20 ottobre 1970, era la data del mio congedo

di Franzo Osvaldo

nave-altair-www-lavocedelmarinaio-comIl 20 ottobre del 1970, uno dei giorni più tristi della mia vita, proprio a quest’ora io e i miei Frà sbarcammo dalla nostra amata nave Altair nella banchina di Cagliari. Con le lacrime agli occhi si faceva il saluto alla nostra gloriosa Bandiera, l’ultimo saluto a quella che per due anni è stata la nostra casa, il nostro posto di combattimento a protezione delle nostri genti e del nostro mare. Eravamo saliti a bordo poco più che ragazzini e dopo due meravigliosi anni sbarcammo da uomini temperati ad ogni evenienza.
I miei ricordi vanno inevitabilmente ai Frà che non ci sono più e che ora navigano in un altro mare continuando a vegliare sudi noi: “ciao fratelli un giorno ci ritroveremmo in quel mare”; una grande commozione allora come ora, e rivedo tutti gli amici schierati a poppa, anche loro commossi e ci salutavano, e ci dicevano addio, sapevamo che non ci saremmo più rivisti.
equipaggio-di-nave-altair-foto-franzo-osvaldo-www-lavocedelmarinaio-comQuel giorno i nostri pensieri andavano a tutte le avventure vissute in mare, molte belle, e alcune tragiche (la storia del fusina) e tante altre.
 Ricordo che ci recammo alla stazione di Cagliari ma lungo il percorso di via Roma le nostre gambe e la mente volevano tornare indietro, da Cagliari ad Olbia per prendere il traghetto. 
Alcuni ci salutarono subito perché erano sardi, altri alla stazione di Roma andavano al sud, altri ancora al nord. Erano distacchi e dolore ad ogni stazione, e finalmente arrivo il mio turno e quello di Antonello Fabio (che ora sta navigando in altro mare). Arrivammo a Venezia, l’ultimo saluto il più duro e doloroso, era tutto finito.

franzo-osvaldo-per-www-lavocedelmarinaio-com

Un’altra vita iniziava, una vita dura e difficile che ci avrebbe portato più tardi a mettere su famiglia e figli a cui abbiamo trasmesso le nostre esperienze di sacrificio e dovere verso gli altri. 
E ora, a distanza di quarantacinque anni, con altrettanta commozione, con gli occhi un po’ arrossati saluto tutti i Frà del 6°/48 e quelli dell’Altair con un grosso VENTO IN POPPA. 
Ciao Frà.

franzo-osvaldo-un-una-posa-recente-per-www-lavocedelmarinaio-com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Racconti, Recensioni. Permalink.

23 risposte a 20 ottobre 1970, era la data del mio congedo

  1. Lavinio Saltini dice:

    condivido

  2. Egidio Alberti dice:

    Bel racconto, BRAVO OSVALDO

  3. Vincenzo Melidoro dice:

    Stesse emozioni vissute giusto un anno dopo 20 ottobre 1971 6/49

  4. Egidio Alberti dice:

    Caro Vincenzo il tuo cognome mi ricorda gli amici Melidoro lucani come me (Valsinni 29.3.932). Un cordiale saluto

  5. Vincenzo Melidoro dice:

    Egidio hai ragione sono lucano di Policoro vicino valsinni

  6. Vincenzo Melidoro dice:

    Vedo che lei è stato un Ammiraglio , di origini di Valsinni quando ero in Marina sentivo parlare di un Cappellano di Valsinni,ho fatto servizio di leva al Collegio Morosini Venezia cordiali saluti

  7. Antonio Petruzzelli dice:

    Anch’io 3/48 Ministero Difesa-Marina (Maripers-Maristat).

  8. Antonio Varisco dice:

    Caro Osvaldo se posso permettermi ti devo dire che nave Altair era alla fonda in disarmo negli anni 1978 / 1979 nel bacino del Varignano , pur in disarmo era sempre una bellisima nave: me la ricordo benissimo li ci ho trascorso 18 mesi ciao Antonio.

  9. Giulio Fabiane dice:

    … ex USA, propulsione elettrica.

  10. Enrico Pesenti dice:

    Ma anzichè piangere perchè non hai messo la firma?

  11. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Marinaio per sempre!

  12. Franzo Osvaldo dice:

    ciao Ezio e grazie per questo e altri ricordi che puntualmente pubblichi per tutti noi, e sempre vento in poppa.

  13. Maria Miotto dice:

    Ancora al timone.!!! Avanti sempre Osvaldo! !!

  14. Franzo Osvaldo dice:

    fin che posso.

  15. Davide Amato dice:

    Complimenti zio Osvaldo, bel racconto, e belle riflessioni. È stato un piacere leggerti

  16. Renata Dalla Mora dice:

    Dove trovo gli scritti per Leggere? Grazie Osvaldo avanti a tutto ciao

  17. Franzo Osvaldo dice:

    e solo un piccolo racconto del mio congedo.

  18. Floriana Marchetti dice:

    condivido

  19. Cosimo Franco Moliterno dice:

    Viso Fra a presto nella speranza di passare qualche giorno assieme .

  20. Pinducciu Giovanni dice:

    Io ero ancora a Catania e volavo con gli SH 3D e
    mio figlio aveva 15 mesi

  21. Franzo Osvaldo dice:

    per Armando Berti; anche se non sei più fra noi ti ricordiamo sempre con tanto affetto, e in qualsiasi posto ti trovi ora che sicuramente sarà la nostra stella ALTAIR ti giungano tanti auguri.

  22. Mauro Turroni dice:

    Ho letto il tuo ( nostro ) racconto, ho provato una grande emozione nel rivivere quei momenti e non lo nego ma ho pianto ripensando al mio anno trascorso a bordo dell’ Altair, eravamo giovani e ingenui inesperti della vita, quella permanenza ha fatto di me un’altra persona non dimenticherò mai quei giorni, un grazie vada a tutte le persone che mi hanno fatto uomo e un saluto commosso a tutti i miei Fra’, arrivederci a Roma, io ci sarò.

  23. Simba il marinaio dice:

    Mi congedai il 20 Febbraio 1967 e provammo noi congedati del 2/45 le stesse emozioni tutto un misto felicità commozione due anni non erano uno scherzo salutre gli amici che restavano, ci aspettava la lunga strada della vita, ed ogniuno di noi la attravesata e la stà attraversando anche nel ricordo di quel periodo io passato su Urania, Bombarda, ad Augusta ed infine Altair Augusta Cagliari comandanti Vaselli, Pellegrino, Minoia, Zavattaro Brauzzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *