“Lo studieremo a guerra finita”

a cura degli Illuminati di niente

21.7.1940 Badoglio

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

17 risposte a “Lo studieremo a guerra finita”

  1. giuseppe dice:

    e se la Procura Militare aprisse un fascicolo ?..

  2. Gerardo Pietro Mariangeli dice:

    condivido

  3. Massimo Pastore dice:

    Badoglio inetto, pavido e imbecille già a Caporetto nella 1^ Guerra Mondiale, evidentemente ammanigliato come si deve, fu resuscitato e messo a fare un mestiere che assolutamente non era alla sua portata …… fino alla vergognosa fuga, una mano avanti e una indietro, da Roma ….

  4. Lucio Campana dice:

    Sin dal 1940 aveva iniziato a complottare.

  5. Egidio Simonini dice:

    Ma cosa dite.? non vado oltre,perchè potrei essere perseguibile da parte di qualche togato…esponente della ” intellighentia” in auge progressista e illuminata. !

  6. Francesco Signorile dice:

    Siamo entrati in guerra con gente che ragionava così, tanto tutto sarebbe finito in due o tre mesi al massimo…

  7. Bruno Crovetto dice:

    BADOGLIO in quanto militare doveva andare sotto processo PER ABBANDONO DI POSTO DAVANTI AL NEMICO

  8. Iacono Francesco dice:

    verrebbe quasi da ridere se non fosse tragico…

  9. Andrea Paleologo dice:

    Sulla figura di Badoglio c’è da dire quanto di peggio, a cominciare, appunto, da Caporetto, di cui fu uno dei massimi responsabili. Pensare che all’entrata in guerra era Maggiore, ne uscì come Generale, Sotto Capo di Stato Maggiore! Pare che fosse un massone. Nominato vicerè d’Etiopia nel ’36, appena entrato in Addis Abeba lasciò a Graziani la patata bollente della pacificazione e rientrò in Italia a raccogliere allori. Il 25 luglio, poi, si riciclò buon antifascista, dopo che dal regime aveva avuto tutto. Insomma, il peggiore dei voltagabbana. Sul fatto particolare della lettera, però, c’è da dire che nel giugno-luglio ’40 tutti, ma proprio tutti, pensavano che la guerra sarebbe finita prestissimo: e proprio questa credenza fu la nostra rovina.

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    … dalla serie chissà se poi era vero che prima pagava Badoglio.
    Una cosa è certa al giorno d’oggi gli unici a pagare sono i portafogli dei papà maschi (meglio puntualizzare Emoticon smile )…

  11. Lorenzo Cerisola dice:

    Il che la dice lunga….

  12. Marinaio Leccese dice:

    Meno male che Era il 21 luglio ma del 1940 …

  13. Salvatore Lepre dice:

    la presunzione di aver creduto che la guerra sarebbe durata pochissimo…..

  14. Francesco Signorile dice:

    Siamo entrati in guerra con gente che ragionava così…

  15. Marinaio Leccese dice:

    Buongiorno a voi carissimi…per l’appunto “presuntuosi”!

  16. Sergio Platania dice:

    Caro Ezio, in 7 anni di permanenza ad Augusta mi sono accorto come a fronte di tanta storia e vestigia della 2 a guerra mondiale non sono riusciti a creare un museo navale degno di questo nome e nel frattempo il tempo erode tutto , anche la volontà di quei militari volenterosi che vorrebbero fare qualcosa ….ad Augusta per angusta.

  17. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Sergio Platania pensieri e parole condivisibili. A parte qualche esempio come il blog dell’amico Francesco Carriglio ci sono si delle iniziative ma quasi sempre estemporanee.
    Mi permetto di aggiungere che un popolo che non arrossisce alla vergogna è un popolo destinato purtroppo a soccombere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *