Aquila! Communicazioni telefonica a poppa per…minchia mu scuddai!

di Enzo Arena

Enzo Arena per www.lavocedelmarinaio.comArenaaaa, che succede?!
Ora le spiego, comandante. Ora le spiego!
Ma cosa mi spieghi? Che vuol dire “mu scuddai!?”
Se lo è dimenticato, comandante. Se lo è dimenticato!
Cumandanti Arena, io non vogghiu fari a guaddia a puppa!. Lo so che se lei mi da n’oddini io debbu obbediri picchi sono un militari. Ma lei questa cottesia me la facissi, non me lo devi dare questo oddini.
Ma perche? Non capisco perché! Lei è un bravo ragazzo ed un bravo marinaio. La guardia a poppa è una guardia poco pesante. Basta controllare la passerella, basta vedere chi scende e chi sale, salutare militarmente, scambiare pure due chiacchiere con i colleghi che vanno o rientrano dalla franchigia. Se dovesse arrivare un’autorità, noi lo sappiamo prima e prepariamo gli onori. Ci sarebbe a poppa l’Ufficiale d’ispezione. A lei basterebbe stare sull’attenti e salutare.
CORVETTA AQUILA - www.lavocedelmarinaio.comU sacciu (lo so), ma lei mi facissi fari a guaddia a prua.
Ma la guardia a prora è più faticosa. Ore intere da solo senza scambiare due chiacchiere con nessuno! E poi lei oramai comincia ad essere più anziano e dopo che ha fatto tante guardie a prora , le spetta una guardia meno pesante. A prora ci mettiamo le più reclute. Anche il Comandante mi ha detto che sarebbe ora di premiarla facendogli fare la guardia a poppa.
Si, è veru! Ma iù preferisciu fari a guaddia a prua anzicchè a puppa. Mi facissi sta cottesia.
Lei è u cummannanti in sicunna, o cummannanti non ci dicemu nenti. Tanto iddu di servizi di guaddia non s’interessa. E poi quannu parra, iù no lu capisciu. Parra in talianu!
Ma, Ciccineddu…scusa se lo chiamo per nome, u cumannanti non è sicilianu. E’ normale che parli in Italiano.
Si, purria essiri normali ma cà semo ad Augusta. Siamo in Sicilia. Tutti ni capemu, sulu iddu è stranieru. E’ nu bonu cristianu ma quanno ci ha parrari iddu vuli a vossia chi ci fa l’interpriti.
E cettu chi vossia mi avi a chiamari Ciccineddu! Si iù mi chiamu Ciccineddu vossia mi vurrissi chiamari Pippinneddu?
Vabbè… lasciamo perdere! Prova a fare una guardia sola a poppa e se non ti trovi bene poi ritorni a prova. Una sola…prova!
La comunicazione era arrivata mentre stavamo cenando. La comunicazione era stata fatta dalla rete interfonica da chi stava a poppa e si era sentita per tutta la nave. Doveva essere ascoltata per tutta la nave perché c’era una comunicazione telefonica a poppa per qualcuno che era a bordo ma non si poteva sapere in quale locale si trovava.
Le spiego, Comandante, le spiego.
Ricorda Ciccineddu? Quel marinaio che non parla l’italiano?
Bravo marinaio, bravo pescatore.
Ricorda quando una mattina, io vedendolo a bordo mi meravigliai che ci fosse e gli chiesi “Ciccineddu ma tu che ci fai qua a bordo?”
Si, ora ricordo. Ricordo che ti ha risposto “ma picchi, dove dovevo essere?”
Infatti! Si ricorda quando ho fatto notare a Ciccineddu che il giorno prima gli avevo firmato una licenza e che lui sarebbe dovuto partire per andare a casa vicino Trapani cosa mi aveva risposto?
“Minchia…mu scuddai”, ti ha risposto! Vero…ora ricordo. Si era dimenticato di andare in licenza, aveva la licenza in tasca e si era dimenticato di andare a casa.
Ora capisco, caro Arena, cosa significa “minchia mu scuddai”. Ma adesso, con questa comunicazione per interfonico che tutti, anche le navi ormeggiate a fianco a noi hanno sentito,
cosa si è dimenticato?
Le spiego , Comandante, le spiego cosa si è dimenticato e le dico che finalmente ho capito perché Ciccineddu non voleva fare la guardia a poppa.
Lo avevo convinto almeno a provare a fare una guardia e poi, se si fosse trovato male, lo avrei reinserito nel servizio di guardia a prora.
Ho provato, Comandante.
Ciccineddu dalla prossima volta tornerà a fare la guardia a prora.
Erano i primi anni 80 e non esistevano ancora i telefonini cellulari.
Erano gli anni in cui si telefonava a casa con i gettoni. Si andava in franchigia con la tasca piena di gettoni, si faceva la fila davanti alla cabina telefonica e si parlava con la famiglia o con la ragazza. Non avveniva tutti i giorni perché a volte non era possibile andare in franchigia e perché allora non si riteneva indispensabile telefonare tutti i giorni ne tanto meno più volte al giorno.
Chi rimaneva a bordo per servizio, aveva la possibilità, dopo il cessa lavori, di essere chiamato al telefono della nave.
Solo a poppa, veniva concessa questa possibilità e dunque, chi veniva cercato al telefono, veniva informato tramite interfonico e doveva recarsi a poppa per parlare.
Ovviamente telefonate brevi perché il telefono della nave non poteva rimanere a lungo occupato.
Era questa la paura di Ciccineddu. Lo avevo capito solo adesso. Lo avevo capito con quella comunicazione per interfonico mentre io, il Comandante ed il Direttore di Macchina stavamo cenando in quadrato ufficiali.

Nave Aquila (Foto Aldo Scherillo) - www.lavocedelmarinaio.com
Già di per se non aveva, Ciccineddu, una buona memoria (non penso che sia mai capitato in tutta la storia della marina che un marinaio con la licenza in tasca abbia dimenticato di andare in licenza), ma la cosa che più lo metteva in ansia era la comunicazione per interfonico in lingua italiana.
Fosse stato in siculo, non ci sarebbero stati problemi.
“Capu Di Petru, vinissi a puppa picchì c’è so mugghieri o tilefunu”. Che problema ci sarebbe stato? Invece no! Doveva fare una comunicazione, con un microfono in mano e per giunta in Taliano!
Come quei presentatori che si vidunu in televisioni e parruu in talianu!
Ciccineddu non era un presentatore, col microfono non aveva tanta confidenza e con l’italiano ancora meno.
In navigazione, con mare molto mosso, gli mettevi in mano il timone e stavi tranquillo perché Ciccineddu era una sicurezza, ma o poppa, col rischio che arrivasse una telefonata per qualcuno di bordo…quello no! Ciccineddu andava in ansia.
Trin….Trin…Trin…Buona sera, sono la moglie di capo Di Pietro, per piacere mi fa parlare con mio marito?
Era quello il momento che più temeva Ciccineddu. Era arrivato il momento in cui lui avrebbe dovuto prendere il microfono in mano e fare quella comunicazione. E’ vero, si era concentrato e più volte aveva provato a pronunciare quella frase al microfono. Quella frase che tutti avrebbero ascoltato.
L’avrebbero sentita tutti quelli che erano a bordo di Nave Aquila ma anche quelli di Nave Airone che era affiancata sul lato destro e quelli di Nave Alcione che era affiancata sull’altro lato.
Si era concentrato tanto, Ciccineddu. Aveva appoggiato il telefono sul banchino di poppa per fare due metri e prendere in mano il microfono per quella comunicazione.
In quei due metri si era ripassato, in italiano la famosa frase “Comunicazione telefonica a poppa…”,
ma quando aveva avuto in mano il microfono ed aveva iniziato a parlare, si era reso conto che tutta quell’ansia e tutto quel ripassare la frase in italiano, gli avevano fatto dimenticare chi era la persona che era desiderata al telefono.
Se l’era dimenticato e non si era accorto di aver pensato ad alta voce.
“Aquila, communicazioni telefonica a poppa per…….minchia mu scuddai!”.

Nave Aquila minchia mu scuddai - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Racconti, Recensioni. Permalink.

96 risposte a Aquila! Communicazioni telefonica a poppa per…minchia mu scuddai!

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Enzo Arena sei un grande signore dei mari. Che Dio ti protegga e ti benedica rigranziandolo di averci fatto incrociare sulla rotta misericordiosa dell’umana solidarietà.

  2. Antonio Paparo dice:

    condivido

  3. Carlo Carlà dice:

    condivido

  4. Giuseppe Esposito dice:

    ….che belle le ballerine….

  5. Filippo Di Stefano dice:

    Io c’ero, come capo posto radio

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Filippo Di Stefano sono certo che anche tu ti sarai commosso nel leggere questo bellissimo racconto di vita vissuta. Un abbraccio a te e ai tuoi cari grande come il mare

  7. Franco Patricelli dice:

    Noi Marinai…!, siamo gente di Mare…!, ne abbiamo ben donde da raccontare!

  8. Vittorio Siliberto dice:

    condivido

  9. Manrico Mascia dice:

    condivido

  10. Ugo Masala dice:

    condivido

  11. Pasquale Levato dice:

    condivido

  12. Calogero Iacolino dice:

    Cose che capitano….!!!!!

  13. Domenico Gaudino dice:

    Io ne avevo uno in sala motori sull’ Ibis sempre con il toscano in bocca con qualsiasi mare, non si capiva nulla quando parlava, quando andammo in arsenale a Messina, parlando con un arsenalotto, disse ” picciotto sentisti come i genovesi chiamano la minchia, bellino come la capitale della Germania

  14. Ennio Agnarelli dice:

    molto divertenete

  15. Alberto Barra dice:

    condivido

  16. Mario Gaspari dice:

    condivido

  17. Enzo Gennarelli dice:

    Io c’ero, e leggendo mi sono commosso nel ricordare un periodo indimenticabile. Grazie

  18. Pietro Antonio Beneduce dice:

    E’ uno spaccato della vita reale di bordo, che io non ho mai provato, ed è proprio per questo motivo che l’ ho letta con immenso piacere.

  19. Giuseppe Esposito dice:

    ….non.ricordo l’anno…61 o giù di lì. Eravamo in formazione sparsa tutte le corvette della Scuola Comando e fra queste i tre Alcione. C’era mare forte e gli alberi andavano da destra a sinistra, sembrava toccassero l’acqua. Capii perché le chiamassero ballerine. Non erano il massimo della goduria per chi soffriva il mare.

  20. Claudi Zarcone dice:

    ahahaha…. semplice spontaneità del piantone a poppa! 🙂

  21. Paolo Priolo dice:

    meraviglioso rfacconto

  22. Filippo Brescia dice:

    Quanta scuola Comando…..

  23. William de Santis dice:

    condivido

  24. Salvatore Deconcilio dice:

    condivido

  25. Gino Lanzara dice:

    condivido

  26. Nico di Molfetta dice:

    condivido

  27. Rocco Sergi dice:

    condivido

  28. Franco Pellicano dice:

    condivido

  29. Gianluca Vallone dice:

    condivido

  30. Filippo de Benedetti dice:

    condivido

  31. Giacomo De Martino dice:

    condivido

  32. Giacomo De Martino dice:

    È stata una mia meravigliosa avventura, una corvette con le palle!

  33. Antonio Mura dice:

    Sono stato imbarcato sulle gemelle Albatros e Airone, primi anni 60.

  34. Antonio Orlandi dice:

    Alcione 1968

  35. Carlo Di Nitto dice:

    Ricorda il personaggio di Catarella, il centralinista del commissario Montalbano creato dal grande Camilleri! 🙂

  36. Francesco Ortega dice:

    io ho avuto imbarcato sul canopo con me un marinaio che parlava solo siciliano stretto e un giorno mi trovai in infermeria di la spezia e mentre attendevo il mio turno si apre la porta dell’infermeria e ne esce fuori l’infermiere che dice qualcuno di voi conosce il marinaio grasso e io dico si io …. vieni stiamo impazzendo ma tu lo capisci si certo che si entro e dico grasso chi succeri e lui mi dice chisti scemi sunnu e tri uri ca ci dico ca mi sentu tuttu sminghiato e iddri un mi capiscinu e io mi giro verso il dottore e gli dico dottore si sente male di un malessere generalizzato … e il dottor Garibaldi che cazzo hai combinato !premetto anno 1958 la persona in questione era marinaio di leva e faceva come mestiere il pescatore , quando ripenso a questo aneddoto mi metto a ridere come uno sciocco !

  37. Pasquale Pierangelini dice:

    Imbarcato su nave AQUILA, nel 1964,come sergente Motorista Navale!!!!!!ottimi ricordi!!!

  38. Diego Martini dice:

    Scuola Comando bei tempi e Grande classe di Corvette! diciamocelo avevano una linea stupenda come le fregate classe Bergamini, quelle andate in disarmo qualche anno fa!

  39. Marco Muia dice:

    Ci sono stato per quasi un anno dic.87 agosto 88 il mio primo imbarco

  40. Vincenzo Ciaramella dice:

    Settembre 1965 Nave Albatros.

  41. Luigi Buonocore dice:

    1966/1969 Nave Airone scuola comando augusta

  42. Orazio Bignone dice:

    belle storie…..

  43. Giuseppe Giacopello dice:

    ah ah ah…. mi è capitato anche a me di avere un piantone che si scordava le chiamate. allora lo avevo fornito di block-notes. prima le scriveva e poi le leggeva. invece ad augusta c’era un msv della provincia di messina che durante la chiamata disse: BRENTA, (silenzio) e con un frigno: signor marasco, per favore puô venire a poppa. mi ricordo che si misero a ridere tutti,anche quelli delle navi accanto.

  44. Antonio Ciardi dice:

    Bellissima…………… mi ha riportato indietro a vecchi ricordi……………

  45. Giorgio Castellano dice:

    condivido

  46. Luciano Terzi dice:

    condivido

  47. Emiliano Fabrizi dice:

    Minchia quanti annuncii ho fatto io a poppa!

  48. Italo Duches dice:

    Tipo….A REGAAAA E PRONTA LA PAPPA!!!!

  49. Michele Arlistico dice:

    🙂

  50. Gerardo Pietro Mariangeli dice:

    condivido

  51. Mohamed Haggi dice:

    condivido

  52. Giuseppe Di Vico dice:

    condivido

  53. Marco Montanari dice:

    condivido

  54. Maurizio Daniele dice:

    Bellissima, lo specchio di un’epoca.

  55. Condor Blu dice:

    Straordinaria!

  56. Ezio Dosi dice:

    Sono stato imbarcato un anno subito dopo il corso V.O. – 1967

  57. Alberto Barra dice:

    Bellissima storia di uno spaccato di vita.

  58. Nicola Limone dice:

    Bei ricordi 1980/1982

  59. Salvatore Majetta dice:

    Ragazzi che anno?chi Arena?

  60. Biagio DiSalvo dice:

    Bellissima ma anche :” Ardito assemblea dei reparti in goppa u pont e volo” non è male eh?

  61. Salvatore Lauricella dice:

    Nave Doria: Capo Bevilacqua nella sentina di prua

  62. Francesco Russo dice:

    Una storia bellissima. d’altri tempi-

  63. Federico Ceccarelli dice:

    Pronto nave Bombarda,All’altro capo del telefono una voce chiede :avete l’acqua a bordo ?Aspetta vado a vedere. ;apro un rubinetto,torno al telefono e dico:si,l’acqua viene,all’altro capo del telefono la voce dice:allora sciacquatevi le p..le!!!!

  64. Alessandro Perrone dice:

    NAVE MAGNAGHI: MENSA GENERALE PRONTA

  65. Alessandro Perrone dice:

    NAVE BORSINI…….COME NAVE MAGNAGHI

  66. Ennio Cuzzani dice:

    … distanza da poppa due metri ! (Avevamo gia’ rotto la banchina) , succedeva anche questo !

  67. Orazio Di Bartolo dice:

    San Giorgio… Assemblea innanz ai cessi (davanti la C.S.)

  68. Giovanni Parisi dice:

    Bellissima descrizione dei sentimenti genuini di un’epoca passata.

  69. Claudio Montesanti dice:

    Capo Occhione a poppa

  70. Pierantonio Bagnaroli dice:

    sul Vespucci…. L’allievo straniero ” Spaghetti pronti per la seconda squadra”… Oppure ” assemblea in coppa al cassero”

  71. Giovanni Bruno dice:

    Un erede di………Camilleri…..

  72. Enrico Repetto dice:

    caro Giovanni :mi hai tolto le parole di bocca, neanche Catarella sarebbe così “Siculo “

  73. Enrico Repetto dice:

    aneddoto bellissimo SCritto in maniera mirabile.

  74. Marinaio di Lago dice:

    Complimenti all’ammiraglio Enzo Arena

  75. daniele fersini dice:

    Limone sempre con le mani nelle palle in radio. Sig. Bottoni ufficio. Le tlc e capo maggio capo posto

  76. Salvatore Chiaramida dice:

    Imbarcato sull’AQUILA nel 1963 come girobussolista !!!!

  77. Palombaro Nero dice:

    Complimenti all’ammiraglio Enzo Arena

  78. Paolo De Grandis dice:

    Nave Zeffiro… all’ammaina bandiera dal fischietto del 2° capo esce un sibilo strozzato… mollica di pane all’interno.. 🙂 mega strisciata di pelo dl secondo….

  79. Sergio Abrate dice:

    Io sono stato imbarcato nei primi anni 60 quando inizio la scuola comando per gli ufficiali se vi è qualcuno che era imbarcato an che lui mi farebbe piacere sentirlo

  80. Stefano Cacciatori dice:

    ricordo il mio nostromo, capo camillo, in assenza di megafono e contatto radio … : AAUSOONIAAA !!!! AAUSOONIAAA !!!! ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *