19.1.1943, affondamento del regio dragamine 36

di Marino Miccoli



Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Marino-Miccoli-2014-per-www.lavoce-delmarinaio.com_2Il 19 gennaio 1943, pochi minuti dopo la a mezzanotte, il Rimorchiatore-Dragamine R.D. 36 della Regia Guardia di Finanza – Mare comandato dal Maresciallo Aldo Tramonti, facente parte della flottiglia di 11 Unità comandata dal Tenente di vascello Giuseppe Di Bartolo fu affondato da due cacciatorpediniere inglesi a levante di Zuara (località situata sull’estremità occidentale della costa libica) nel compimento di un gesto eroico che merita di essere ricordato.
L’equipaggio di questo vetusto e piccolo dragamine costiero (dislocamento: t. 155; lunghezza: m. 35,35; larghezza: m. 5,80 armato di un unico cannone da 76/50 mm. e due mitragliere Colt), svolgeva il proprio dovere per proteggere il resto delle unità della flottiglia che stavano facendo rotta per la Sicilia. Il comandante Di Bartolo non esitò ad avventarsi contro due supercaccia britannici in procinto di attaccare il convoglio italiano, ben consapevole di avere di fronte unità inglesi veloci, molto ben armate e che sicuramente in poco tempo lo avrebbero disintegrato.
In quell’azione non si salvò nessun componente dell’equipaggio della Regia Guardia di Finanza – Mare e analoga sorte toccò all’unità gemella “R.D. 37″.
Sebbene anche le altre unità italiane furono affondate dal tiro micidiale e inesorabile dei cacciatorpediniere britannici, quell’azione di contrattacco consentì alle unità scortate di avvicinarsi alla costa africana e ai molti naufraghi di salvarsi, approdando sulla vicina spiaggia.
Questi Eroi si sono sacrificati affinché le altre unità della propria flottiglia potessero trovare scampo manifestando quel coraggio e l’innato valore che i militari italiani hanno dimostrato di possedere durante l’ultimo conflitto mondiale.
A seguito di questi fatti la Bandiera di Guerra del Regio Rimorchiatore-Dragamine “R.D. 36″ e il suo Equipaggio (che tengo a precisare erano Marinai col solino rigato di giallo) furono decorati di Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Regio-Rimorchiatore-Dragamine-www.lavocedelmanrinaio.com-foto-Marino-Miccoli

L’EROICO EQUIPAGGIO DEL RIMORCHIATORE DRAGAMINE “R.D. 36”:
• Maresciallo Oltramonti Aldo, Comandante;
• Maresciallo Genna Vincenzo, Conduttore Macchine;
• Brigadiere Laganà Pietro, Meccanico;
• Sottobrigadiere Sanna Antonio, Nostromo;
• Appuntato Salone Giuseppe, Fochista;


Regie Guardie di Finanza-Mare
• Inzucchi Giuseppe, Cannoniere,
• Di Sessa Costabile, Meccanico;
• Coppola Vincenzo, Marò;
• Balzano Domenico, Marò;
• Rizzi Gaetano, Marò;
• D’Aleo Giuseppe, Nocchiere;
• Baccile Nino, Fochista;
• Cavatorto Giovanni, Fochista,
• Fusco Amato, Fochista;
• Nuziale Francesco, Fochista.

Ai lettori del blog si consiglia la seguente lettura:

Fiamme Gialle su mare la copertina - www.lavocedelmariaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

2 risposte a 19.1.1943, affondamento del regio dragamine 36

  1. giuseppe dice:

    Tengo a precisare che il Comandante Di Bartolo era un ufficiale di marina come si puo’ verificare nella targa degli eroi all’ingresso dell’Accademia di Livorno

  2. Maura Delfino Curioso dice:

    condiviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *