Salvo Cannizzo, Marinaio e Leone del San Marco (17.9.2012)


di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

ezio-pancrazio-vinciguerra-www-lavocedelmarinaio-com_10Oggi 17 settembre, si celebrerà a Catania, presso la Parrocchia delle Resurrezione del Signore 
viale Castagnola (quartiere Librino), la Santa Messa per ricordare la scomparsa di Salvo Cannizzo.
Il Marinaio era malato di cancro, contratto presumibilmente a causa del contatto con l’uranio impoverito nel 2006. 
Congedato nel 2011 con una pensione di 769 euro al mese, si era incatenato davanti l’ufficio di rappresentanza della Regione Siciliana a Catania, lasciando inascoltato il suo messaggio:
“Come posso vivere? 350 euro li verso alla mia ex moglie per il mantenimento delle nostre tre figlie e altri 350 li pago di affitto. Bisogna fare qualcosa per evitare che i miei compagni del Battaglione San Marco, che erano con me e sono stati a contatto con l’uranio impoverito, muoiano nel silenzio dello Stato che ci ha abbandonato“.
Di seguito il suo testamento:
Non posso scegliere come vivere, però posso scegliere come morire, per questo ho deciso di non sottopormi più a chemioterapia”.

17-9-2012-salvo-cannizzo-www-lavocedelmarinaio-com

E’ attivo su facebook un gruppo per ricordare la sua memoria
.
https://www.facebook.com/groups/421421037917152/?fref=ts

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Marinai di una volta, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

43 risposte a Salvo Cannizzo, Marinaio e Leone del San Marco (17.9.2012)

  1. Andrea de Maria dice:

    R.I.P.

  2. Fabio De Chiara dice:

    R.I.P.

  3. Salvatore Giaquinto dice:

    Sempre Leone

  4. Michele Armandi dice:

    R:I:P:

  5. Vito Pietro Melcarne dice:

    R.I.P.

  6. Carlo Giannatiempo dice:

    R.I.P. condoglianze alla famiglia

  7. Silvano Rambone dice:

    R.I.P.

  8. Nunzio Caprioli dice:

    ONORE. R.I.P.

  9. Michele Perfido dice:

    R.I.P.

  10. Luigi Mennella dice:

    R.I.P.

  11. Camillo Foti dice:

    condivido

  12. Michele Ottolino dice:

    R.i.p. salvo

  13. Mauro Petruzzella dice:

    r.i.p.

  14. Francesco Ortega dice:

    R.I.P.

  15. Umberto D'Andria dice:

    R.I.P.

  16. Alberto Messina dice:

    R.I.P

  17. Ugo Conte dice:

    La vergogna dei militari deceduti a causa dell’uranio impoverito e che lo Stato (???) NON VUOLE ASSOLUTAMENTE RICONOSCERE. …!! R.I.P.

  18. Luigi Morra dice:

    r.i.p fra

  19. Iachino Portelli dice:

    R.I.P.

  20. Pino Amara dice:

    R.I.P.

  21. Vincenzo Aquilar dice:

    Onori a questo soldato

  22. Raimondo Restivo dice:

    R.I.P.

  23. Elena Duccillo dice:

    l’eterno riposo donagli, o Signore…

  24. Egidio Aberti dice:

    ONORI a SALVO R.I.P.

  25. Roberto Tento dice:

    R.I.P

  26. Peppe Pasquino dice:

    Riposa in pace

  27. Ferdinando Del Gaudio dice:

    R.I.P.

  28. Antonio Esposito dice:

    Che schifo di governo e pensare che tanti pezzi di merda oltre agli stipendi d oro che prendono rubano anche a due mani e anche a quattro perché rubano anche i loro familiari .Onore al nostro Marinaio RIP

  29. Albanese Luciano dice:

    R.I.P.

  30. Salvatore Chiaramida dice:

    R . I . P .

  31. Salvatore Amato dice:

    Per non dimenticare

  32. Turi Privitera dice:

    condivido

  33. Anto Leo dice:

    Ciao amico mio anche se sei diventato una stella sei sempre con noi

  34. Pier Trip dice:

    Ciao Salvo TVB

  35. Maurizio Bisanti dice:

    SEMPRE NEI NOSTRI RICORDI….

  36. Maria Marea dice:

    R . I . P .

  37. Antonio Renzaglia dice:

    Patria Onorè pèr tè….

  38. Marco Montanari dice:

    R.I.P.Salvo.Veglia su di Noi.

  39. Virginia Federico dice:

    R.I.P

  40. Questa vittima è una delle tante dimostrazioni che lo stato italiano abbandona i suoi cittadini, soprattutto un servitore dello stato, che finché produce è una matricola ( NUMERO) da invalido o da morto viene abbandonato e dimenticato perché non rende più. Non chiamateli figli vostri, sono solo nostri, noi non li abbandoniamo e non li dimentichiamo neanche da morti….!!!

  41. Adele Chiello Tusa dice:

    Questa vittima è una delle tante dimostrazioni che lo stato italiano abbandona i suoi cittadini, soprattutto un servitore dello stato, che finché produce è una matricola ( NUMERO) da invalido o da morto viene abbandonato e dimenticato perché non rende più. Non chiamateli figli vostri, sono solo nostri, noi non li abbandoniamo e non li dimentichiamo neanche da morti….!!!

  42. Antonio Desi dice:

    Ciao amico mio anche se sei diventato una stella sei sempre con noi

  43. Marco Montanari dice:

    R.I.P.Veglia su di Noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *