19 marzo, ho scritto al mio papà Marinaio

di Paola Tritto

Qualche parola per “l’uomo della mia vita” anche se nel giorno in cui io ho visto la luce lui era in mare, per lavoro (il dovere!). Felice festa del papà!

Giovanni Tritto in una foto recente f.p.g.c. a www.lavocedelmarinaio.com

Paola Tritto per www.lavocedelmarinaio.comNessun motivo è tanto urgente e importante da determinare l’allontanamento di un comandante dalla sua nave, né in pace né in guerra, né allora né oggi; neanche un grave lutto in famiglia. La nascita di un figlio, che avviene comunque anche senza la presenza del padre, verrebbe salutato da tutto l’equipaggio con un brindisi di gioia, senza la necessità di una “licenza”.
Il comandante non è mai in licenza finché la sua nave non è pronta a muovere.”

…tratto da “Tutti a bordo. I marinai d’Italia l’8 settembre 1943, tra etica e ragion di Stato”

P.s. ..e bravo Giovanni, hai preferito Gheddafi a me! E si…dovevi bere con tutto l’equipaggio. AUGURI!

Paola e Giovanni Tritto per www.lavocedemarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Marinai, Marinai di una volta, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Un mare di amici. Permalink.

28 risposte a 19 marzo, ho scritto al mio papà Marinaio

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Auguri Giovanni Tritto

  2. Francesco Montanariello dice:

    Quanto tempo è passato, è come se fosse stato ieri. Giovanni Tritto, che bei ricordi di quel tempo quando non c’era l’orario, h 24, tutti insieme affiatati nel dolce e nell’amaro ma, sempre nel bene. Ciao Giovanni e auguri.-

  3. Pasquale Perrone dice:

    Auguri Giovanni.

  4. Marinaio di Lago dice:

    Auguri a Giovanni Tritto e a tutti i papà di questo meraviglioso gruppo di navigazione. Io come Giovanni ho avuto la stessa esperienza a bordo…

  5. Luisa e Lillo dice:

    Auguri a tutti i papà marinai!!

  6. Giovanni Tritto dice:

    grazie Ezio del pensiero

  7. Gianluca Vallone dice:

    Auguri a tutti i papà della marina militare e non

  8. Marinaio Leccese dice:

    Ciao Giovanni Tritto io ho avuto la tua stessa esperienza. Sono io che ringrazio Dio di avervi conosciuto. Un abbraccio a tutti e grazie per la compagnia

  9. SIMBA IL MARINAIO dice:

    Auguri a Giovanni Tritto e a tutti i papà marinai di questo favoloso gruppo.

  10. Pasquale Mastrangelo dice:

    Grazie di cuore degli auguri che ricambio con affetto e stima, caro Ezio Pancrazio Vinciguerra, le tue attenzioni verso il mio amico Giovanni Tritto e verso l’ANMI di GIOIA DEL COLLE ci onorano!!

  11. EZIO VINCIGUERRA dice:

    :-)grazie per queste bellissime parole Pasquale Mastrangelo e grazie per l’affetto e la compagnia che non mi fate mai mancare. Un abbraccio a tutti voi.

  12. Amedeo Giove dice:

    caro ezio quanto detto da Pasquale vale anche per me

  13. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 E’ stata una benedizione di Dio avervi conosciuto. Grazie AMEDEO.

  14. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Paola Distruzione Tritto ogni volta che la leggo mi commuovo perché molti di noi Marinai di una volta abbiamo vissuto l’esperienza. Abbraccia papà Giovanni Tritto e lasciatemi qualche zeppola…

  15. Giovanni Tritto dice:

    grazie piccola.

  16. Giovanni Tritto dice:

    le zeppolòe di chantilly sono ottime.

  17. Ester Martone dice:

    Auguri Ezio a te e tutti gli amici in ciat

  18. Gianluca Vallone dice:

    Grazie fra’Arturo altre tanto a te

  19. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buonasera a tutti voi e grazie. Estenderei gli auguri anche ai papà Salvatore Girone e Latorre Massimiliano…

  20. Gianluca Vallone dice:

    Auguri a Max e salvo

  21. SIMBA IL MARINAIO dice:

    – BUONGIORNO AL GRUPPO –
    – AUGURI A TUTTI I GIUSEPPE , E PAPA –

  22. Roberto Tento dice:

    Auguriiiiiiii

  23. Saverio Marchetti dice:

    Auguri a tutti i papa’. A loro è dedicata questa mia poesia:
    A TUTTI LI PAPA’
    Er primo che hai chiamato insieme a mamma,
    sulle ginocchia lui t’ha dondolato
    o sulle spalle, senza fànne un dramma,
    pe’ fà da cavalluccio sopra un prato.
    Pe’ le bambine er padre e spesso quello,
    ch’è forte e che và sempre a lavorà!
    Quanno s’acchitta poi è pure bello,
    uno così, sarebbe da sposà!
    C’è chi fà er camionista, o er muratore,
    chi nella cava o nella fonderia,
    chi fà er contadino o er dottore,
    pe’ mannà avanti tutta la famia.
    A tutti li papà der monno intero,
    (la più grande sicurezza che ce sia),
    e pure ar mio, der quale vado fiero,
    je dedico de còre sta poesia.
    02/12/2008 Saverio MARCHETTI

  24. Luciani Rosa dice:

    auguri

  25. Gaspare Polizzi dice:

    Auguri a tutti i Giuseppe

  26. Paola Tritto dice:

    Ciao Ezio… grazie!

  27. Giovanni Dettori dice:

    Ciao Giuaaaahhhhh!!!! che piacere sentirti. Paoletta mi pare che ti coccoli un po troppo, non è che ti stai rammollendo hahaha!!!! Un caro abbraccio a te, Graziella. Valerio e Paoletta.

  28. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Paola Distruzione Tritto, tu ringrazi me? Sono io che ringrazio te e Dio di avervi conosciuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *