15-26.9.1943 – Tre foto e una vignetta per non dimenticare la tragedia di Cefalonia

a cura Carlo Di Nitto
Foto per gentile concessione della Famiglia Di Rocco

carlo-di-nitto-per-www-lavocedelmarinaio-comCarissimo Ezio,
ritengo farti cosa gradita inviandoti tre fotografie appartenenti all’archivio della Famiglia Di Rocco, gentilmente messe a nostra disposizione a suo tempo dalla figlia del comandante Di Rocco, la gentile signora Elisa.

cadaveri-di-militari-in-una-fossa-a-cefalonia-15-26-9-1943-foto-p-g-c-f-di-rocco-per-www-lavocedelmarinaio-com-copia

Sono tre immagini assolutamente inedite, che puoi inserire su lavocedelmarinaio.
Rappresentano militari italiani che rendono omaggio ai caduti di Cefalonia su alcuni luoghi degli eccidi. Da come mi spiegava la signora Elisa, sono state scattate subito dopo la liberazione di Cefalonia e appartenevano al padre che le conservava gelosamente. Purtroppo non recano alcuna didascalia ma dalla foggia e dalla varietà delle divise ritengo che potrebbero essere sopravvissuti appartenenti alle “bande” di resistenza dopo i tristi eventi del settembre 1943.

15-26-9-1943-cefalonia-fosse-comuni-f-p-c-f-dirocco-per-www-lavocedelmarinaio-com-copia

Suggerisco di commentarle con questa didascalia: “Militari italiani, subito dopo la liberazione di Cefalonia, rendono gli onori ai Caduti sui luoghi degli eccidi“.
Un caro saluto Carlo
P.s. Riguardando queste tre foto a forte ingrandimento, potrebbero anche essere, verosimilmente, l’omaggio a due fosse comuni contenenti salme di Caduti non ancora riesumate.

cadaveri-di-militari-morti-a-cafalonia-tra-il-15-e-il-26-9-1943-f-p-g-c-famiglia-di-rocco-per-www-lavocedelmarinaio-com-copia

Ciao Carlo carissimo e stimatissimo,
ho visto attentamente le tre foto che rendono chiaramente l’orrore della belva umana.
Di fosse comuni la storia, purtroppo, ne è ancora piena. Mi fa piacere ricevere queste foto, per non dimenticare mai gli orrori delle guerre. Metterò le tre foto, in sequenza ma il titolo che mi piace pubblicare è “tre foto per non dimenticare la tragedia di Cefalonia”.
Ci sono ancora sopravvissuti e fosse comuni… per non dimenticare, mai.
Un abbraccio Carlo, grazie a te e alla Famiglia Di Rocco e alla signora Teresa per questa “testimonianza”. Mi permetto anche di inserire una vignetta d’epoca di Carlo Forattini che la dice lunga…
Ezio

forattini-per-le-vittime-di-cefalonia

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

32 risposte a 15-26.9.1943 – Tre foto e una vignetta per non dimenticare la tragedia di Cefalonia

  1. Gennaro Caccaviello dice:

    Errato: sono morti perché il Gen
    C.A. Vercellino fu un vile rinnegato traditore…

  2. Rosario Galderisi dice:

    Vabbe’ che semo un popolo che non legge più n’cazzo soprattutto di storia(per non dire da geografia…) pertanto ignoriamo tantissime cose, ma caro Gennaro Caccaviello na cosa sul generale Vercellino ah sò, all’epoca dell’8 settembre ’43 era in Provenza (nella Francia occupata da noi e dai tedeschi) “leggermente” distante da Cefalonia, me dici se te va’ cosa cazzo c’entra in questo tragico episodio? Aho’ m’è volutamente scappato qualche francesismo de troppo, me scuso con le educande e con gli adepti del monsignor Della Casa che me stanno a legge'(bontà loro)…

  3. Filippo Avilia dice:

    condivido

  4. Enrico Roncallo dice:

    condivido

  5. Giovanni Dell'orco dice:

    Quello che gli italiani non sanno ed è stato loro raccontato
    ingannevolmente!
    Era un giovane universitario di ispirazione fascista.
    Non appena eletto Presidente della Repubblica italiana,….la propaganda per fargli un favore, disse che da giovane era di ispirazione e sentimenti antifascisti,…tanto che, aggiunsero che, il giorno della dichiarazione di guerra 10 Giugno 1940 , tanto lui, che altri studenti universitari si alzarono inneggiando alla Francia ed intonando la marsigliese. Niente di più falso ed idiota nel raccontare tutto cio’, altrimenti avrebbero avuto segnalazioni negli alti comandi militari per non essere inquadrato come giovanissimo ufficialetto sia pure immeritevole!
    Proprio così, se si pensa che in un secondo tempo, esattamente dopo la sciagurata data 8 Settembre ’43….decise Ciampi di buttare alle ortiche la divisa per nascondersi presso un casolare di contadini abruzzesi.
    Il nostro EROE, non focalizzò bene…se prendere una arma per combattere o con il regno del Sud o a beneficio della Repubblica Sociale,.. Ma come troppi felloni in quel tempo in auge,…si fece vivo a guerra finita dichiarandosi apertamente partigiano.
    Una grossa bugia che rientrò bene nei suoi piani….e poi approdare nella Massoneria che tanto ha contribuito a farlo crescere finanziariamente e politicamente come suo referente ai danni di tanta povera gente italiana.
    Lui è stato l’artefice della maledetta moneta europea….assieme voluta dal mortadellaro Prodi.
    Hanno fatto levitare enormemente i prezzi e messo in condizione di far suicidare per debiti tanti italiani.
    Certamente la sua scomparsa,….molto, ma molto matura,…avanzatissima negli anni, crea a tutt’oggi ulteriori malumori,…..se poi si pensa che la pensione di reversibilità andrà oltre che alla moglie Franca,….ai figli ed ai nipoti di là a venire!

  6. Giorgio Gianoncelli dice:

    Molti sono stati gli antifascisti del tempo, erano soprattutto contadini, pescatori, artigiani, operai e le persone indigenti, al contrario, tutti gli studenti universitari hanno adottato il teschio, il moschetto ancora prima del libro. Molti durante la guerra hanno rivisto la loro posizione, non so se questo è il caso di Ciampi, anch’io ho qualche dubbio sulla sua genuinità. Di certo condivido tutte le altre considerazioni, massone e fellone. Altro che persona per bene.

  7. Giovanni Castellaro dice:

    La tragedia di Cefalonia è una macchia indelebile per l’eserito tedesco (gli assassini non erano SS ma soldati regolari)

  8. Giuseppe Esposito dice:

    Sempre onore a loro.

  9. Carlo Pieri dice:

    condivido

  10. Luigi Pace dice:

    condivido

  11. Gionata Rossi dice:

    condivido

  12. Dario ZANERA dice:

    condivido

  13. Roberto Baldo dice:

    Con tutto rispetti per il popolo Ebraico ma , negli organi d’informazione si parla tutto l’anno delle fosse Ardeatine , e degli altri eccidi , massacri e quant’altro , mai una Parola . Sarà forse una questione politica ?

  14. Giancarlo Pozzuolo dice:

    R.I.P.

  15. Bruno Capogrosso dice:

    Riposate in pace!!!!

  16. Egidio Aberti dice:

    ONORI ai nostri morti RR.II.PP.

  17. Pino Sammartano dice:

    Io aggiungerei Mussolini che ce li ha mandati a Cefalonia, non assolvete nessuno! Per il resto che RIP. Io sono figlio di uno che tra naja guerra e prigionia se fatto sette anni,ed è tornato per grazia di Dio.

  18. Sergio Cavacece dice:

    in Italia a quei tempi governava la Monarchia e Mussolini era il Capo del Governo……il Re aveva tutto il potere ad opporsi sin dalla marcia su Roma…..

  19. pino Sammartano dice:

    Cos’è vuoi riscrivere la storia? Sappiamo tutti come la monarchia subi’ indecentemente la pressione del fascismo! Il Re senza palle fu certamente complice, ma fino a prova contraria i fili delle marionette le teneva Mussolini e fu lui a mandare quei soldati in Grecia, fu lui a gridare da palazzo Venezia ” Spezzeremo le reni alla Grecia”.

  20. Sergio Cavacece dice:

    in una pagina che tratta temi storici legati a fatti militari e che ricorda il sacrificio di molti soldati, la politica dovrebbe starne fuori….ma questo spesso non accade, e tu ne sei una prova provata……ti saluto!

  21. Pino Sammartano dice:

    Perché mostrare una vignetta satirica in PARTE bugiarda non è politica? Se volevano commemorare i caduti di Cefalonia bastava ricordarli,e non essere tendenziosi. Mussolini è stato responsabile al pari degli altri. ..ti saluto.

  22. Pino Sammartano dice:

    Cefalonia è certamente il risultato dell’8 settembre, ma quei soldati non dovevano stare lì, e questo è il risultato della voglia aggressiva del fascismo…..devo continuare?

  23. Sergio Cavacece dice:

    direi di fermarci qui…..nei gruppi e nelle pagine che trattano vicende di guerra non parlo di politica e non intendo farlo adesso…..concetto a te non chiaro

  24. Pino Sammartano dice:

    Forse non ti è stato chiaro a te ,la vignetta era politica, perché faceva una affermazione sulle responsabilità politiche di una tragedia. Non faceva solo commemorazione.

  25. sergio Cavacece dice:

    e vabbè……l’mportante è che sia chiaro a te…..perchè vedo che, da quanto ho capito, e non mi sbaglio, tu vuoi la concessione dell’ultima parola….bene te la concedo non è un problema per me…..l’importante è finirla avrei altro da fare…tu permetti vero?

  26. Pino Sammartano dice:

    Si vai pure! Ma l’ultima parola mi spetta perché hai cominciato tu. E ad affermazione segue la risposta. Buona serata!

  27. Sergio Cavacece dice:

    ah….che liberazione Signore…GRAZIE!

  28. Pino Sammartano dice:

    Prego!

  29. Claudio Zuttioni dice:

    rIPOSATE IN PACE !!!!

  30. Giuseppe Esposito dice:

    ….no…. non mi piace affatto….

  31. Raffaele Napolitana dice:

    Sono tristi ricordi, ma è bene ricordarli e commemoriarli. Chi ha sbagliato ormai non c’è più e mi auguro che stia pagando le sue pene. Agli.’incolpevoli Martiri di Cefalonia dico GLORIA ED ONORI A TUTTI VOI RR.II.PP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *