Sergio Pagni e l’arte del modellismo navale

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Sergio Pagni per www.lavocedelmarinaio.comSi può dire che da sempre i ragazzi di tutto il mondo hanno giocato con le barchette fatte di gusci di noce. Come giustificare il fascino e l’attrazione che producono queste piccole imbarcazioni, traslazione della realtà mossa dalla imponderabile forza della fantasia?
E chi da grande continua a costruire modelli di natanti sono da definire solo come echi ancestrali di remoti ricordi fanciulleschi o soltanto il “trastullo” di gioco?
Dal gioco privato al collezionismo il passo non è poi tanto lungo, come testimoniano le grandi collezioni pubbliche facenti parte di Musei e Gallerie e le non meno note di privati cittadini che ai tempi odierni identificano questo loro principale hobby nel costruire, da se stessi e con qualsiasi materiale, navi e barche di ogni forma e dimensione.
Il modellista o il collezionista moderno di navi è molto spesso uno studioso di storia militare, di tattica, rapito dal fascino che bandiere, stendardi, scialuppe, armi da fuoco di ogni tipo, esercitano su di lui (…e anche su di noi).
Quel giusto desiderio per un avvicinamento al fantastico mondo incantato del modellismo, in bilico tra fiaba e realtà, che mette in miniatura quello che da sempre è il gioco più grande: la guerra.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA
Nei modellini passa la storia del mondo, con le sue vanità, la sua disperazione ed il suo coraggio. Un mondo dove ognuno di noi ritrova le fantasie infantili ed in cui all’amore per la storia si affianca il piacere di rivivere epoche marinareschi ed eroiche, dove il tentativo di creare un ponte ideale tra noi ed il passato ci spinge, con passione, puntiglio e tenacia a ricercare ed approfondire ogni aspetto di questo hobby che, dopo aver profuso bellezza per gli altri non tiene per se che il piacere di veder sorridere e sognare coloro che giocano o collezionano le proprie realizzazioni.
Sergio Pagni, eterno marinaio sospeso tra gioco e realtà, tra reale e virtuale, tra adolescente ed uomo maturo, è un arista che non ha smesso mai di sognare e che continua a vedere e a far vedere il mondo con gli occhi innocenti  e trasparenti di un bambino.

Serve tanta passione Giulio Pagni per www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Recensioni, Un mare di amici. Permalink.

11 risposte a Sergio Pagni e l’arte del modellismo navale

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Sergio Pagni, eterno marinaio sospeso tra gioco e realtà, tra reale e virtuale, tra adolescente ed uomo maturo, è un arista che non ha smesso mai di sognare e che continua a vedere e a far vedere il mondo con gli occhi innocenti e trasparenti di un bambino.

  2. Sergio Pagni dice:

    Caro Ezio emigrante di poppa ………. l’eterno ragazzo modellista ti ringrazia è una “passionaccia” che mi porto dietro fin da ragazzino un abbraccio affettuoso …….

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Penso che dovresti esporre le tue opere così potremmo ammirarle più da vicino. Ancora tantissimi complimenti Sergio Pagni

  4. Marinaio di Lago dice:

    🙂 concordo con Ezio complimenti

  5. Ciro Laccetto dice:

    Ottimo ! Una bellissima Nave Museo che andava restaurata

  6. Pietro Scognamiglio dice:

    Se sti stramaledetti ci danno la possibilità di fermarci dal lavoro e goderci la agognata pensione,chissà che non riprendo questa passione lasciata da ragazzo!

  7. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Pietro Scognamiglio carissimo, spero che questo giorno arrivi presto in modo che tu ti possa occupare di quelle cose che ti stanno veramente a cuore. Ricevi un abbraccio solidale e una buona serata

  8. Nicolas Rotunno dice:

    bravissimo

  9. Giovanni Marras dice:

    Santa pazienza… 🙂

  10. Nico Vernì dice:

    Un saluto da un appassionato

  11. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Nico Nico Verni’ bellissime anche le tue creature, sai cosa mi è venuto in mente? La prossima estate si può organizzare a San Benedetto una mostra tutta sui modellini navali a similitudine della mostra fatta quest’estate. Che ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *