8.9.1943, Surrender of the Italian Fleet


a cura Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com
Ezio-Pancrazio-Vinciguerra-www.lavocedelmarinaio.com_10Navi consegnate a Malta agli alleati in base alle clausole armistiziali dell’8 settembre 1943 (ma il termine significa “resa”):
– 3 navi da battaglia;
– 8 incrociatori leggeri;
– 11 cacciatorpediniere
– 22 torpediniere;
– 28 sommergibili.
Il trattato di pace del 1947, non tenne assolutamente conto dei tanto decantati meriti cobelligeranti poiché, occorre dirlo, furono di natura particolarmente modesta. Il colpo finale fu inferto alla regia Marina, costringendola a cedere molte navi alle nazioni vincitrici (Russia, Francia, Grecia, Jugoslavia e perfino la Cina) e a smantellare tutti i sommergibili. Ancor più doloroso il fatto che le corazzate Italia e Vittorio Veneto, confinate dopo l’armistizio ai Laghi Amari del Canale di Suez, rimasero inutilizzabili per tutto il restante periodo della guerra.

8-9-1943-surrender-fleet

note: foto tratta da www.scmncamogli.org

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Una risposta a 8.9.1943, Surrender of the Italian Fleet

  1. André Marzo dice:

    Peccato che mancava la nostra ammiraglia :'(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *