Catello Giordano, fuochista

di Antonio Cimmino

7.2.1918 Catello Giordano - www.lavocedelmarinaio.com copia 2Nasce a Castellammare di Stabia il 7.3.1893 da Benedetto.
Il suo destino di marinaio, come quello di tantissimi giovani dell’epoca, è segnato dalla guerra, la Grande Guerra…
Si arruola presto nella Regia Marina dove, dopo l’addestramento, è destinato sulla regia vedetta G32. In quel periodo lo Stato Maggiore della Regia Marina decise di convertire in dragamine diversi pescherecci oceanici (47) acquistati in Giappone. Oltre all’armamento anti aereo e ad un cannone a prora, queste unità possedevano attrezzature per il dragaggio in corsa delle mine. Erano calati dai lati e trainati, due galleggianti affusolati e muniti di dentellature che tranciavano i cavi della mine che, affiorate, venivano fatte esplodere.
Le caratteristiche tecniche dell’unità erano le seguenti:
– dislocamento: 425 tonnellate;
– lunghezza: 38,15 metri;
– larghezza: 6,78 metri e con un immersione di 4,25 metri.

La regia vedetta G32 dislocata nell’Alto Tirreno, affondò per siluramento del sommergibile tedesco UB 49 a sud ovest di Portoferraio il 7 febbraio 1918.
Catello Giordano, non ancora venticinquenne, non fece più ritorno alla base.

SIAMO ALLA RICERCA DI FOTO E DOCUMENTAZIONE DI CATELLO GIORDANO DA CONSEGNARE AI PARENTI

7.2.1918 Catello Giordano - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

2 risposte a Catello Giordano, fuochista

  1. Daniele Zafferri dice:

    Onori a chi ha donato la vita x la propria patria

  2. Michele Di Liberto dice:

    ONORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *