Antonio Rovegiolo

di Giorgio Zenaro

banca-della-memoria-www-lavocedelmarinaio-com

giorgio-zenaro-per-www-lavocedelmarinaio-comAntonio Rovegiolo nasce a Thiene nel 1912.
Compiuti 18 anni si arruola nella Regia Marina Militare, volontario nel C.R.E.M di Venezia in qualità di allievo nocchiere nel 1931.
Dopo aver frequentato il corso di specializzazione per nocchieri, effettuava imbarchi, come pure incarichi di prestigio a terra, assolvendo sempre con passione e responsabilità tutte le incombenze a lui affidate dai superiori gerarchici.

Destinazioni
1931/32 regia nave Vespucci;
1932/33 regia nave Lepanto;
1933/35 regia nave Caboto;
1935/37 regia nave Manin;
1937 regio torpediniere Cairoli
1937/39 regia nave Attendolo;
1939/41 panfilo Aurora (di Benito Mussolini);
1941/43 regio torpediniere Procione;
1944 Marina Militare R.S.I.
1945/46 Centro raccolta Marina di Venezia.
Si congedava nel 1946, tenendosi nel cuore un grande amore per la Marina Militare. Era iscritto all’associazione nazionale marinai d’Italia di Thiene.

lettera-inviata-dallamico-beverino-f-p-g-c-giorgio-zenaro-a-www-lavocedelmarinio-com             (lettera dell’amico Beverino inviata ad Antonio Rovegiolo)

Decorazioni
Croce di Guerra al Valor Militare

Capo impianto di un pezzo da 100747 su torpediniera di scorta a un convoglio attaccato con bombe e mitraglia da aerei nemici, assolveva il suo compito con serenità e perizia e noncuranza del pericolo, contribuendo con preciso intenso fuoco della sua rama all’abbattimento di tre bombardieri (12.6.1942)”.

Croce al Merito di Guerra (1^ concessione – 24.4.1942)
Croce al Merito di Guerra (2^ concessione – 30.7.1942)
E’ autorizzato a fregiarsi del distintivo della guerra e ad applicare 2 stellette.
Concessa la medaglia commemorativa per la campagna di Spagna.
Capo carico nocchiere di Torpediniera durante un bombardamento che imperversava sulla nave e dalla quale l’incendio si propagava sul mare, contribuiva al disormeggio della nave, e al salvataggio dei naufraghi dell’unità che affondava. Esempio di slancio e sereno coraggio del pericolo”.
Fu fondatore e presidente del gruppo Marinai di Thiene 1961/1962.
Salpava per l’ultima missione, da Thiene il 26 novembre 1979.

antonio-rovegiolo-www-lavocedelmarinaio-com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a Antonio Rovegiolo

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Si ringrazia di cuore il marinaio per sempre Giorgio Zenaro per questo bel ritratto dedicato al suocero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *