I due gabbiani

di Giovanni Brandano
https://www.facebook.com/giovanni.brandano.7

www.lavocedelmarinaio.comDisteso sulla spiaggia, estasiato, guardo il mare e ascolto l’urlo che spira quasi come adirato. Mi accorgo che l’acqua oggi non è sempre lei, e mai così spumosa e increspata. La mia pelle tutta intrisa di sudore e di sabbia e sopra un cielo blu, intenso e perenne; una roccia di granito argentato e un gabbiano che combatte su di essa contro il vento nel mantenere un poco d’equilibrio. Cede all’impeto dei soffi acuti e striduli sulle sue penne, si rinforza un poco con la sua alzata d’ali.
Retrocede, ritorna indietro come assai spinto e comincia a scivolare in giù; poi con il suo piglio arcigno riguadagna di nuovo il suo posto al sole, che lo riveste tutto di luce intensa. Rinforza sempre più il vento, ma lui di nuovo arretra, questa volta ricadendo gravemente in giù…
Mi sollevo, corro verso di lui e lo raccolgo, è ferito alla testa e cerco di rianimarlo…
Non ce la faccio!
Corro sul bagnasciuga e col guscio della mia mano attingo dell’acqua salata e bagno dolcemente la sua testa. Sanguina, ha gli occhi chiusi ed il battito veloce. Allora guardo il cielo e vedo la sua amata che vola su di noi descrivendo cerchi sempre più concentrici e veloci, mentre perde quota con scivolate d’ala, sino a posarsi rapidamente a pochi metri da noi.
Guardo entrambi con tristezza. Un fremito, un’emozione che addolora, un sussulto del mio cuore, mentre il cielo  sembra inchinarsi su di loro per baciarli …quasi come se lui  non cadde dalla roccia, ma dagli occhi della sua amata in un’ ultimo desiderio esaudito.
Vorrei prendere anche lei ed accostarla a lui, come in un abbraccio eterno.

I due gabbiani - coniugi Brandano - f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

TUTTI INSIEME PER CONTINUARE LA LOTTA CONTRO LE MALATTIE GRAVI CON GRANDE VALENZA INVALIDANTE
Siamo in tanti con una storia da raccontare, di dolore e di sofferenza, ma anche di coraggio e di gioia (chi condivide esiste)!
Penso sempre che nel tuo essere ammalata così gravemente c’è tutto l’attutire l’intensità della sofferenza, ben sapendo che la medicina non può porre rimedio a tutto.
Mi chiedo, pertanto, se la parola della medicina può guarire, oppure può far ammalare di piu’…
Giovanni Brandano

I due gabbiani coniugi Brandano - f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

Carissimo Giovanni, non volevo pubblicarla. Poi ho pensato che l’amore è la migliore medicina e sai perché? L’amore è il primo dono che Lui ci ha donato attraverso la Sua vita, morte e resurrezione. La Grazia Divina? E’ l’abbraccio che Lui ci dona attraverso questo miracolo fatto di piccoli gesti quotidiani che passano nel saper “ascoltare la sua Parola”.
Io chiamo Miracoli questi piccoli gesti… Ma poi sono veramente piccoli gesti? Siamo sulla rotta giusta? Ogni notte glieLo domando con la forza della Preghiera!
Se ti dico che vi voglio bene mi credete?
Ezio.

I coniugi Brandano  come due gabbiani - f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Marinai, Marinai di una volta, Racconti, Recensioni. Permalink.

24 risposte a I due gabbiani

  1. luisa e lillo dice:

    Ciao Ezio, i piccoli gesti ( che poi per tanti sono grandi)sono miracoli senza alcun dubbio e l’amore è la migliore medicina,non c’è cosa più bella di donare amore e io sono fermamente convinta che Siamo sulla rotta giusta! Da stasera , nelle mie preghiere ci sarà un pensiero per la signora a cui va la mia solidarietà e vicinanza.

  2. luisa e lillo dice:

    ..ah, dimenticavo..grazie Ezio, mi sono commossa.Un abbraccio da me e il marinaio!

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Giovanni Brandano grazie per avere scelto questo piccolo blogger a pubblicare questa bella storia. Se vi dico che vi voglio bene, mi credete?

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Mamma Luisa ma che belle parole piene di Pathos e di Sentimenti con S maiuscola. I segni, i sogni sono come la fede e la speranza…raggiungere la carità è difficilissimo ma noi seguiamo la Sua strada proprio come Lui ci ha insegnato donandoci il suo Amore.

  5. Giovanni Brandano dice:

    Ezio, anche noi ti vogliamo bene! Grazie di tutto!

  6. Giovanni Brandano dice:

    Grazie Emy…..e non basta!

  7. Chicco Zagone dice:

    Grande Il MIO Comandante !!!!!!!

  8. Giusi Contrafatto dice:

    Tenerezza

  9. Angelo Tomaselli dice:

    buonanotte Ezio…è una bella storia

  10. Fausto Ghisletti dice:

    Grazie di aver condiviso e raccontato queste immagini di grande respiro!

  11. Maria Marea dice:

    Si Ezio, anche noi ti vogliamo bene!

  12. Pio Forlani dice:

    Ezio, ho letto con grande commozione. Voglio che giunga a Johnny, mio compagno di infinite avventure a bordo del San Giorgio e del Maestrale un abbraccio grande quanto l’affetto, l’amicizia e la stima che gli porto.

  13. Giovanni Brandano dice:

    Grazie Pio, il tuo lo ho riconosciuto subito, e’ tra i piu’ graditi perche’ parla e dice tutto di te.-

  14. Egidio Alberti dice:

    Caro Giovanni come ti capisco e ti sono vicino con affetto.

  15. Giovanni Brandano dice:

    Grazie Ammiraglio!

  16. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 buongiorno a tutti.
    I piccoli gesti (che poi per tanti sono grandi) sono miracoli.
    Senza alcun dubbio l’amore è la migliore medicina e non c’è cosa più bella di donare amore… ne sono fermamente convinto.
    Siamo sulla rotta giusta!
    Da oggi, nelle mie preghiere, ci sarà un pensiero per la signora a cui va la mia solidarietà e vicinanza.

  17. Antonio Damiano Coletta dice:

    Sono il marinaio di una volta e concordo col tuo pensiero.

  18. Mariantonietta Belvisi dice:

    Sono il marinaio di una volta e concordo col tuo pensiero.

  19. Marina Da Vinci dice:

    meraviglioso! grazie!!

  20. Silvana De Angelis dice:

    Come gabbiano, spiegasti in volo le ali…
    Vagabondo, sorvolasti lungo le coste del
    tempo…Stremato, fermasti la tua corsa sul
    letto di un fiume solitario…Angosciato, piangesti
    la tua nostalgia. Con grande speranza, tendesti
    la mano…lasciasti che lo sguardo si perdesse
    in una strada trapunta di rubini. Io, come leggiadra
    farfalla stesi le ali al vento, mi levai in alto verso
    un magico incontro con il destino…Mi posai sulla
    tua spalla stanca. Con il sorriso, mandai via la
    tristezza che la solitudine ti aveva dato. E tu,
    come gabbiano reale mi tenesti sotto le tue ali!

  21. Marinaio di Lago dice:

    Chiudi gli occhi…e con ali di gabbiano vola verso quella porta aperta sul dorato orizzonte, laddove il mare si sposa col cielo e il sole,con i suoi raggi, ne consolida l’unione…(cit.

  22. Carolina Graziano dice:

    Dolci Sogni !

  23. SIMBA IL MARINAIO dice:

    Continuare a meravigliarsi ed emozionarci…questo e’ il segreto della vita…Buona navigazione a tutti

  24. Giovanni Brandano dice:

    A Silvana DE ANGELIS – Grazie Silvana, lo conservero’ qui: “…..come gabbiano, spiegasti in volo le ali…
    Vagabondo, sorvolasti lungo le coste del
    tempo…Stremato, fermasti la tua corsa sul
    letto di un fiume solitario…Angosciato, piangesti
    la tua nostalgia. Con grande speranza, tendesti
    la mano…lasciasti che lo sguardo si perdesse
    in una strada trapunta di rubini. Io, come leggiadra
    farfalla stesi le ali al vento, mi levai in alto verso
    un magico incontro con il destino…Mi posai sulla
    tua spalla stanca. Con il sorriso, mandai via la
    tristezza che la solitudine ti aveva dato. E tu,
    come gabbiano reale mi tenesti sotto le tue ali!
    ________________________ Iɳcaɳto ∂єl ϻarє”….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *