.

varo-regia-nave-vittorio-veneto-www-lavocedelmarinaio-com

Fra le numerose operazioni di guerra alle quali partecipò la regia nave Vittorio Veneto sono da ricordare:
– scontro di Capo Teulada del 27 novembre 1940;
– intercettazione delle Forze navali Britanniche, che proveniente da Gibilterra aveva bombardato Genova l’8 febbraio 1941;
– scontro di Gaudo del 28 marzo 1941, ove combatté, prendendo sotto il suo tiro, i quattro incrociatori britannici provenienti dal Pireo che tentavano di attrarre le forze navali italiane verso la flotta del Mediterraneo, forte di tre corazzate e di una portaerei provenienti da Alessandria. Al tramonto del 28, attaccata dai bombardieri e dagli aerei siluranti della portaerei, la regia nave Vittorio Veneto, a ponente di Creta, fu colpita a poppa da un siluro e imbarco 4.000 tonnellate d’acqua. Tuttavia poté raggiungere Taranto con i propri mezzi navigando a 19 nodi e conservando la piena efficienza bellica di tutti i servizi;
– operazione mezzo giugno dal (da 14 al 16 del 1942) nel Mediterraneo Orientale.

silouette-regia-nave-vittorio-veneto-www-lavocedelmarinaio-com

La regia nave Vittorio Veneto nel secondo conflitto mondiale partecipò a ben 56 missioni e percorse 18.000 miglia.
Dopo l’armistizio del settembre 1943, dopo una breve sosta a Malta, fu internata nei Laghi Amari in Egitto dove rimase fino al febbraio 1937 con l’augurio di un successivo reimpiego che non avvenne mai perché l’unità, in base al trattato di pace, fu assegnata alla Gran Bretagna che considerò i costi della sua demolizione altissimi, rinunciandone l’assegnazione.
Rientrò in Italia e fu disarmata, radiata e demolita a La Spezia il 3 gennaio 1948.
Le lettere di ottone che componevano il nome scritto sulla poppa, sono adesso in mostra presso il Museo navale di Venezia.
Dello stesso argomento sul blog
http://www.lavocedelmarinaio.com/2016/01/3-1-1948-la-regia-nave-vittorio-veneto%e2%80%a8-viene-posta-in-disarmo/

regia-nave-vittorio-veneto-www-lavocedelmarinaio-com_

Caratteristiche tecniche
Cantieri: C.R.D.A. Trieste
Impostazione: 1934
Varo: 25.7.1937
Completamento: 1940
Radiazione: 3.1.1948
Dislocamento: – Normale: 43.835 t – Pieno carico: 45.963 t
Lunghezza: 237,8 ( f.t.) – 224,5 ( pp.) m
Larghezza: 32,9 m
Immersione: 10,5 m
Apparato motore: 8 caldaie – 4 turbine – 4 eliche
Potenza: 140.000 HP
Velocità: 30 nodi
Combustibile: 4.000 t di nafta
Autonomia: 3.920 a 20 nodi
Protezione: – Verticale: 350 mm. – Orizzontale: 207 mm.
Artiglierie: 350 mm.
Torrione: 260 mm.
Armamento: – 10 pezzi da 381/50 mm. – 12 pezzi da 152/55 mm. – 4 pezzi da 120/40 mm. – 12 pezzi da 90/50 mm. – 20 pezzi da 37/54 mm. – 30 pezzi da 20/65 mm. – 3 aeroplani
Equipaggio: 1920.

regia-nave-veneto-www-lavocedelmarinaio-com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

5 risposte a 3.1.1948, radiazione regia nave Vittorio Veneto

  1. Bruno V. Bardelli dice:

    Grazie Ezio i tuoi articoli sono sempre graditissimi perché provengono dal cuore. Un abbraccio.

  2. Stella Pasquale dice:

    condivido

  3. Graziano Favilli dice:

    Le hanno demolite tutte…..non se nè salvata neanche una…..potevano farne un nave museo con una di queste splendide unità navali……..

  4. Marino Miccoli dice:

    La NB Vittorio Veneto era la più potente e bella unità della flotta, l’orgoglio della R. Marina. Mio padre, che ebbe occasione di salirvi a bordo e di visitarla, ricordo che ne parlava sempre in termini entusiastici, la considerava un vero e proprio gioiello della cantieristica navale italiana.
    Una GRANDE NAVE GLORIOSA di una REGIA MARINA GRANDE E GLORIOSA per il SERVIZIO reso da GRANDI UOMININI che ne facevano parte.

  5. Guglielmo Evangelista dice:

    Da bambino ho visto demolire a Spezia più di una corazzata. Sogno di bellezza per i vecchi, fogli di carta per un missile moderno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *