27.4. – 1.5.1912 omaggio ai marinai del carbonamento

di Carlo Di Nitto (Presidente gruppo A.N.M.I. Gaeta)

Tobruk, Marinai addetti al carbonamento sulla nave in partenza per Rodi (f.p.g.c. Carlo Di NItto a www.lavocedelmarinaio.com

TOBRUK 27/04/1912, MARINAI ADDETTI AL CARBONAMENTO SULLA NAVE IN PARTENZA PER RODI

Tobruk carbonamneto quasi completato e cannonieri sulla nave in partenza per Rodi (f.p.g.c. Carlo Di Nitto a www.lavocedelmarinaio.com

TOBRUK 29/04/1912, CARBONAMENTO QUASI COMPLETATO E CANNONIERI SULLA NAVE IN PARTENZA PER RODI

Tobruk marinai del carbonamento si lavano a bordo della nave (f.p.g.c. Carlo Di Nitto a www.lavocedelmarinaio.com
TOBRUK 30/04/1912, I MARINAI DEL CARBONAMENTO SI LAVANO SUL PONTE DELLA NAVE

nave pronta a partire per odi (f.p.g.c. Carlo Di Nitto a www.lavocedelmarinaio.com

TOBRUK 01/05/1912, NAVE PRONTA A PARTIRE PER RODI

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

9 risposte a 27.4. – 1.5.1912 omaggio ai marinai del carbonamento

  1. Ezio VINCIGUERRA dice:

    Caro Presidente Carlo Di Nitto come potremmo mai sdebitarci con te?
    Sei immenso come il nostro mare. Un abbraccio

  2. Carlo Di Nitto dice:

    🙂

  3. Marinaio Leccese dice:

    Caro Carlo Di Nitto come potremmo mai sdebitarci con te?
    Penso che i marinai più anziani sapranno commentare queste “storiche foto di marinai di una volta, veri marinai per sempre”… 1 maggio festa dei lavoratori omaggio ai Marinai del Carbonamento

  4. Gianluca Vallone dice:

    Onori a voi eterni marinai

  5. Franco Iaccarino dice:

    Foto molto belle e storiche che ricordano uno dei tanti episodi e sacrifici cui arano sottoposti chi doveva difendere l’altruii libertà

  6. Salvatore Lepre dice:

    e si, una volta c’erano dei lavori veramente pesanti in marina

  7. Iacono Francesco dice:

    lavoro duro per marinai duri…

  8. Sandro Saccheri dice:

    A quei tempi stare in caldaia era da uomini veramente duri un Fuochista di allora era a rischio di Silicosi,di malattie respiratorie,e in battaglia rischiava di non vedere più la luce del sole!!!! Erano Eroi !!!!!

  9. Ezio VINCIGUERRA dice:

    Penso di concordare e sottoscrivere tutti i vostri commenti. Un abbraccio a tutti grande come il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *