Gazzetta Ufficiale del 12 giugno 1918 (Tributo a Luigi Rizzo)

a cura Carlo Di Nitto

Gazzetta Uffficiale del 12.6.1918 (1)Gazzetta Ufficiale del 12.6.1918

DALLA GAZZETTA UFFICIALE DI MERCOLEDI 12 GIUGNO 1918

«ROMA. 11. – L’Ufficio del capo di stato maggiore della marina comunica:

All’alba del 10 corrente presso le Isole Dalmate due nostre piccole siluranti, al comando del capitano di corvetta Rizzo Luigi da Milazzo, attaccavano una divisione navale austro – ungarica costituita da due grandi corazzate tipo Viribus Unitis, protette da dieci cacciatorpediniere.
Le nostre unità, audacemente oltrepassata la linea dei cacciatorpediniere, colpivano con due siluri la nave capolinea e con uno la seguente.
Rincorse dai cacciatorpediniere, ne danneggiavano gravemente uno e rientravano incolumi alla loro base.

ROMA, 11. – Il comunicato del capo di stato maggiore della marina ha dato sobriamente notizia agli italiani della magnifica impresa marinara che ha recato un fiero colpo alla potenza dell’Austria sul mare e che conviene illustrare nei suoi principali particolari, affinché sempre meglio risulti come la nostra marina eserciti una incessante attività in Adriatico e sappia cogliere le occasioni, per quanto rare e fugaci, di infliggere ogni possibile danno al nemico.
Questo è già stato ripetutamente assalito nelle sue munite basi ove si riteneva sicuro da ogno offesa, ed ha così subìto perdite indubbiamente assai gravi. Si è presentata finalmente l’occasione assalirlo in mare aperto, e, in un’azione notturna di sorpresa, si sono conseguiti risultati di primaria importanza militare, quali si potrebbero attendere da una battaglia vittoriosa.
Due grosse navi da battaglia del tipo Viribus Unitis avevano lasciato Pola nella notte del 9 giugno, e poco prima dell’alba si trovavano a breve distanza dalle isole che fronteggiano la costa dalmata.
Nostre siluranti perlustravano il mare a scopo di vigilanza e di eventuale offesa: una sezione delle più piccole fra esse, comandata dal capitano di corvetta Rizzo Luigi, si disponeva secondo gli ordini a far ritorno alla sua base, quando avvistò fumi sospetti: senza esitazione alcuna mosse loro incontro, pur sapendo che certamente avrebbe incontrato forze nemiche superiori: riconobbe trattarsi di due poderose navi da battaglia circondate da una forte scorta di cacciatorpediniere.
Il rischio era grande, ma l’animo era forte.
Le due minuscole siluranti, con ardita e decisa manovra, traversarono la linea dei cacciatorpediniere di scorta eludendone la vigilanza; presero posizione tra esse e le due navi maggiori e al momento opportuno lanciarono i loro siluri.
Le grandi navi austriache furono entrambe colpite, ed è noto che il siluro manda a picco o quanto meno infligge sempre danni gravissimi anche alle navi più potenti.
Il rombo sinistro degli scoppi rivelò al nemico la presenza delle nostre unità, che tuttavia riuscirono a prendere caccia. Qualche cacciatorpediniere tentò l’inseguimento ed aprì un fuoco vivace: ma ancora una volta la fortuna fu propizia al generoso ardire e le nostre unità riuscirono ad allontanarsi, non senza avere inflitto danni certamente gravi ad un cacciatorpediniere che serrava dappresso la silurante del comandante Rizzo. Le nostre navi rientrarono incolumi alla loro base senza danno e perdita alcuna.
Il successo ha pienamente arriso all’arditissima impresa per l’audacia e le mirabili doti di marinaio e di soldato del comandante Rizzo; per l’animo invitto degli uomini che equipaggiavano le due unità comandate da Giuseppe Aonzo e da Armando Gori. »
VIVA LA MARINA, VIVA L’ITALIA !

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *