10 ottobre 1911, Augusta nella guerra italo – turca (1911-1912)

a cura Francesco Carriglio
http://www.augusta-framacamo.net/inserti-framacamo/insert40.asp

concentramento-delle-forze-navali-f-p-g-c-francesco-carriglio-a-www-lavocedelmarinaio-comDopo una serie di accordi diplomatici europei da parte del Governo di Giovanni Giolitti con i paesi mediterranei e con la Germania, quest’ultima cercava di destabilizzare il ruolo centrale dell’Italia nel Mediterraneo. La Francia era impegnata alla conquista del Marocco e l’Inghilterra aveva problemi in Egitto. Nella Cirenaica e nella Tripolitania, allora provincie turche, vi si era da tempo stabilita una comunità italiana con grandi Interessi finanziari (Banche). Per l’invasione e la sovranità della Cirenaica e Tripolitania, il Governo italiano aveva ben presente che se l’Italia avesse attaccato la Turchia sul fronte africano, l’Austria né avrebbe approfittato per agire nei Balcani modificando i deboli equilibri europei. Con il pretesto di violenze subite da cittadini Italiani nella Cirenaica e nella Tripolitania il 29 settembre 1911 l’Italia dichiara guerra alla Turchia senza l’approvazione del Parlamento, usando l’art. 5 dello Statuto. Ebbero ordine di immediata mobilitazione: il Regio Esercito, la Regia Marina sosta-unita-per-il-rifornimento-f-p-g-c-francesco-carriglio-a-www-lavocedelmarinaio-come la loro neo componente aerea. Per la posizione strategica e per le caratteristiche della rada lo Stato Maggiore scelse Augusta come base di partenza per la spedizione militare della guerra Italo-Turca, in questa circostanza nel porto furono migliorate le infrastrutture; con la costruzione della Capitaneria di Porto, l’adattamento di alcuni locali come deposito per materiale navale nel Forte Garçia, e come base del Comando Navale il Forte Vittoria. Per il potenziamento della scorta di combustibile navale (carbone) fu aggiunto al già presente deposito galleggiante Massilia una nuova carboniera militare da 4.500 T., per effettuare il trasporto del carbone a bordo delle Unità Navali venivano impiegati barconi in ferro e in legno. Giunsero nel porto di Augusta l’incrociatore Amalfi e, a difesa del porto per il servizio anti-silutanti furono destinati i Caccia Torpedinieri Garibaldino, Lenciere e le Torpediniere 140S e Serpente. i-forti-garcia-e-vittoria-f-p-g-c-francesco-carriglio-a-www-lavocedelmarinaio-comNei giorni successivi diedero fondo all’ancora nella rada la Corazzata Vittorio Emanuele, l’Incrociatore Garibaldi, con a capo il Contrammiraglio Thaon del Revel Comandante della 2° Divisione Forze Navali Riunite, gli incrociatori Coatit e Partenope, i Caccia Torpedinieri Ostro, Freccia, Strale e altre unità minori. Il 10 Ottobre 1911 giunge ad Augusta la Forza Militare da sbarco per Tripoli che partì lo stesso giorno scortata da unità navali fino alle coste africane. Le forze armate composte da 36.000 uomini agli ordini del Generale Carlo Caneva, dopo diverse battaglie, occuparono Tripoli e Bengasi. Il 23 ottobre 1911 per un audace controffensiva turca morirono 503 bersaglieri italiani appartenenti alla 4° e 5° divisione. Questa offensiva recò nello stato d’animo dei soldati italiani un odio irrefrenabile verso gli indigeni e commisero ciò che non dovrebbe in una guerra mai accadere, una strage di civili fra cui donne e bambini nella località di Sciara Sciat.

porto-di-augusta-10-10-1911-f-p-g-c-francesco-carriglio

Il mondo si indigna, gli italiani non hanno vita facile in quel territorio, piccoli nuclei di terroristi si armano per effettuare imboscate di vendetta contro i militari italiani. La Turchia si prepara a una ulteriore controffensiva, ma l’Italia gioca d’anticipo e inizia le operazione di manovra nel Mar Egeo, la Regia Marina Italiana mette a segno dei tiri contro i forti ai Dardanelli rendendoli inoffensivi, poi si scontra nello Stretto con la Marina Turca. La battaglia fu vinta dalle navi italiane per la superiorità di gettata dei loro cannoni. La Turchia si accordò alla pace firmata a Losanna il 18 ottobre 1912 rinunciando al controllo della Cirenaica e della Tripolitania, il Governo e il Parlamento italiano estesero la sovranità amministrativa sulle provincie conquistate. La sovranità italiana della Cirenaica e della Tripolitania rimane limitata solamente alla fascia costiera denominata “LA QUARTA SPONDA”, sino all’indipendenza di questi stati.

il-giornale-ditalia-titola-la-partenza-delle-navi-per-la-guerra-italo-turca-1911-1912

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

6 risposte a 10 ottobre 1911, Augusta nella guerra italo – turca (1911-1912)

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Un abbraccio e un ringraziamento a Francesco Carriglio, grande come il mare e grande come il suo cuore di Marinaio per sempre.

  2. Egidio Alberti dice:

    Interessante pagina di storia. BRAVI

  3. Gino Lanzara dice:

    condivido

  4. Francesco Carriglio dice:

    Grazie Ezio un abbraccio

  5. Salvatore Toscano dice:

    mi piace

  6. Giancarlo Coppa dice:

    Sono rimasto colpito dallo “spezzone” di una frase: “… ciò che in una guerra non dovrebbe mai accadere …”.
    Naturalmente, inquadrando le cose nella mentalità dell’epoca, l’Italia era praticamente obbligata, per rimanere, almeno. al pari d’altre Nazioni, ad agire come agì.
    Con la mentalità d’oggi, però, (sapendo, ben inteso, che è una mentalità propugnata solo a parole) mi domando: “come l’avremmo pensata se fossimo stati Turchi?”
    Onore ai caduti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *