10/11 febbraio 1918 “La beffa di Buccari”

a cura Antonio Cimmino

10-11.2.1918 la beffa di Buccari - Copia - www.lavocedelmarinaio.com10-11.2.1918 la beffa di Buccari - www.lavocedelmarinaio.com(2)10.2.1918 la beffa di BUCCARI - www.lavocedelmarinaio.comMAS 96 DELLA BEFFA DI BUCCARI - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

17 risposte a 10/11 febbraio 1918 “La beffa di Buccari”

  1. Francesco Ortega dice:

    grandissimi entrare ed uscire da una base nemica silurare e poi volare via

  2. Antonio Corsi dice:

    sono commosso Ezio 🙂

  3. Franco Iaccarino dice:

    Non ricordi che mio nonno Aniello Iaccarino ha partecipato con la sua Silurante? rileggi http://www.marinaisorrentini.it/Aniello%20Beffa%20di

  4. Raffaele Napolitana dice:

    Grandi Uomini grandi Eroi Questa era ,è e sarà la nostra MARINA. Sia Gloria ed Onore a tutti l”oro

  5. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao a tutti e grazie a Franco Iaccarino per la pregevole segnalazione (spero di essere compreso e perdonato…)

  6. Bruno Cataldi dice:

    condivido

  7. Alfonso Tommasino dice:

    condivido

  8. Sandro Saccheri dice:

    condivido

  9. Silvano Molino dice:

    condivido

  10. Danilo Prestint dice:

    guarda che sbagli: Buccari non era una base, non era protteta da reti… nella baia c’erano solo vecchi piroscafi passegeri a procinto di demolizione… era tempo di carnevale e nessuno si e accorto di niente perce i siluri non esplosero…l attacco era basato su informazioni sbagliate (grandi navi da guerra austriache)… Buccari non e mai stata base della marina… un semplice porto in una bellisima e proffonda insenatura … abito a 3 km da Buccari…

  11. Paolo Colussi Trux Ronaszeky dice:

    Danilo, il papá del mio Autore era di Buccari.

  12. Danilo Prestint dice:

    cognome ?

  13. Paolo Colussi Trux Ronaszeky dice:

    Te lo dico dopo in privato.

  14. Danilo Prestint dice:

    ok

  15. Giuliano Mantini dice:

    Il coraggio di Gabriele d’Annunzio non si discute. L’azione rientra nella capacità italiana di sfruttare al meglio di mezzi semplici ma innovativi per azioni che daranno grandi risultati anche nella II .

  16. Danilo Prestint dice:

    l azione e statta senza risultati bellici… solo propagandistici

  17. Giuliano Mantini dice:

    La guerra si fà anche con la propaganda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *