1-3.11.1943, eccidio di Conca della Campania

di Antonio Cimmimo

Banca della memoria - www.lavocedelmarinaio.com

Conca della Campania- www.lavocedelmarinaio.comIl 1° novembre 1943, alle prime luci dell’alba, nella frazione Orchi, si presenta un finto frate mendicante, del quale recentemente si è saputo il nome, Umberto Boaracchini, ufficiale italiano che militava nel 7° Reggimento dell’esercito americano con mansioni esplorative, il quale avvista da lontano un soldato tedesco, che veniva verso il centro del paese 1-3-1943 eccidio di Conca della Campaniawww.lavocedelmarinaio.com copiain groppa ad un asinello ma, quando gli passa accanto, Boaracchini lo ferma e lo uccide con la collaborazione di due abitanti del luogo, Angelo Di Spirito e Americo D’Alessandro. L’altro militare tedesco rimasto ad Orchi, quando gli altri commilitoni erano già in ritirata per la vicinanza degli americani, riesce ad avvertire il suo comando presso la vicina Roccamonfina.
Inizia la carneficina.
1-3-1943 eccidio di Conca della Campaniawww.lavocedelmarinaio.com copia 2Durante i quattro giorni di rastrellamenti furono uccisi 39 vittime (prima di essere ucciso l’uno doveva scavare la fossa per l’altro mentre altri vennero uccisi con un colpo alla nuca e finiti con scariche di mitra o a fucilate).
I boia furono il Colonnello Walfang Mauke, il Capitano George Ilius e la 15^ Panzer Divisione Erman Goering, gli stessi assassini di Marzabotto.
Il paese di Conca della Campania fu insignito di Medaglia di Bronzo al Merito Civile con la seguente motivazione:
Piccolo centro, occupato dall’esercito tedesco a difesa della linea Gustav, fu oggetto di violenti rastrellamenti e deportazioni che causarono la morte di numerosi ed eroici cittadini. Nobile esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio” (Conca della Campania (CE), luglio- novembre 1943.

conca della campania2 - www.lavocedelmarinaio.com copia

conca della campania2 - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

11 risposte a 1-3.11.1943, eccidio di Conca della Campania

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Riposate in pace.
    I boia erano gli stessi di Marzabotto

  2. Vincenzo Forgione dice:

    R.i.p.

  3. Lucio Campana dice:

    R.I.P.

  4. Fausto Ghisletti dice:

    Non dimentichiamo !

  5. Vincenzo Campese dice:

    R.I.P

  6. Salvatore Chiaramida dice:

    CHE RIPOSINO IN PACE !!!!!

  7. Roberto Tento dice:

    R.I.P.

  8. Giuseppe Sciuto dice:

    R.i.p.

  9. Lupo Alberto dice:

    riposino in pace

  10. Roberto Laganaro dice:

    Dobbiamo solo sperare…che tutto questo sangue ….sia servito a qualcosa….oggi sono afflitto e sconsolato ….penso ai nostri due Sottufficiali della Marina militare Italiana abbandonati……questa è l’unica verità. .e noi vogliamo fernare gli scafisti sul bagnasciuga Libico???

  11. Francesco Ortega dice:

    Io spero ardentemente, che ci si sia convinti della inutilità della guerra che porta solo lutti e devastazione. Nel mio piccolo anche se giovanissimo so cosa vuol dire guerra e tanto mi basta !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *