Tende e brande al soleggio

di Carlo Di Nitto

…per arieggiare ed eliminare l’umidità che inevitabilmente si accumulava negli alloggi equipaggio nelle vecchie navi.

Tende e brande al soleggio (foto Carlo Di Nitto) - www.lavocedelmarinaio.com - Copia
Però i marinai, sempre scalzi!

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai di una volta, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

25 risposte a Tende e brande al soleggio

  1. Capelli Bruno dice:

    per risparmiare le scarpe……

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Un abbraccio al presidentissimo Carlo Di Nitto per queste “chicche” di vita dei marinai di una volta…

  3. Carlo Di Nitto dice:

    😉

  4. Marinaio di Sora dice:

    mi piace

  5. Giorgio Bristot dice:

    mi piace

  6. Carlo Di Nitto dice:

    Con questa immagine “solare”, auguro a tutti una buona domenica improntata ad un tempo sereno (finalmente!)

  7. Michele Di Liberto dice:

    buona domenica fra carlo

  8. Pietro Rossi dice:

    “sciorino” di brande e materassi …mi ricordo! buon giorno

  9. Carlo Di Nitto dice:

    Grazie, frà Michele, ricambio!

  10. Filippo Bassanelli dice:

    Carlo penso che è un sereno di poca durata ma che sia veramente serenissima la giornata odierna

  11. Carlo Di Nitto dice:

    Il sereno che auguro a tutti, più che meteorologico, i deve essere spirituale!

  12. Maria Rosaria Fantasia dice:

    I marinai sempre scalzi come le mie nipotine : scalze in tutte le stagioni…Forse aspirano a diventare CARMELITANE

  13. Gigi Fois dice:

    Buongiorno Renato Comizio

  14. Dino Turchetti dice:

    sempre bei ricordi d chi ha vissuto quell’epoca

  15. Carlo Gaetani dice:

    il cosiddetto : sciorino di Branda che dopo ogni uso venivano “rollate” nei bastingaggi (rastelliere x contenerle) lo raccontava mio nonno cl.1902 R/N da battaglia D.Alighieri SC. M/A torre da 305 m.m.

  16. Bruno Caleffi dice:

    Buona domenia Franco, buona giornata fra’.
    Buona domenica e buona giornata Carlo. Buongiorno e buona domenica a tutti fratelli d’onda.

  17. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buongiorno a Carlo Di Nitto e a tutti Voi carissimi.
    Questa foto fa comprendere, qualora ce ne fosse ancora di bisogno, che “Lui” camminava scalzo e si era attorniato di pescatori e umili. Anche Francesco predicava scalzo proprio come quei marinai di una volta che ci sono nella / nelle foto di Carlo e che man mano pubblicherò. “Lui” non si stanca mai di perdonare, siamo noi che dobbiamo imparare ed insegnare a perdonare.

  18. Eduardo Zamino dice:

    Grazie Carlo buona domenica a te e famiglia

  19. Roberto Tento dice:

    Buona domenica …Presidente e grazie di tutte le foto della nostra amata marina

  20. Salvatore Luisi dice:

    A Palermo fino agli anni 70 esisteva il mestiere di “zavorriere” . Si andava con le barche a vela e motore a prelevare la sabbia per costruzioni edilizia dal fondo del mare e dalle spiagge. L’quipaggio formato da quattro-cinque persone caricavano e scaricavano a PIEDI NUDI appunto come San Francesco e si andava a lavorare quando il mare lo permetteva (durissimo lavoro) Buona giornata Ezio e Carlo

  21. Fernando Antonio Toma dice:

    GRAZIE CARLO PER LE BELLISSIME FOTO CHE RIEVOCANO LA VITA A BORDO DELLE NAVI DI UNA VOLTA BUONA DOMENICA A TE E A TUTTI GLI AMICI

  22. Luisa e Lillo dice:

    ..grazie Carlo..e scusa il ritardo! Buona serata…

  23. Renato Comizio dice:

    Foto Fantastiche e Rare Grazieeee…

  24. mARCO xIMENES dice:

    Grazie Carlo e buon inizio settimana.

  25. bruno v. dice:

    1966 sul PO era una consuetudine. L’unico problema era riuscire a farla asciugare per la sera…..e non sempre era possibile. Ciao a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *