16.10.1940, Salvatore Todaro e il piroscafo belga Kabalo

(brano riassunto dal volume “La battaglia dell’Atlantico – Ferni editore)

Nella notte del 16 ottobre 1940, nel corso di una missione al largo dell’isola di Madera, Todaro avvistò il piroscafo belga Kabalo (5.186 tonnellate) e, dopo aver lanciato inutilmente tre siluri, lo affondò utilizzando il cannone di bordo. Dopo aver effettuato l’affondamento Todaro accostò e raccolse i ventisei naufraghi della nave belga e li rimorchiò, su di una zattera, per quattro giorni. Quando la zattera spezzò il cavo di rimorchio, Todaro non esitò ad ospitare i naufraghi sul sommergibile fino a sbarcarli, incolumi, sulla costa delle isole Azzorre dopo averli sbarcati si sente chiedere dal secondo ufficiale del Kabalo:

10-ottobre-1940-salvatore-todaro-www-lavocedelmarinaio-com

“ma lei visto che tratta così un nemico che razza di uomo è?”- “Vede se quando ci ha attaccati di sorpresa non stessi dormendo nella mia cabina lei avrei sparato addosso con il cannone scusi la mia franchezza”.
Salvatore Todaro risponde:
– “sono un uomo di mare come lei sono convinto che al mio posto lei avrebbe fatto come me”.
Porta la mano alla visiera in segno di saluto e fa per andarsene ma vede il secondo ufficiale che lo guarda, si ferma e chiede:
– “ha dimenticato qualcosa?”.
– “Si risponde l’altro con le lacrime agli occhi, ho dimenticato di dirle che ho quattro bambini se non vuole dirmi il suo nome per mia soddisfazione personale accetti di dirmelo perché i miei bambini la possano ricordare nelle loro preghiere!”
Risposta : “dica a suoi bambini di ricordare nelle loro preghiere Salvatore Todaro.

Tale generoso comportamento non venne apprezzato dal comandante in capo dei sommergibilisti tedeschi, l’ammiraglio Karl Dönitz, che criticò severamente il «Don Chisciotte del mare». Inoltre, l’affondamento della nave, portò alla dichiarazione dello stato di guerra tra l’Italia e il Belgio; successivamente, però, emerse che il Kabalo era una nave dispersa del convoglio inglese OB.223 e trasportava pezzi di ricambio aeronautici: l’affondamento risultava quindi pienamente giustificato. Gli fu comunque riconosciuta per questa azione la medaglia di bronzo al valor militare.

lapide-nella-casa-natia-di-salvatore-todaro-a-messina-www-lavocedelmarinaio-com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

2 risposte a 16.10.1940, Salvatore Todaro e il piroscafo belga Kabalo

  1. Sandro Saccheri dice:

    Uomini,Marinai come questo mi hanno convinto ad arruolarmi in Marina !!!!!

  2. Roberto Banzato dice:

    A quel tempo non c’era Renzi e il PD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *