La battaglia per l’impero – La fine dell’Africa Orientale italiana” (Orazio Ferrara)

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

…Faccetta nera addio.

Copertin del libr Battaglia per l'impero di Orazio Ferrara - copia - www.lavocedelmarinaio.comPer i tipi della Delta Editrice di Parma è uscita la monografia storica di Orazio Ferrara “La battaglia per l’impero / La fine dell’Africa Orientale italiana”.
Dopo la vittoriosa campagna dell’invasione del Somaliland britannico nell’estate del ‘40, gli alti comandi italiani dell’Africa Orientale italiana, con incredibile cecità strategica, ordinano alle loro truppe di rinchiudersi a riccio in difesa, nella fallace illusione di aver trasformato in questo modo l’impero in una fortezza inespugnabile.
Così gli inglesi in crisi, approfittando del momento di stasi graziosamente concesso loro dagli avversari, continueranno incessantemente ad alimentare quello scacchiere con uomini e mezzi. Per l’impero è l’inizio della fine. Ma prima gli inglesi dovranno sudare lacrime e sangue. A Cheren, la El Alamein dell’Africa Orientale, essi saranno ad un soffio dal perdere questa battaglia decisiva. Non avverrà, solo per l’incompetenza e forse la fellonia di certi vertici militari italiani.
Nelle sperdute ambe abissine gli italiani comunque scriveranno pagine incredibili di epopea militare, a scorno del solito saccente generale inglese. Fu per i reparti italiani, sia quelli nazionali che indigeni, una gara a superarsi letteralmente in valore, in battaglie tra le più cruenti del secondo conflitto mondiale. Spesso il nemico, ammirato e stupito, concesse ai pochi superstiti feriti l’onore delle armi.
Orazio Ferrara per www.lavocedelmarinaio.comA Culqualber, i cui difensori erano stati definiti “quei testardi pazzi” dal comando britannico, il 1° Gruppo Carabinieri Mobilitato in Africa Orientale conquisterà la seconda medaglia d’oro al valor militare alla bandiera dell’Arma. Quei carabinieri, unitamente ai legionari in camicia nera e agli ascari, conteranno perdite, tra morti e feriti, intorno al 75% degli effettivi. Un tributo di sangue altissimo. D’interi reparti non resta alcun sopravvissuto. E nelle cantate delle genti abissine essi diventeranno “I Leoni del passo delle Euforbie”.

 

Titolo: La battaglia per l’impero – La fine dell’Africa Orientale italiana;
Autore: Orazio Ferrara;
Anno: 2014;
Editore: DELTA EDITRICE B.go Regale, 21 – 43121 Parma (Italia);
email: deltaed@iol.it
Tel.0521.287883 – fax 0521.237546

Per saperne di più sull’autore digita sul motore di ricerca del blog Orazio Ferrara

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Storia. Permalink.

7 risposte a La battaglia per l’impero – La fine dell’Africa Orientale italiana” (Orazio Ferrara)

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Pregevole lavoro di Orazio Ferrara sulla Battaglia d’Africa …la fine di faccetta nera.

  2. Pietro Mitrangolo dice:

    condivido

  3. Angelo Cipriani dice:

    mi piace

  4. Francesco Rosato dice:

    condivido

  5. Iacono Francesco dice:

    che peccato però perdere così stupidamente il nostro piccolo ma delizioso impero…

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Francesco penso di concordare sullo stupidamente. In qual periodo storico la corsa alle colonie aveva precedenza sulla politica estera dei vari paesi contendenti…più tardi sappiamo che avrebbe causato devastanti effetti che, purtroppo, si avvertono ancor’oggi nella cosiddetta era globalizzata. La storia, come la vita, siamo noi e come disse il poeta: ai posteri l’ardua sentenza.

  7. Marino Miccoli dice:

    E’ un argomento poco trattato eppure meritevole della nostra attenzione quello della resistenza degli italiani all’avanzata degl’Inglesi in A.O.I.; anche un mio zio, Giuseppe Polimeno,nel 1941 era nel “Corno d’Africa” e fu preso prigioniero a Massaua (Eritrea).Benissimo ha fatto Orazio Ferrara a scrivere un libro che tratta di quei primi mesi di guerra e di quale e quanto coraggio abbiano dimostrato i militari Italiani combattendo isolati a migliaia di km. dalla madrepatria contro un esercito soverchiante in uomini e mezzi.Onore a tutti loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *