Mario Di Maio, sommergibilista e partigiano

di Antonio Cimmino

– BANCA DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE MAI – 

Antonio Cimmino per www.lavocedelmarinaio.comMario di Maio, Capo silurista di 2^ classe, matricola 20928, nato a Castellammare di Stabia (Napoli) il 10 marzo 1914. Faceva parte dell’equipaggio del regio sommergibile Comandante Cappellini di Salvatore Todaro.
Mario di Maio - www.lavocedelmarinaio.comDestinato alla base atlantica di BETASOM a Bordeaux fu decorato con ben 5 Croci di Guerra al Valor Militare:
per aver partecipato in Atlantico a numerose e rischiose missioni di guerra…”.
Successivamente gli fu conferito, quale partigiano, il “Diploma d’Onore di Combattente per la Libertà d’Italia 1943 – 1945
“.
Adesso riposa in pace consapevole di aver servito la sua PATRIA.
Per non dimenticare, mai.

10.3.1914 Mario Di Maio sommergibilista - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

64 risposte a Mario Di Maio, sommergibilista e partigiano

  1. Gennaro Ciccaglione dice:

    Ho letto i commenti degli amici di FB e mi sono sentito in “dovere” di commentare anch’io, non perchè voglia salire in cattedra, non ne ho titolo nè competenza nè tantomeno aspirazione, ma solo perchè tante volte la verità va cercata sino in fondo. Non conosco le vicende belliche di Capo Di Maio ma cinque Croci di Guerra al V.M. valgono bene qualcosa: l’essere stato poi partigiano non contrasta affatto con il suo nobile passato perchè non esistono solo i partigiani che operavano in formazioni non militari in Italia (per meglio intenderci quelli che sono stati portati allo scoperto e “rivalutati” da G.Panza) ma anche i “partigiani con le stellette”, come li definisce Arrigo Petacco, come quelli che si sono sacrificati a Cefalonia, a Lero, a Rodi, a Corfù… unendosi anche a partigiani greci e slavi ma non nella lotta fratricida bensì in quella contro i tedeschi divenuti nemici comuni. Voglio concludere, ma vi prego non prendetela come una polemica la mia, con un pensiero a quanti poveri contadini del mio paese (sono un molisano) magari analfabeti, strappati alle loro misere campagne e portati su fronti lontani e sconosciuti e posti di fronte al dilemma: pro o contra! Ma cosa volete che ne sapessero di politica questi umili martirizzati dalla guerra e dalla… politica! Rispettiamoli!!!

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Gennaro, il bello del blog e il suo incipit e di dare voce.
    C’è chi continua a fare la storia per conto proprio e, ancor peggio, processi alla storia e quindi agli uomini anche a distanza di tempo magari attualizzando o buttandola in politica o in “cagnara”.
    Naturalmente ognuno si prende le responsabilità di quel che fa e che dice.

  3. Mario Raggi dice:

    Faceva il militare e poi inculava i militari come partigiano!!!!????

  4. Francesco Di Somma dice:

    mario raggi hai una visione distorta purtroppo ancora oggi dopo tutti questi anni dobbiamo leggere queste inutili stupidaggini

  5. Alessandro Antonelli dice:

    per fare il partigiano avrà disertato.

  6. Fausto Ghisletti dice:

    Doveva restare con i tedeschi e mandare Italiani nei campi di concentramento ?

  7. Alessandro Antonelli dice:

    poi da partigiano quanti soldati italiani ha ucciso?

  8. Fausto Ghisletti dice:

    Pensavo fosse per mandar via i nostri padroni stranieri !

  9. Alessandro Antonelli dice:

    un soldato italiano che ripudia la sua divisa per sparare su altri soldati italiani è da fucilare non da medagliare.

  10. Francesco Di Somma dice:

    altri soldati italiani?????ma chi difendevano ???? se l’italia non esisteva più un folle ????? un cialtrone????? un inetto???

  11. Alessandro Antonelli dice:

    i no i suoi ex commilitoni

  12. Francesco Di Somma dice:

    ah bravo io ti posso dire che se succedesse a me ancora oggi farei la stessa cosa senza dubbi

  13. Alessandro Antonelli dice:

    così fanno solo i vigliacchi come te

  14. Francesco Di Somma dice:

    io vigliacco ma stai zitto ma fascista di merda ancora parli
    tornatena nelle fogne
    vigliacco a me

  15. Alessandro Antonelli dice:

    e tu comunista di m. tornatene in siberia vigliacco.

  16. Francesco Di Somma dice:

    io non sono comunista
    e comunque non avrei nulla da recriminare se lo fossi perchè e la storia che parla

  17. Alessandro Antonelli dice:

    sarai anche peggio se ragioni così da anti italiano

  18. Francesco Di Somma dice:

    perchè ti hanno liberato anche a te

  19. Alessandro Antonelli dice:

    e adesso non ti risponderò più.

  20. Francesco Di Somma dice:

    anti italiano?????
    ma va a cagher

  21. Alessandro Antonelli dice:

    per farmi occupare dagli americani? SVEGLIATI.

  22. Francesco Di Somma dice:

    anti italiano???? ma hai fatto il militare scommetto che ti hanno riformato per eccedenza al fabbisogno quelli come te sono tutti così

  23. Alessandro Antonelli dice:

    GUARDA IL MIO PROFILO SAPIENTONE PIUTTOSTO TU LO HAI FATTO? IO SI ERO IN MARINA IMBARCATO E TU?

  24. Francesco Di Somma dice:

    Tu non sai neanche cosa vuol dire fare il militare

  25. Alessandro Antonelli dice:

    certo io non tradirei mai la mia patria tu si

  26. Francesco Di Somma dice:

    e cosa facevi la gamella in marina imbarcato???

  27. Alessandro Antonelli dice:

    ero Ecogoniometrista se sai cosa è

  28. Francesco Di Somma dice:

    che contingente eri eri VO??? marinaretto??

  29. Alessandro Antonelli dice:

    ma tu lo hai fatto o parli per sentito dire

  30. Francesco Di Somma dice:

    VO
    no parlo per sentito dire ma non ero VO
    la mia matr. era 52TG0342
    la tua quale era te la ricordi??

  31. Alessandro Antonelli dice:

    56PC0028

  32. Francesco Rini dice:

    ecogoniometrista

  33. Alessandro Antonelli dice:

    ECG

  34. Francesco Di Somma dice:

    56 ti hoi lasciato uno steccone

  35. Alessandro Antonelli dice:

    l’ecogoniometro è il sonar per la caccia antisom

  36. Francesco Di Somma dice:

    56…………….ferma per 3 anni??

  37. Alessandro Antonelli dice:

    no ero di leva

  38. Francesco Di Somma dice:

    si si bravo bravo io non conosco

  39. Alessandro Antonelli dice:

    se sei più vecchio non è colpa ne mia ne tua

  40. Francesco Di Somma dice:

    e le scuole le hai fatte a taranto??

  41. Alessandro Antonelli dice:

    San Vito (TA)

  42. Francesco Di Somma dice:

    io invece ero a brindisi alla difesa

  43. Alessandro Antonelli dice:

    scuole CEMM 4 mesi insieme ai libici ed iraniani

  44. Francesco Di Somma dice:

    al castello
    e sei volontario
    testa da battipali

  45. Enzo Turco dice:

    Sono passati settant’anni e ancora parliamo di Italiani buoni e Italiani meno buoni. Perchè non partiamo dal concetto che quei ragazzi giovanissimi si sono trovati nella necessità di fare una scelta di vita anzi per molti …di morte. Ognuno si è schierato dalla parte che riteneva quella giusta e penso che ogni scelta va rispettata come va rispettato chi è morto per quella; poi come diceva Totò “‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella!”. Quindi lasciamoli riposare in pace rispettandoli tutti e rispettandoci anche noi. Grazie e un caro saluto a tutti!

  46. Alessandro Antonelli dice:

    no volontario ma di leva classe I° 56
    giusto i morti sono morti ma qui si discrimina chi non ha scelto la loro ideologia.
    mi sa che sei un po rincoglionito

  47. Francesco Di Somma dice:

    e lo dice a me caro Turco quando si appella una persona come vigliacco e assassino dei suoi commilitoni conoscendo la storia sono in dovere di rispondere per le rime
    tu sei rincoglionito
    e anche fascista

  48. Alessandro Antonelli dice:

    ma cantati bella ciao e vai a dormire.

  49. Francesco Di Somma dice:

    testa da battipali
    eh io canto si bella ciao ma la bella di tua sorella
    testa da battipali cavo da brodo che non sai neanche cosa è

  50. Fausto Ghisletti dice:

    Pochi concetti e tanti insulti . Basta per favore

  51. Francesco Di Somma dice:

    hai ragione fausto scusa chiedo scusa a tutti

  52. Enzo Turco dice:

    State eccedendo nel difendere impropriamente le vostre idee. In ogni caso state sporcando una bellissima pagina dove si parla di Patria ed Onore due fedi per cui indistintamente sono morti migliaia di …FRA’

  53. Gennaro Ciccaglione dice:

    Ribadisco Ho letto i commenti degli amici di FB e mi sono sentito in “dovere” di commentare anch’io, non perchè voglia salire in cattedra, non ne ho titolo nè competenza nè tantomeno aspirazione, ma solo perchè tante volte la verità va cercata sino in fondo. Non conosco le vicende belliche di Capo Di Maio ma cinque Croci di Guerra al V.M. valgono bene qualcosa: l’essere stato poi partigiano non contrasta affatto con il suo nobile passato perchè non esistono solo i partigiani che operavano in formazioni non militari in Italia (per meglio intenderci quelli che sono stati portati allo scoperto e “rivalutati” da G.Panza) ma anche i “partigiani con le stellette”, come li definisce Arrigo Petacco, come quelli che si sono sacrificati a Cefalonia, a Lero, a Rodi, a Corfù… unendosi anche a partigiani greci e slavi ma non nella lotta fratricida bensì in quella contro i tedeschi divenuti nemici comuni. Voglio concludere, ma vi prego non prendetela come una polemica la mia, con un pensiero a quanti poveri contadini del mio paese (sono un molisano) magari analfabeti, strappati alle loro misere campagne e portati su fronti lontani e sconosciuti e posti di fronte al dilemma: pro o contra! Ma cosa volete che ne sapessero di politica questi umili martirizzati dalla guerra e dalla… politica! Rispettiamoli!!!

  54. Roberto Tento dice:

    Condivido.. Gennaro Ciccaglione…Abbracci a tutti voi….e piu’ rispetto tra noi abbiamo i cappelli bianchi..

  55. Bruno Capogrosso dice:

    Se era sommergibilista non poteva esser partigiano

  56. Francesco Rini dice:

    Egregio Com.te Turco, la saluto caramente e nel contempo sarei desideroso saperne di più sulla sua forse indesiderata riflessione. A me personalmente fa piacere ricordare con doveroso rispetto le vicessitudini dolorose, vincenti dei nostri cari defunti ( lei sa che io sono un figlio d’arte, mio padre è andato in cielo nel 59 quando era in servizio presso il COMOS). Desideroso di conoscere il suo gradito pensiero la saluto e le auguro una buona serata.

  57. Sergio Cavacece dice:

    insomma….gli ultimi commenti purtroppo non sono proprio edificanti….ognuno ha fatto secondo coscienza la propria scelta dopo i fatti armistiziali, se c’è stata una guerra civile e fratricida le colpe vanno addebitate a ben altri personaggi che peggio di così non potevano concludere la loro carriera militare e monastica.

  58. Roberto Tento dice:

    Sembra di essere in una osteria dei bassifondi…Rispetto!!!!!

  59. Mario Raggi dice:

    Caro Rini ti rispondo con delle domande. Dopo l’8 settembre più di 400.000 militari furono internati nei campi tedeschi. I tedeschi allora come sempre si comportarono da ….carogne perchè ci tolsero lo status di prigionieri di guerra e quindi il diritto di essere trattati secondo la convenzione di Ginevra. Ci definirono IMI (Internati Militari Italiani) senza alcun diritto. A fine Settembre sempre del 1943 rappresentanti del Regime Fascista della costituenda Repubblica di Salò fecero il giro dei campi di concentramento cercando di reclutare più militari possibile. Decine e decine di migliaia aderirono. Col senno di poi si vide che la stragrande maggioranza era gente sposata con figli che cercava di poter rientrare in Italia e se possibile a casa. Ora chiediti cosa vuoi dire a questi e agli altri che hanno fatto una scelta diversa sempre per fede o necessità? Chiediti pure cosa sarebbe successo all’italia senza la Repubblica del Nord e senza il Regno del Sud. Chi sdobbiamo etichettare come traditori? e perchè ancora oggi non riusciamo democraticamente a rispettare idee e scelte di tutti? ma penso che sia il momento di finire questa querelle inutile, nel rispetto delle posizioni di tutti, perchè alla fine ognuno si racchiuderà nella propria nicchia. Un caro abbraccio.

  60. Mario Raggi dice:

    Vorrei dire solo una cosa al signor Di Somma , io come dice lei avrò una visione sbagliata , lo dice lei ma lei ha una testa dura peggio di un partigiano

  61. Beppe Longoni dice:

    Al signor Antonelli, al signor Capogrosso e a chi soffre di memoria troppo corta, vorrei ricordare un paio di cose:
    1) Ad Antonelli: chi “inculò” i militari italiani furono non i partigiani, gran parte dei quali erano proprio militari stanziati nell’Italia centrale e settentrionale e i cui reparti si erano dissolti, bensì gli “alleati” tedeschi dei suoi spettabili amici saloini, che ne spedirono 600.000 nei campi per “internati militari” (neanche prigionieri di guerra, per non dover rispettare le convenzioni), ne uccisero a miglialia a Cefalonia, Corfù, Coo, Spalato e altrove, ne lasciarono morire 15.000 affondati sulle navi che li portavano prigionieri dall’Egeo (Oria, Donizetti, Roselli, Sinfra, Ardena, Petrella, Marguerite…) e potrei continuare…
    2) A Capogrosso: si guardi sul sito della Marina Militare, quanti uomini che avevano prestato servizio con onore nella Regia Marina sono diventati Medaglie d’Oro della Resistenza…
    Rammento che dei prigionieri italiani catturati dai tedeschi, solo un settimo, gran parte dei quali solo per sfuggire alle dure condizioni della prigionia, accettò di militare nella RSI. A chi considera i repubblichini militari con onore e i partigiani banditi vigliacchi che attaccavano i “veri militari”, pongo la domanda: questi 600.000 militari italiani che preferirono marcire nei campi di prigionia piuttosto che passare alla RSI, secondo voi, se non fossero stati catturati dai tedeschi, dove li avreste ritrovati? Tra i repubblichini o tra i partigiani? Riflettete se vi riesce…

  62. Antonio Cimmino dice:

    Caro Ezio
    ti invio altre foto e documentazione di Capo Mario Di Maio, sommergibilista e partigiano
    Un abbraccio
    Antonio

  63. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Antonio, grazie.
    Sulla pagina dei commenti del blog si è scatenata all’argomento una discussione fra ignoranti e saccenti che non esito a chiamare stolti… gente che processa il processo della storia e cerca di attualizzarla: la peggiore!
    Un abbraccio

  64. Antonio Cimmino dice:

    Il necessario che se ne parli
    ciao
    Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *