8.6.1942, affondamento regia nave Antoniotto Usodimare

a cura Antonio Cimmino

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Il regio esploratore Antoniotto Usodimare fu varato a Sestri nel 1929.
Successivamente, nel 1938, la nave fu trasformata in cacciatorpediniere.
Partecipò a 113 missioni di guerra.
Fu l’unica nave ad essere affondata da “fuoco amico” infatti fu accidentalmente silurata ed affondata da regio sommergibile italiano Alagi l’8 giugno1942.
Supermarina, non comunicò al sommergibile Alagi, che a quell’ora e in quella posizione si travava un convoglio italiano diretto in Africa Settentrionale. L’Alagi scambiò il convoglio per una formazione inglese.
La tragedia, avvenuta nel Canale di Sicilia, causò la morte di 141 marinai.

8.6.1942 Antoniotto Usodimare - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

20 risposte a 8.6.1942, affondamento regia nave Antoniotto Usodimare

  1. Enrico Pessicola dice:

    e “la colpa” di questo equivoco doloroso fu del PREMUDA preda bellica iugoslava, che essendo stato costruito in gran bretagna, venne erroneamente scambiato x inglese dall’ALAGI..

  2. Gennaro Caccaviello dice:

    L’organizzazione di Supermarina all’epoca era ineffabile!

  3. Carlo Pellerano dice:

    Invece quella delle altre FF. AA. !

  4. Domenico Massi dice:

    soprassediamo!

  5. Marinaio Leccese dice:

    Quella tragedia, avvenuta nel Canale di Sicilia, causò la morte di 141 marinai… chissà se riescono a riposare in pace

  6. Raffaele Napolitana dice:

    Non si possono permettere di scordare notizie così importanti. Riposate in pace sfortunati marinai.

  7. Raffaele Napolitana dice:

    …per qualcuno oggi è più comodo ricordare l’arruolamento in marina di marconi (che tra l’altro cambiò padrone) che la vita di 141 Marinai. Chissà se riescono a riposare in pace?
    Grazie Raffaele per il commento

  8. Angelo Gemmato dice:

    Non credo Ezio

  9. EZIO VINCIGUERRA dice:

    … Angelo Sider Gemmato, dobbiamo “purtroppo” ricordare e perdonare (anche se è difficile). Dal passato, anche il nostro personale, le feriti e le cicatrici ci devono spronare a non infliggerli ai nostri figli e discenti (anche se è difficile). Siamo ancora un popolo mondiale, di eterni emigranti, in navigazione…
    🙂 …non è facile questa turbolenta navigazione ma noi Marinai la dobbiamo affrontare!

  10. Raffaele Napolitana dice:

    Grazie a te Ezio. Mi sono solo limitato. Non è mia abitudine . Non credo che chi sbaglio’ se ne sia andato serenamente. Lo stesso dicasi x coloro che non hanno creduto al nostro emerito Fisico. Mi viene in mente un passaggio dell’Amleto: ESSERE O NON ESSERE. ProbAbilmente a poco attinenza. Ma x quello che mi riguarda dico SI!!!!!!!. Una strettona di mano

  11. Angelo Gemmato dice:

    Devo però dire una cosa per sincerità e coerenza. Siamo un gruppo di Regia Marina. Ognuno di noi credo ripudi la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie, citando la Costituzione. Ognuno di noi credo però che ami l’arte della guerra (che è cosa diversa ) ed in particolare l’arte della guerra per mare. Da questo punto di vista il caso Antoniotto fu un episodio certamente evitabile e ciò rende quelle morti particolarmente indigeste anche se dal punto di vista dei morti in guerra non esiste una “classifica “.

  12. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Siamo ancora un popolo mondiale, di eterni emigranti, in navigazione… 🙂

  13. Vincenzo Lo Iacono dice:

    Carissimo Ezio, la tua riflessione non è da tutti percepita, o perchè distratti dalla sete di ricchezza e potere o perchè molti di questi NON hanno mai avuto un anima!!! Ciaooo

  14. Roberto Tento dice:

    Condivido.Ciaooo Ezio…

  15. Claudio Luppi dice:

    condivido

  16. Enrico Pessicola dice:

    avevo commentato, ma non riesco + a vederlo…

  17. Alessio Cervellin dice:

    Gli errori ahimè anche tragici, in guerra capitano spesso… é più doloroso nonché disgustoso pensare alle decimazioni della prima guerra mondiale e all’ancora più disgustosa tratta dei corpi dei caduti con cui il governo italiano incassava soldi nel primo dopoguerra.

  18. Salvatore Chiaramida dice:

    R . I . P . per chi Riposa in fondo al mare

  19. Girolamo Trombetta dice:

    condivido

  20. Arnaldo Ferrari Nasi dice:

    Mi viene in mente un “fucilate gli ammiragli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *